Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia: gli stranieri pagano 4 miliardi di tasse, dice think tank think

Secondo la Fondazione di ricerca Leon Morissa con sede a Venezia, i contribuenti nati all’estero in Italia hanno pagato quattro miliardi di euro di Irpef.

Il think tank ha affermato il 1 luglio che i dati del Ministero dell’Economia italiano basati sulle dichiarazioni dei redditi individuali per il 2020 (rispetto al 2019) hanno consentito di analizzare l’impatto della popolazione immigrata sul totale della popolazione contribuente italiana.

In tutto, in Italia, i contribuenti nati all’estero erano 4,2 milioni. Il think tank ha dichiarato di aver dichiarato 60,2 miliardi di euro di entrate e pagato 9 miliardi di euro di imposta sul reddito delle persone fisiche all’IRPEF.

Rilevando la tendenza dal 2010 al 2019, il think tank ha notato un graduale aumento sia del numero dei contribuenti nati all’estero (+27,2%) sia dell’ammontare del reddito dichiarato (+31,5%).

Contribuenti nati all’estero 10,2% del totale

Lo studio ha affermato che i contribuenti nati all’estero costituivano il 10,2% del totale e il loro impatto variava dal 4,3% nella fascia di reddito più alta al 15,9% in quella più bassa.

Tra i contribuenti nati all’estero, quasi la metà (47,7%) dichiara un reddito annuo inferiore a 10.000 euro.

Tra i nati in Italia, questa fascia di reddito rappresentava solo il 28,6% dei contribuenti. Ben diversa la situazione anche per i ricavi superiori ai 25.000 euro: solo il 12,1% dei nati all’estero rientra in questa categoria contro il 31,1% dei contribuenti di origine italiana.

Distribuzione geografica

Più della metà dei contribuenti nati all’estero viveva in Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Lazio, rappresentando in media il 10,2% del totale, ma i numeri sono aumentati nelle regioni del centro nord, raggiungendo il valore più alto in Trentino-Alto Adige ( 16,3%).

READ  L'Italia accetta un piano di ripresa economica con i fondi dell'Unione Europea per combattere il COVID-19

Tuttavia, il think tank ha affermato che il divario di reddito tra contribuenti italiani e stranieri è rimasto troppo elevato. In generale, in Italia, il contribuente nato all’estero ha dichiarato 14.680 euro, ovvero circa 8.000 euro in meno rispetto al contribuente italiano. Il divario ha superato i 10.000 euro in sei regioni.

A livello provinciale, l’influenza dei contribuenti nati all’estero ha raggiunto un picco a Prato (23,4%). Tra le grandi città, Milano ha registrato un’incidenza del 14,6%. Anche Genova e Firenze hanno superato la media nazionale. Complessivamente la componente femminile è stata del 44,5%, con punte significativamente più elevate tra i Paesi dell’Est Europa (Ucraina, Moldavia, Polonia) e dell’America Latina (Perù, Brasile).

In media, ogni contribuente nato all’estero nel 2020 ha dichiarato 14.680 euro e versato 3.360 euro di Irpef.

I paesi dell’UE e dell’Europa occidentale in generale hanno fornito valori significativamente più elevati, in linea con i contribuenti di origine italiana.

Confrontando i dati del Ministero dell’Economia con il numero di dipendenti di ciascuna nazionalità, i contribuenti stranieri stimano un totale di 2,3 milioni. Ciò ha consentito di calcolare il volume di reddito dichiarato dai contribuenti stranieri (30,3 miliardi) e il volume di IRPEF pagato (4 miliardi). La comunità più rappresentata è stata la Romania con oltre 635.000 contribuenti, seguita da Albania (162.000) e Cina (149.000).