Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Italia e Spagna si svegliano al calcio femminile | Sport | Il calcio tedesco e le principali notizie sportive internazionali | DW

L’Italia smette di rallentare

Per molto tempo, l’Italia conservatrice è rimasta a guardare mentre le altre maggiori potenze dell’Europa occidentale sperimentavano una crescita nel calcio femminile. Ora che potrebbero esserci soldi da fare, hanno fretta. Questa stagione vede l’inizio di un campionato completamente professionistico, che è più di quanto si possa dire per la Bundesliga. “Ora i giocatori stranieri sono interessati a venire qui”, ha detto il tecnico della Juventus Joe Montemoro, mentre il capitano della Juventus Lisa Poatin ha raccontato quanto tempo ci è voluto per vincere la battaglia finanziaria.

La crescita internazionale del campionato è stata evidente nell’impressionante partita principale del secondo turno, nel pareggio per 3-3 tra Juventus e Inter. L’ex attaccante del Bayern Linneth Berenstein (Olanda) ha segnato una doppietta, mentre l’arrivo della nazionale islandese Sarah Björk Gunnarsdottir dal Lione alla Juventus è stato un altro segno della crescita del club. E ha segnato due gol per l’Inter, Tabitha Shawinga, dal Malawi e ceduto in prestito dalla Cina.

Con la nazionale che si è appena qualificata per la Coppa del Mondo per la seconda volta consecutiva dopo un Euro deludente, alcuni critici iniziano a compiacere. Nuovi soldi, forniti da investitori privati, aumentano la concorrenza, mentre il campionato è stato ridotto a dieci squadre. È stato possibile acquistare la partecipazione, il che significa che il Parma, ex club di terza fascia, è stato finanziato da un membro del consiglio di amministrazione di una catena di supermercati americana. “Quando si presenta l’opportunità, devi coglierla”, ha detto il titolare del club Kyle Krause, che è stato un convinto sostenitore di una più equa distribuzione del denaro nel calcio italiano (per gli uomini).

READ  Il Tour de France porta Santini come fornitore della maglia gialla

Ad Empoli, però, molte tifoserie hanno protestato contro il successivo scioglimento della propria squadra femminile. In una lettera aperta si parla di mancanza di interesse all’interno del club e di motivazioni puramente economiche della cessione, indicando mancanza di tempo per raccogliere fondi, e un’ulteriore mancanza di volontà. A Parma, almeno, la volontà c’è. Lì, i tifosi maschili ora possono visitare gratuitamente anche le partite femminili con il loro pass stagionale.

Sebbene la professionalità sia vista da molti come l’unico modo per far progredire il calcio femminile, non c’è dubbio che apra le porte a una gamma più ampia di interessi finanziari, piuttosto che atletici. C’è anche la possibilità di aumentare la distanza tra giocatori e tifosi. Esiste un modello migliore per il gioco femminile?

La Spagna spende soldi

Ogni volta che ci sono stati record da segnalare nel calcio femminile ultimamente, sono sempre andati in Inghilterra: contratto televisivo più alto, commissione di trasferimento più alta e l’unico campionato professionistico del continente. Ma l’equilibrio di potere sta cambiando quest’anno. La Liga ha appena firmato un contratto quinquennale da 35 milioni di euro con la radio digitale DAZN e ha anche annunciato un campionato professionistico sotto forma di Liga F. Il nuovo slogan del campionato: “Il calcio senza F non è lo stesso” non è male affatto. Non è certo un’impresa da poco per una donna inglese essere attirata in Spagna per una quota record del mondo.

Il centrocampista vincitore del campionato europeo Keira Walsh si è trasferito dal Manchester City al Barcellona per 460.000 euro. Piccolo tiro di ammonimento dalla Liga F alla WSL. Il suo club e compagno di squadra internazionale Lucy Bronze hanno fatto la stessa mossa in vista del Campionato Europeo. Grazie a tanto lavoro, gli spagnoli sono passati anche dalla caduta al secondo miglior campionato d’Europa. Potrebbero superarlo presto.

READ  L'European League comprende sei squadre della Premier League inglese

Ma per ora, c’è un segno nero. Il primo turno della Liga F è stato posticipato a causa di un tiro degli arbitri. “Siamo tristi e frustrati. Abbiamo lavorato per diversi mesi, ma alla fine c’è stata una mancanza di rispetto”, ha detto la presidente dell’associazione, Beatriz Alvarez.

Ma dov’è la vera mancanza di rispetto? Gli arbitri si battono per contratti professionali e stipendi più alti. Sostengono che non è un vero campionato professionistico quando gli arbitri guadagnano solo 320 euro e gli assistenti 160 euro a partita.

Quando lo sciopero è stato annunciato giovedì scorso prima dell’inizio della competizione, gli arbitri e gli assistenti arbitrali hanno rilasciato una dichiarazione in cui affermava:

“Gli arbitri vogliono fornire il miglior servizio possibile al calcio e questo significa necessariamente che ci sono condizioni di lavoro minime paragonabili a quelle per impostare l’arbitraggio per la competizione professionistica maschile”.

Tuttavia, Alvarez ha parlato di un disaccordo con la Federcalcio spagnola, aggiungendo: “La Federcalcio spagnola ha cercato fin dall’inizio di boicottare il campionato professionistico femminile e il Consiglio supremo dello sport gli ha permesso di farlo”.

situazione complicata. Le controversie sindacali non possono essere respinte semplicemente in riferimento alla solidarietà. I campionati femminili devono ancora affrontare ostacoli.