Gennaio 27, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

ITA: Nessun accordo con i sindacati, al via gli appuntamenti con le regole delle compagnie aeree private

L’incontro di ieri tra il gruppo dirigente di ITA – Italia Trasporto Aereo, la compagnia di bandiera italiana – e le rappresentanze sindacali non si è concluso con un accordo.

Ciò significa che l’assunzione di circa 2.800 lavoratori per l’avvio, che avverrà il 15 ottobre, sarà determinata secondo le regole di ITA, non in linea con il contratto collettivo nazionale. Questo dovrebbe iniziare domani.

I lavoratori Alitalia dovevano partecipare allo stesso processo di assunzione degli altri lavoratori e non era garantita l’esclusione degli ex dipendenti Alitalia dall’ITA.

Secondo fonti citate sole 24 ore Quotidiano economico, la lite è avvenuta nel bel mezzo di una riunione di due ore, in cui la compagnia aerea ha proposto unilateralmente il suo contratto commerciale. Secondo i sindacati, i pagamenti ITA potrebbero diminuire del 38% per Alitalia, con i maggiori tagli che colpiscono in particolare gli equipaggi di volo.

Fuori dall’edificio erano in attesa i lavoratori dell’Alitalia, che reagivano frustrati dopo l’annuncio dei risultati della trattativa. I rappresentanti sindacali hanno occupato simbolicamente la sala riunioni per sei ore e il 24 settembre è stato annunciato uno sciopero dei lavoratori dell’aviazione.

I sindacati hanno affermato, secondo loro, che “le organizzazioni sindacali hanno deciso di non abbandonare il tavolo delle trattative”. Corriere della Serae Fino a quando l’azienda non accetta di avviare trattative serie e costruttive, prive di iniziative unilaterali. Diventa così permanente la mobilitazione che deve garantire la piena occupazione e l’attuazione del contratto collettivo di lavoro”.

In un comunicato stampa copiato anche da Corriere della Sera, L’Ita ha affermato che “le offerte ricevute sono, purtroppo, inaccettabili e non costituiscono nemmeno una base di negoziazione coerente con la complessità e la tempistica della sfida che la società deve raccogliere in vista dell’avvio delle operazioni il 15 ottobre. [are] […] Soprattutto è orientato al recupero dei costi che non corrisponde alla realtà oggettiva dei fatti«.

READ  Le piastrelle indiane brillano negli Stati Uniti: conquistano la quota di mercato cinese

La compagnia aerea ha inoltre affermato che “il successo dell’Ita dipende da un’effettiva chiusura industriale” e che i pagamenti previsti rispetteranno il minimo stabilito dal contratto collettivo.

Anche la trattativa avvenuta lo stesso giorno tra i sindacati e il ministero del Lavoro italiano si è conclusa senza un accordo. I sindacati volevano continuità licenziamenti Pagamento (pagamento garanzia salariale Italia) ai lavoratori Alitalia rimasti senza lavoro per la durata del piano industriale dell’Autorità per il trasporto aereo, che scade nel 2025. Il governo italiano ha solo deciso di prolungare i pagamenti per un altro anno, a partire dal 22 settembre.

Secondo l’economista Ugo Arego Per il canale di notizie Sky TG24Il costo dell’operazione per lo Stato italiano potrebbe raggiungere i 2 miliardi di euro per una stima di 7.500 lavoratori.