Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Istituzione: Studenti John Hay che vanno in Italia

21 studenti e il loro insegnante d’arte intraprenderanno un viaggio indimenticabile per vedere alcune delle opere d’arte e delle strutture più impressionanti del mondo.

CLEVELAND — Il sogno di un’insegnante d’arte della zona è mostrare ai suoi studenti alcune delle strutture e delle opere d’arte che hanno solo studiato.

Tra un paio di mesi il suo sogno si avvererà, grazie all’aiuto della comunità.

Studenti d’arte Cleveland Elementary College High School di John Hay Hanno lavorato duramente nell’ultimo anno per raccogliere fondi per andare in Italia in primavera.

“Sono molto entusiasti”, afferma Cynthia Tapia-Green, l’insegnante d’arte che per prima ha presentato l’idea ai funzionari della scuola nel 2021. “È davvero il viaggio di una vita.”

Per quasi un anno, i 21 studenti del corso di architettura di Tapia-Greene hanno fatto di tutto, dalla vendita di ciambelle e cordini di John Hay al lavaggio di auto e alla vendita di cene per raccogliere più di $ 3.000 per il viaggio. Visiteranno le città italiane di Assisi, Firenze e Roma, ammirando l’architettura di fama mondiale come il colossale David di Michelangelo, la Cappella Sistina e il Colosseo.

“È una cosa completamente diversa sperimentarlo di persona, vederlo, sperimentare la cultura e la lingua”, afferma Tapia-Green, sottolineando che molti dei suoi studenti provengono da zone a basso reddito. “Alcuni di questi studenti non sono nemmeno usciti da Cleveland. Alcuni hanno il passaporto o è la prima volta che salgono su un aereo.

“Stiamo praticando l’italiano e stiamo imparando a conoscere alcuni dei posti che visiteremo. Si sono preparati tutto l’anno e sono davvero entusiasti.”

READ  Iran FM visita l'Italia, afferma che Teheran cerca una quota naturale nel mercato dell'energia

Poiché molti studenti non raggiungono il loro obiettivo, gli studenti ricevono comunque donazioni dalla comunità. La classe parte per un viaggio di una settimana il 16 marzo e, se desideri aiutare, puoi inviare un’e-mail a Cynthia Tapia-Greene all’indirizzo [email protected]