Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Israele allenta le leggi sull’aborto in risposta a Ro

Israele Ha allentato le sue normative sull’accesso all’aborto in quella che il ministro della salute del paese ha definito una risposta “triste” la scorsa settimana. Sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti Il cuore del caso Roe v. Wade.

Le nuove regole, approvate lunedì da una commissione parlamentare, garantiscono alle donne l’accesso alle pillole abortive attraverso il sistema sanitario universale del paese e rimuovono un requisito di lunga data secondo cui le donne si presentano fisicamente davanti a una commissione speciale prima che possano interrompere una gravidanza.

La decisione è arrivata dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti venerdì ha annullato le protezioni costituzionali per l’aborto, un cambiamento fondamentale e profondamente personale nelle vite degli americani dopo quasi mezzo secolo sotto Roe v. Wade.

Le persone partecipano a una protesta per i diritti all’aborto allo Utah State Capitol a Salt Lake City dopo che la Corte Suprema ha ribaltato Roe v. Wade. (AFP)

La decisione ha suscitato proteste negli Stati Uniti e ha aperto la strada a un’ondata di contenzioso.

Il ministro della Salute Nitzan Horowitz, a capo del piccolo partito liberale Meretz, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti ha riportato indietro le lancette del tempo sui diritti delle donne.

Disse: “Una donna ha un diritto completo sul proprio corpo”. “La decisione di SCOTUS di negare a una donna il diritto di decidere sul proprio corpo è un triste processo di oppressione delle donne, che riporta il leader del mondo libero e liberale indietro di cento anni fa”.

Le proteste scoppiano negli Stati Uniti dopo la decisione sul diritto all’aborto

L’aborto è ampiamente disponibile in Israele ed è molto meno controverso che negli Stati Uniti, ma le donne non hanno ancora automaticamente il diritto alla procedura.

In base alle nuove regole, le donne israeliane avranno ora accesso alle pillole abortive presso le loro cliniche sanitarie locali. Inoltre non avranno più bisogno di presentarsi fisicamente davanti a un comitato di approvazione dell’aborto e il modulo di domanda sarà abbreviato e semplificato.

Il ministro della Sanità israeliano Nitzan Horowitz ha condannato la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Roe v. Wade.
Il ministro della Sanità israeliano Nitzan Horowitz ha condannato la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Roe v. Wade. (AFP)

I comitati per l’approvazione dell’aborto sono stati pesantemente criticati in Israele nel corso degli anni. Sebbene la maggior parte delle richieste sia stata approvata, le donne si sono opposte al fatto di essere soggette alla burocrazia e a un processo umiliante e invadente. Le donne possono anche affrontare lunghi periodi di attesa prima che la commissione possa vederle.

Il processo verrà invece digitalizzato e l’obbligo di intervistare l’assistente sociale diventerà facoltativo. Entro tre mesi entreranno in vigore le nuove norme.

“La riforma che abbiamo concordato oggi creerebbe un processo più semplice, più rispettoso, più avanzato e preserva il diritto delle donne a prendere decisioni sul proprio corpo, un diritto umano fondamentale”, ha affermato Horowitz.

READ  Il Cremlino afferma di aver catturato la città meridionale di Kherson. Le Nazioni Unite condannano l'invasione. La Russia dice che centinaia dei suoi soldati sono stati uccisi. la preoccupazione della Russia per l'uso delle bombe a grappolo; Secondo quanto riferito, le scuole colpite da attacchi missilistici russi