Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Isozaki, l’architetto giapponese vincitore del Premio Pritzker, è morto all’età di 91 anni

È morto di vecchiaia Arata Isozaki, l’architetto giapponese vincitore del Premio Pritzker noto come un gigante postmoderno che ha mescolato la cultura e la storia dell’Oriente e dell’Occidente nei suoi progetti. Aveva 91 anni.

È morto di vecchiaia Arata Isozaki, l’architetto giapponese vincitore del Premio Pritzker noto come un gigante postmoderno che ha mescolato la cultura e la storia dell’Oriente e dell’Occidente nei suoi progetti. Aveva 91 anni.

Isozaki è morto mercoledì nella sua casa sull’isola giapponese meridionale di Okinawa, secondo Bijutsu Techo, una delle riviste d’arte più rispettate del paese, e altri media.

Isozaki ha vinto il Pritzker Architecture Prize, il più alto riconoscimento globale del settore, nel 2019.

Isozaki ha iniziato la sua carriera di architetto sotto l’apprendistato della leggenda giapponese Kenzo Tange, vincitore del Pritzker nel 1987, dopo aver studiato architettura all’Università di Tokyo, la migliore scuola del Giappone.

Isozaki fondò il suo studio, Arata Isozaki & Associates, che chiamò “Atelier” intorno al 1963, mentre lavorava nella biblioteca pubblica della sua prefettura natale a Oita, una delle sue prime attività.

È stato uno dei principali architetti giapponesi a progettare edifici all’estero, trascendendo i confini nazionali e culturali, e anche come critico dello sviluppo urbano e dei progetti urbani.

Tra le opere più note di Isozaki ci sono il Museum of Contemporary Art di Los Angeles e lo stadio Palau St. Jordi di Barcellona costruito per i Giochi estivi del 1992. Ha anche progettato edifici iconici come il Disney Team Building e la sede della Walt Disney Company in Florida .

Nato nel 1931 a Oita, aveva 14 anni quando fu testimone delle conseguenze dei bombardamenti atomici statunitensi di Hiroshima e Nagasaki nell’agosto 1945, che uccisero 210.000 persone.

READ  Luoghi delle riprese del film "Love in the Villa"

Ciò ha portato alla sua teoria secondo cui gli edifici sono temporanei ma dovrebbero anche piacere ai sensi.

Isozaki ha detto che la sua città natale è stata bombardata e ha attraversato la spiaggia.

“Così sono cresciuto vicino al ground zero. Era in completa rovina, non c’era architettura, nessun edificio, nemmeno una città”, ha detto quando gli è stato assegnato il Premio Pritzker. “Quindi la mia prima esperienza con l’architettura è stata priva di architettura e ho iniziato a pensare a come avrebbero ricostruito le loro case e città”.

Isozaki era anche un critico sociale e culturale. Gestiva uffici a Tokyo, Cina, Italia e Spagna, ma si è trasferito nella regione di Okinawa nel sud-ovest del Giappone circa cinque anni fa. Ha insegnato alla Columbia University, Harvard e Yale. Il suo lavoro comprende anche la filosofia, le arti visive, il cinema e il teatro.

Mari Yamaguchi, Associated Press