Agosto 7, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Iran FM visita l’Italia, afferma che Teheran cerca una quota naturale nel mercato dell’energia

TEHERAN – Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian, partito lunedì mattina da Teheran per Roma, ha incontrato il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio.

Secondo quanto riferito, i due massimi diplomatici hanno discusso di sviluppi bilaterali, regionali e internazionali.

Una delegazione stava andando in Italia con Amir Abdullahian.

All’arrivo, Amir Abdullahian ha detto: “Il viaggio in Italia si fa su invito del ministro degli Esteri di questo Paese. Abbiamo avuto due consultazioni e colloqui a New York e Monaco. Perseguire la cooperazione politica, economica e commerciale è uno degli obiettivi principali della visita e vari programmi sono stati inseriti all’ordine del giorno per questi obiettivi.

La visita arriva in un momento delicato poiché gli Stati Uniti e l’Iran sono sotto pressione, in particolare dall’Unione Europea, per rilanciare l’accordo nucleare del 2015, ufficialmente noto come Piano d’azione globale congiunto.

I principali negoziatori dell’Iran e degli Stati Uniti hanno tenuto colloqui a porte chiuse nella capitale del Qatar, Doha, dal 28 al 29 giugno. I colloqui sono stati presieduti dal coordinatore dell’UE Enrique Mora.

Pochi giorni dopo i colloqui di Doha, ha telefonato al capo della politica estera dell’UE, Amir Abdullahi, e ha sottolineato la necessità di rinnovare il JCPOA.

Il capo negoziatore nucleare iraniano ha detto di essere in contatto con Mora per un nuovo round di colloqui.

L’Iran dovrebbe godere di tutti i benefici economici del PACG

Nell’incontro con il ministro degli Esteri italiano, Amir Abdullahian ha affermato: “Vogliamo che il JCPOA funzioni bene. Vogliamo disperatamente un accordo buono e duraturo e crediamo che l’Iran possa trarre tutti i benefici economici dal PACG. L’America ha bisogno di capire meglio questo fatto sulle garanzie.

READ  Garum Biblioteca e Museo Della Cucina - Roma, Italia

Ha detto che Teheran stava sempre facendo nuovi sforzi per rilanciare l’accordo. Tuttavia, il ministro degli Esteri ha affermato che gli americani non si sono comportati “correttamente” e “razionalmente”.

Dovrebbero rendere realistica la loro comprensione dell’argomento, ha suggerito Amir Abdullahian.

Di Mario, dal canto suo, ha sottolineato che l’Italia e l’Unione Europea sono interessate ai negoziati per il ritorno di tutte le parti nel JCPOA e che l’Italia è pronta a svolgere un ruolo positivo in questa materia.

“Azioni naturali nel mercato dell’energia”

Amir Abdullahian ha affermato che l’Iran desidera avere la sua quota naturale nel mercato dell’energia e aiutare così la comunità internazionale.

I commenti del principale diplomatico iraniano arrivano mentre il mercato globale deve far fronte a prezzi del petrolio più alti a causa delle sanzioni occidentali contro la Russia per la sua guerra all’Ucraina.

“buona opportunità”

All’incontro, il ministro degli Esteri italiano ha ritenuto molto importante per gli attuali sviluppi internazionali la visita del suo ministro degli Esteri iraniano a Roma e l’ha valutata come una buona opportunità per ampliare le relazioni bilaterali.

Amir Abdullahian ha espresso il suo interesse per lo scambio di beni e tecnologia tra Iran e Italia, definendo la situazione attuale “un’opportunità adeguata per entrambe le parti di espandere il commercio”.

Il ministro degli Esteri iraniano ha raccomandato ai settori privati ​​di entrambi i paesi di approfondire la cooperazione economica e commerciale.

Il capo della diplomazia italiana ha aggiunto che le aziende italiane sono desiderose di continuare le loro attività economiche in Iran.

“La diplomazia non è una strada a senso unico”, afferma Amir Abdullahian

Dopo l’incontro con il ministro degli Esteri italiano, il ministro degli Esteri iraniano ha scritto che la “finestra della diplomazia” è ancora aperta per rimettere sulla buona strada il Jcpoa grazie alle iniziative dell’Iran.

READ  Roundup Italia: obiettivo di investimento di Inarkasa del 3% | notizia

“Se la finestra della diplomazia è ancora aperta, è grazie agli sforzi energici dell’Iran”, ha twittato Amir Abdullahian.

Il capo della diplomazia ha aggiunto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non può imporre le opinioni di Washington all’Iran lanciando accuse contro l’Iran e imponendo sanzioni economiche.

“@POTUS non può imporre le opinioni unilaterali dell’America mediante impeachment e sanzioni. “La diplomazia non è una strada a senso unico”, ha osservato il ministro degli Esteri.

Amir Abdullahian ha sottolineato la posizione di lunga data dell’Iran nel rilanciare l’accordo nucleare, dicendo che “è necessario accettare la realtà, la flessibilità e le iniziative degli Stati Uniti per raggiungere un accordo finale”.