Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Involucro mondiale mentre sempre più paesi allentano le restrizioni COVID-19

Festa in discoteca a tarda notte. Posti a sedere gomito a gomito nelle sale cinematografiche. Portamento dei volti senza maschera in pubblico, specialmente in Europa e Nord America: A poco a poco, molti paesi che sono stati duramente colpiti dal coronavirus stanno aprendo e allentando le loro misure restrittive dure e spesso impopolari volte a combattere il coronavirus COVID-19 anche se la variante Omicron – considerata meno grave – ha fatto salire alle stelle i casi.

Le prime mosse per allentare tali restrizioni evocano un nuovo punto di svolta in una pandemia di quasi due anni che ne è stata piena.

A poco a poco, molti paesi che sono stati duramente colpiti dal coronavirus stanno aprendo e allentando le loro misure restrittive dure e spesso impopolari (Damien Storan/PA tramite AP)

L’OMS riconosce che alcuni paesi possono considerare giudiziosamente un allentamento delle regole se vantano alti tassi di immunità, forti sistemi sanitari e curve epidemiologiche favorevoli.

Omicron ha meno probabilità di causare malattie gravi rispetto alla precedente variante Delta, secondo gli studi. Omicron si diffonde ancora più facilmente di altri ceppi di coronavirus ed è già diventato dominante in molti paesi. Infetta anche più facilmente coloro che sono stati vaccinati o che erano stati precedentemente infettati da versioni precedenti del virus.

Ma l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, sempre diffidente su come un virus si sta ancora diffondendo ampiamente potrebbe evolversi, ha avvertito di sottovalutare Omicron.

“Siamo preoccupati per il fatto che in alcuni paesi abbia preso piede una narrativa secondo cui, a causa dei vaccini – e a causa dell’elevata trasmissibilità e della minore gravità di Omicron – prevenire la trasmissione non è più possibile e non è più necessario”, ha affermato il capo dell’OMS Tedros Adhanom Gheybreysus durante una regolare conferenza dell’OMS Martedì il briefing sulla pandemia. “Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.”

I lavoratori camminano sul London Bridge verso il quartiere finanziario della città di Londra durante l'ora di punta del mattino, a Londra, lunedì 24 gennaio 2022.
L’Inghilterra ha posto fine a quasi tutte le restrizioni interne: le mascherine non sono richieste in pubblico e i pass per i vaccini non sono più necessari per entrare in eventi o altri luoghi pubblici, mentre l’ordine di lavoro da casa è stato revocato (Foto AP/Matt Dunham)

Il suo capo delle emergenze, il dott. Michael Ryan, ha affermato che alcuni paesi potrebbero legittimamente iniziare ad allentare le restrizioni, ma ha avvertito di una corsa alle uscite e ha consigliato ai paesi di valutare le proprie situazioni. Ha avvertito che “la pressione politica farà sì che le persone in alcuni paesi si aprano prematuramente – e ciò comporterà una trasmissione non necessaria, malattie gravi non necessarie e morte non necessaria”.

L’OMS parla da tempo di un ritardo tra il momento in cui vengono segnalati i casi e un conseguente impatto sul bilancio delle vittime. Martedì scorso, ha affermato che i nuovi casi in tutto il mondo dal 24 al 30 gennaio erano simili al livello della settimana precedente, ma il numero di nuovi decessi è aumentato del 9%, per un totale di oltre 59.000. Più di 370 milioni di casi e oltre 5,6 milioni di decessi legati al COVID-19 sono stati segnalati in tutto il mondo.

I ritiri più pronunciati stanno spuntando in Europa, per molti mesi epicentro mondiale della pandemia, così come in Sud Africa – dove Omicron è stato annunciato pubblicamente per la prima volta – e negli Stati Uniti, che ha registrato sia il maggior numero di casi che di decessi per COVID -19 di ogni singolo Paese.

Gran Bretagna, Francia, Irlanda, Paesi Bassi e diversi paesi nordici hanno adottato misure per porre fine o allentare le loro restrizioni COVID-19.

Passeggeri a una fermata dell'autobus a Copenaghen, in Danimarca, martedì 1 febbraio 2022.
L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, sempre diffidente su come un virus si sta ancora diffondendo ampiamente potrebbe evolversi, avvertendo di sottovalutare Omicron (Liselotte Sabroe/Ritzau Scanpix via AP)

La scorsa settimana, l’Inghilterra ha quasi posto fine a tutte le restrizioni interne: le mascherine non sono richieste in pubblico e gli abbonamenti per i vaccini non sono più necessari per entrare in eventi o altri luoghi pubblici, mentre l’ordine di lavoro da casa è stato revocato. Una condizione persistente: coloro che risultano positivi devono ancora autoisolarsi.

Martedì, la Norvegia ha revocato il divieto di servire alcolici dopo le 23:00 e il limite alle riunioni private a non più di 10 persone. I viaggiatori che arrivano al confine non dovranno più sostenere un test COVID-19 prima dell’ingresso. Le persone possono sedersi di nuovo gomito a gomito in occasione di eventi con posti a sedere fissi e gli eventi sportivi possono svolgersi come avveniva in tempi pre-pandemici.

“Ora è tempo per noi di riprenderci la nostra vita quotidiana”, ha detto martedì il ministro della Salute norvegese Ingvild Kjerkol. “Stasera, annulliamo la maggior parte delle misure in modo da poter essere più vicini a vivere una vita normale”.

Come hanno fatto alcuni libertari, oppositori dei vaccini e altri che si sono irritati e hanno ignorato i mandati del governo, molte persone potrebbero resistere alla riapertura. Alcuni potrebbero attenersi a indossare maschere anche se non richieste, o evitare eventi affollati; strette di mano diffuse o baci sulle guance potrebbero dover aspettare.

Come per tutta la pandemia, molti paesi stanno andando per la loro strada: l’Italia ha inasprito i requisiti del pass sanitario durante l’ondata di Omicron. Da lunedì, il suo governo richiede almeno un test negativo nelle 48 ore precedenti per entrare nelle banche e negli uffici postali e chiunque abbia più di 50 anni che non è stato vaccinato rischia una multa di 100 euro (159 dollari).

L’Austria, che è stato il primo paese europeo a ordinare un mandato di vaccinazione, ha in programma di allentare altre restrizioni COVID-19 questo mese e adottare misure come lasciare che i ristoranti rimangano aperti più tardi. La Grecia ha ordinato multe per le persone di età pari o superiore a 60 anni che si rifiutano di vaccinarsi.

In Germania, dove le infezioni stanno ancora colpendo i record giornalieri e i funzionari sono ancora preoccupati per un gran numero di anziani non vaccinati, restano in vigore restrizioni come il divieto di riunioni private e l’obbligo per le persone di mostrare la prova della vaccinazione o di riprendersi per entrare nei negozi non essenziali. I leader del Paese hanno in programma di rivedere la situazione il 16 febbraio.

“Penso che nel momento in cui avremo la sensazione di poter allentare (restrizioni) in modo responsabile, i governi federale e statale faranno quel passo”, ha detto lunedì il portavoce del governo tedesco Steffen Hebestreit. “Ma al momento è ancora un po’ prematuro”.

Tonga ha annunciato un blocco del coronavirus a seguito di nuovi casi nella comunità. Non si sa ancora se siano legati all’arrivo dei soccorsi. (Forza di difesa australiana) (AP)

Altri continenti sono ancora più cauti. Alcuni dei tassi di vaccinazione più alti al mondo si trovano in Asia – che non è estranea a focolai precedenti come SARS e MERS – e i suoi leader si attengono a misure di blocco più severe o addirittura le inaspriscono, per ora.

Mercoledì sera, la nazione del Pacifico di Tonga stava entrando in un blocco dopo aver riscontrato infezioni da coronavirus in due lavoratori portuali che aiutavano a distribuire gli aiuti in arrivo dopo un’eruzione vulcanica e uno tsunami. Ciò è venuto contro i timori che le ricadute del disastro naturale del mese scorso potessero innescare un secondo disastro portando la pandemia in una nazione che era stata priva di virus.

Alla vigilia di ospitare le Olimpiadi invernali, la Cina si atteneva alla sua politica formale zero-COVID-19 anche se l’85% della sua popolazione è completamente vaccinata, secondo i dati di Our World in Data. Pechino impone rigorosi blocchi e quarantene rapidamente quando vengono rilevati casi e continua a richiedere alle persone di indossare maschere sui mezzi pubblici e mostrare lo stato “verde” su un’app sanitaria per entrare nella maggior parte dei ristoranti e negozi.

Alla vigilia di ospitare le Olimpiadi invernali, la Cina si atteneva alla sua politica formale zero-COVID-19 anche se l’85% della sua popolazione è completamente vaccinata (Getty)

La Thailandia, dove il 69% della popolazione è completamente vaccinato, secondo Our World in Data, continua a richiedere l’uso di maschere in pubblico e impone l’allontanamento sociale, nonché altre restrizioni.

Singapore, che vanta il più alto tasso di vaccinazione dell’Asia con l’87% con almeno due vaccinazioni, mantiene le sue restrizioni anche mentre si dirige verso un “viaggio di transizione verso una nazione resiliente al COVID-19” iniziato ad agosto, con misure sia per rilassarsi che per stringere le regole quando le condizioni lo richiedono.

Con quasi l’80% della sua popolazione completamente vaccinata, il Giappone ha resistito alle restrizioni obbligatorie, ma continua a esortare il pubblico a indossare maschere per il viso e osservare le pratiche di distanziamento sociale, chiedendo al contempo ai ristoranti di ridurre gli orari di apertura.

La Cambogia, con l’81% della sua popolazione vaccinata, ha abbandonato le restrizioni ai ristoranti e ad altre attività, ma richiede ancora che le mascherine funzionino in pubblico e incoraggia il distanziamento sociale.

Negli Stati Uniti, i leader locali hanno fornito un miscuglio di risposte. La città di Denver ha annunciato lunedì l’imminente fine dei suoi mandati di maschere per aziende e spazi pubblici, mantenendoli per le scuole cittadine e i trasporti pubblici. Una mossa nello stato di New York, dove i casi di omicron hanno raggiunto il picco, poi precipitato, dalla fine di dicembre, è bloccata nei tribunali.

READ  Una coppia americana trova 18 serpenti marroni DeKay sotto il letto