Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

invenzioni | A chi interessa la salute delle donne?

(Montreal) A chi interessa sviluppare invenzioni per migliorare la salute delle donne? Le donne stesse sono più degli uomini. Questa è una delle conclusioni del lavoro di un gruppo di ricercatori dopo aver esaminato le registrazioni dei brevetti biomedici concessi negli Stati Uniti per un periodo di quasi 35 anni. Tuttavia, i loro dati hanno anche mostrato che le donne hanno molte meno probabilità di ottenere brevetti rispetto ai loro colleghi maschi.


Stephanie Marine
Stampa canadese

Man mano che innovano maggiormente per risolvere i problemi di salute degli uomini, i problemi delle donne vengono trascurati.

Solo il 25% dei titolari di brevetti statunitensi per farmaci o strumenti chirurgici sono donne, e questo è stato menzionato nello studio recentemente pubblicato sulla rivista Scienza.

Ma quando team di donne sviluppano invenzioni, hanno il 35% di probabilità in più di giovare alla salute delle donne rispetto a quelli creati da team di uomini, ha spiegato in un’intervista con uno degli autori dello studio, professore di comportamento organizzativo presso la Desautels School of Management della McGill University. John Paul Ferguson.

I brevetti delle donne spesso riguardano condizioni specifiche di genere come il cancro al seno e la preeclampsia postpartum (pressione alta con scarsa funzionalità degli organi), nonché malattie che spesso colpiscono le donne come il lupus.

Ma è anche probabile che gli inventori determinino come i trattamenti per i problemi che colpiscono entrambi i sessi, come gli attacchi di cuore e il diabete, possono essere adattati per soddisfare le esigenze delle donne. Sono anche più propensi a verificare se le loro invenzioni, come la medicina, producono effetti diversi a seconda del sesso del paziente.

READ  L'indifferenza alle vaccinazioni ha bisogno di incentivi

Questo è il motivo per cui il professor Ferguson afferma che la società nel suo insieme beneficia di più donne che portano le loro invenzioni sul mercato.

Tuttavia, scoprire che la salute delle donne è trascurata nella ricerca non è una novità.

Se sono note barriere alla presenza delle donne nella scienza e nella tecnologia, le conseguenze vanno oltre questa osservazione.

Uno è stato evidenziato dal suo progetto di ricerca con i colleghi Rembrandt Koning, dell’Università di Harvard, e Sampsa Samilla, dell’Università di Navarra in Spagna: volevano determinare obiettivamente le conseguenze del divario di innovazione biomedica rivedendo tutti i brevetti concessi. tra il 1976 e il 2010 dallo United States Patent and Trademark Office.

Per identificare le invenzioni che aiutano a risolvere i problemi di salute di uomini, donne o entrambi i sessi contemporaneamente, i ricercatori hanno utilizzato l’intelligenza artificiale per analizzare più di 400.000 brevetti.

la loro conclusione? Per i 35 anni di studio, le invenzioni biomediche si sono concentrate più sui bisogni di salute degli uomini che delle donne.

“Questa mancanza di attenzione ha danneggiato le donne”, ha detto il ricercatore, sostenendo che la ricerca ha ignorato alcuni casi, per quanto prevalenti come l’endometriosi.

Ma non tutto è desolante, si affretta ad aggiungere: osserva che il numero di brevetti biomedici registrati a nome delle donne è passato dal 6,3% al 16,2% negli ultimi tre decenni.

“Ci sono reali progressi nella proporzione di invenzioni biomediche destinate alle donne e anche nella proporzione di invenzioni mirate alla salute delle donne”.

Afferma che se il cambiamento nell’atteggiamento degli uomini verso gli assi di ricerca “può in parte spiegare” questo aumento delle invenzioni legate alla salute delle donne, la maggior parte è imputabile alla “maggiore presenza delle donne in questo campo”.

READ  Sigarette elettroniche e tabacco caldo: cosa dice la scienza sulla loro pericolosità?

Gli uomini inventano anche per la salute delle donne, sottolinea Ferguson, ma meno spesso.

Sostiene che nel settore dell’innovazione “una rappresentanza più diversificata è importante per ottenere un insieme più diversificato di invenzioni”.

Sfortunatamente, dice, la “discriminazione sociale” ha ostacolato molte buone idee.

Infatti, il suo collega Rembrandt Koning ha affermato che i loro calcoli indicavano che se gli inventori maschi e femmine fossero stati così rappresentati durante il periodo in esame, “circa 6.500 invenzioni sarebbero apparse nel campo della salute delle donne”.

Lo scopo di questo lavoro è trovare soluzioni. Aumentare la consapevolezza tra gli inventori maschi per considerare la salute delle donne è fondamentale, ma secondo il professor Ferguson, quest’altra strada avrà un impatto ancora maggiore: la vera diversità del pool di inventori.