Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘Intrinseco alla nostra identità’: il ritorno del kiwi nelle terre selvagge di Wellington | animali selvaggi

unPer lungo tempo lungo una cresta battuta dal vento sulla costa meridionale di Wellington, sopra il mare agitato e le ombre delle turbine eoliche ronzanti, 11 kiwi – l’amato uccello nazionale della Nuova Zelanda – sono a casa per la prima volta da generazioni.

Gli unici uccelli incapaci di volare sono stati impegnati nella settimana dal loro arrivo. Sono tutti usciti dalle loro case temporanee artificiali e hanno iniziato a scavare tane sui pendii con i loro potenti artigli. Presto rivestiranno le loro tane con foglie, soffice muschio e piume in preparazione delle loro enormi uova simili all’alabastro.

Il kiwi, che sarà monitorato da vicino per assicurarsi che si stabilizzi nel suo nuovo habitat, è il primo di un gruppo di 250 che sarà introdotto nelle terre selvagge intorno alla capitale nei prossimi sei anni: una pietra miliare per una città che è orgogliosa stesso sul reintegro dell’avifauna locale.

Un grande kiwi marrone è in fase di preparazione nell’Isola del Nord per essere lanciato a Wellington. Fotografia: Neil Hutton

È difficile sapere esattamente quando i kiwi siano scomparsi dalla città, ma alcuni ambientalisti ritengono che siano assenti da più di 100 anni. Si stima che circa 12 milioni di kiwi una volta vagassero per il paese, ma l’introduzione di predatori e la perdita di habitat ha spinto quei numeri a livelli allarmanti: 68.000 secondo l’ultima stima. Gli sforzi di conservazione stanno iniziando, lentamente, ad aumentare il numero di kiwi.

L’arrivo del kiwi a Wellington segna anni di duro lavoro da parte degli ambientalisti, la creazione della più vasta rete di cacciatori di ermellini nel paese e, cosa più importante, il coinvolgimento entusiasta della comunità, compresi quelli che di solito non sono visti come alleati della conservazione: agricoltori, Appassionati di fuoristrada a trazione integrale e appassionati di mountain bike.

Il rilascio degli uccelli è stato un momento particolarmente toccante per l’uomo che ha guidato il progetto. “Sai come dicono le persone che hanno la pelle d’oca? Li descrivo come dossi kiwi “, dice Paul Ward, un autodefinito ossessionato dagli uccelli che nel 2018 ha messo da parte la sua carriera cinematografica per stabilire Progetto Capital Kiwi – Il Community Preservation Project è dedicato al reinsediamento della popolazione di kiwi selvatici nella capitale.

Quattro anni dopo, il progetto costa 4,5 milioni di dollari e riceve gran parte del suo finanziamento attraverso di esso Predatore gratuito 2050 (Piano nazionale per l’eradicazione dei parassiti), ha fissato il suo primo grande obiettivo. Il 19 novembre si è tenuta una cerimonia presso la Makara Primary School che ha coinvolto 300 persone del Kiwi Capital Project, iwi (tribù), la comunità locale, ambientalisti e proprietari terrieri.

Installa trappole per ermellini.
Ha aperto la strada alla reintroduzione del kiwi allestendo molte trappole per ermellino.
Fotografia: Giosia Watson

Lo specialista del campo e della comunicazione del progetto, Rawiri Walsh, che è anche mana whenua – che significa iwi, Taranaki Whānaui ki Te Upoko o Te Ika, ha i diritti territoriali sulla più ampia regione di Wellington – afferma che il kiwi è Taonga, un tesoro e un pensiero. sembrava una celebrazione della vita.

“Tutti pensavano che i Kiwi sarebbero sempre stati qui, fino a quando non lo erano più – e quel senso di perdita era profondo”, dice Walsh.

Gli uccelli, donati dalla Ngāti Hinewai hapū (sottotribù), hanno volato per più di 400 chilometri dalla Ōtorohanga Kiwi House alla comunità di Mākara, a circa 25 minuti dal centro di Wellington. Tra il gruppo piumato c’è una coppia che si accoppia: una donna di 44 anni delle dimensioni di un tacchino di nome Anahera, e il suo amante, Novo, che ha 36 anni meno di lei.

“Quando Anahera è uscita, aveva questo potere ipnotizzante: si poteva sentire la calma tra la folla. La maggior parte di queste persone non aveva mai visto un kiwi”, dice Ward, aggiungendo che era giusto riportare indietro gli uccelli che sono arrivati ​​80 milioni di anni fa. prima degli esseri umani, e “È dotato del nostro nome ed è intrinseco alla nostra identità”, alla home page.

Tieni in vita i pulcini

Ward si trova sulla linea di cresta della stazione di Terawiti, uno dei più antichi e più grandi allevamenti di pecore del paese, notando la vasta distesa di terreni agricoli montuosi e la rigenerazione della boscaglia nativa che i proprietari terrieri hanno permesso di diventare la casa dei kiwi negli anni successivi. Accanto a lui, il veterano allevatore di kiwi Peter Kirkman raccoglie i suoni sul suo localizzatore satellitare da un kiwi rilasciato di recente contrassegnato da un trasmettitore, mentre il suo cane da caccia, See, mette il naso a terra in cerca.

L’area tracciata da Ward è di quasi 23.000 ettari, la dimensione del famoso Parco Nazionale Abel Tasman della Nuova Zelanda. Negli ultimi quattro anni, un team di volontari e personale del progetto ha installato 4.500 trappole per ermellini in tutto il paesaggio, la più grande rete di trappole per ermellini del suo genere nel paese.

Pete Kirkman del Capital Kiwi Project (a destra) con il direttore della stazione di Terawhiti Michael Grace che rilascia un kiwi in una tana alla stazione.
Pete Kirkman del Capital Kiwi Project (a destra) con il direttore della stazione di Terawhiti Michael Grace che rilascia un kiwi in una tana alla stazione. Foto: Sarah Tansey

I kiwi, sebbene vulnerabili ai predatori più grandi come i cani, sono ben equipaggiati con potenti artigli da combattimento per attaccare i parassiti più piccoli e le grandi dimensioni e lo spessore delle loro uova aiutano a tenere lontani i predatori. Ma i pulcini di kiwi sono completamente vulnerabili, soprattutto agli ermellini.

Se non ci fossero controlli, dice Ward, gli ermellini mangerebbero fino al 100% dei pulcini nella loro zona. La rete da trappola è riuscita a catturare 1.000 ermellini sin dal suo inizio, abbastanza per mantenere la sua popolazione a un livello in cui i kiwi possono prosperare.

Quando gli uccelli si accoppiano, il gruppo di osservazione, guidato da Kirkman, osserverà da vicino la schiusa dei pulcini. “Se riusciamo a dimostrare al Dipartimento di Conservazione che possiamo ottenere sei pulcini su 20 entro un periodo massimo di 10 mesi, è considerato un successo”, afferma Kirkman. “Ma penso che ne avremo di più.”

I kiwi sono uccelli straordinariamente flessibili, afferma Ward, osservando che possono sentirsi a casa quasi ovunque purché ci sia cibo, dalle spiagge ai cespugli alle montagne innevate. Ma è fondamentale che la comunità si “prenda cura” di rendere quell’ambiente il più ospitale e sicuro possibile.

Questo patrocinio, o accettazione della comunità, è stato evidente durante tutto il progetto, dice Ward, che ha tenuto innumerevoli riunioni in capanne di lana, sale comunali e caffè, dove chiunque si avvicinasse, dai proprietari terrieri, alle pecore, alle scuole, ha dato una voce clamorosa. Sì” al ritorno del kiwi nella Capitale.

“C’è stato un incredibile cambiamento nella comunità dal presupporre che la conservazione fosse fatta da un ranger del Dipartimento di Conservazione nel Fiordland o da qualche altra parte, a essere qualcosa che facciamo nei nostri cortili”, dice Ward.

Ward afferma che alcuni dei gruppi più sorprendenti che hanno sostenuto i progetti sono stati i mountain biker e l’ATV Club, che sorvegliano 240 trappole lungo una parte della costa.

“Sono raffigurati come teste di petrolio, ma in realtà sono alcuni dei nostri cacciatori più entusiasti e devoti”.

“Puoi vivere una vita selvaggia e le persone che vivono insieme”

Questo diffuso acquisto di persone è probabilmente un motivo importante per cui Wellington è una delle poche capitali che ha invertito con successo la sua perdita di biodiversità e può vantare Gli uccelli aborigeni prosperano.

“Sono abbastanza fiducioso che ci siano pochissime città che stanno sperimentando questo livello di inversione del degrado, e quindi in aumento in così tanti tipi diversi”, afferma Stephen Hartley, direttore del Center for Biodiversity and Restoration Ecology presso la Victoria University di Wellington. .

Hartley e la sua rete di colleghi in tutto il paese hanno confrontato la situazione ecologica delle città della Nuova Zelanda e hanno tentato di sviluppare un senso di coinvolgimento della comunità e del consiglio nella conservazione.

“Wellington è molto coinvolto dal consiglio e dalla comunità”, afferma Hartley, aggiungendo che ci sono più di 50 gruppi di conservazione volontari che lavorano alla caccia in tutta la città. In una città di oltre 200.000 abitanti, non è cosa da poco.

Ha messo così tanto di questo interesse locale nei 30 anni di sforzi che ha creato un ciclo di feedback positivo, mentre le abbondanti ricompense per gli uccelli locali prendono vita in città.

Nel frattempo, il progetto Kiwi è importante perché “mostra che tutti i tipi di spazi verdi hanno un potenziale”, afferma. I terreni agricoli di Mākara non sarebbero necessariamente una scelta ovvia per l’habitat del kiwi, dice, “ma non è necessario isolare la fauna selvatica nativa in riserve incontaminate o spazi marini… puoi effettivamente avere vita selvaggia e persone che vivono insieme”.

Questa, aggiunge Ward, è l’ultima speranza del progetto Capital Kiwi.

“La nostra ambizione è che le persone dormiranno la notte sentendo il richiamo del kiwi, vedranno le impronte sul campo da golf o i sentieri che hanno percorso con le loro famiglie – e capiranno cosa ha reso possibile che ciò accadesse, e proveranno un senso di tutela su di loro”.

READ  L'ex agente di polizia Derek Chauvin viene dichiarato colpevole di omicidio