Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Intrappolato nella sua bolla, Xi non lascia la Cina dall’inizio dell’epidemia

Singapore: L’ultima volta che il presidente cinese Xi Jinping si è recato all’estero, Donald Trump doveva ancora affrontare un processo, gli incendi stavano ancora bruciando la costa orientale dell’Australia e il governo della città di Wuhan stava ospitando un banchetto per 40.000 famiglie.

Era il 18 gennaio 2020. Xi si è recato in Myanmar per incontrare l’ormai deposto presidente, U Win Myint. Più di 60 casi di COVID-19 sono stati confermati quel giorno a Wuhan, ma il coronavirus non era ancora all’ordine del giorno. A Naypyidaw, Xi ha voluto parlare con Myint dell’accelerazione “dell’allineamento della Belt and Road Initiative e delle strategie di sviluppo del Myanmar”.

Il presidente cinese Xi Jinping a Wuhan nel marzo 2020.a lui attribuito:AP

Il virus che ucciderà 4,8 milioni nel mondo non è menzionato nelle letture dell’incontro. Tra cinque giorni, Xi tornerà a casa per bloccare la città di Wuhan. Questo è stato il primo segno dei metodi brutali ed efficaci che la Cina avrebbe usato per affrontare l’epidemia, un approccio che persiste fino ad oggi.

Xi non era fuori mentre i suoi confini rimanevano chiusi, preferendo impegnarsi in incontri mondiali. Tiene discorsi che chiedono unità e fischi contro l’eccezionalismo occidentale – la vaga aura dell’immagine di Xi che fluttua su un grande schermo sopra l’Assemblea generale delle Nazioni Unite o i negoziati sul clima delle Nazioni Unite mentre delinea la sua visione alternativa del mondo. Poi esce. Non ci sono altri leader mondiali là fuori a interrogarlo.

Di tutti i leader del G20, Xi è l’unico che non ha viaggiato all’estero dall’inizio dell’epidemia. Il gruppo si incontrerà a Roma il 30 ottobre e di nuovo al Glasgow Climate Summit la settimana successiva. Shi ci mancherà di nuovo.

READ  Taiwan schiera aerei da combattimento per contrastare la più grande aggressione militare mai realizzata dalla Cina

Il leader cinese è isolato dai leader mondiali poiché ha isolato il suo paese dal mondo. Dopo aver schiacciato il virus nel luogo in cui è stato rilevato per la prima volta, la terra del COVID-0 è ora l’ultima terra rimasta. Wuhan è chiusa da 10 settimane. La Cina è isolata dal resto del mondo da più di 560 giorni e il numero è in aumento. I nostri colleghi cinesi nel viaggio COVID-Zero – Australia, Nuova Zelanda e Singapore – hanno riconosciuto che devono convivere con il virus e pianificare di aprire gradualmente i loro confini.

Il presidente cinese Xi Jinping è apparso su uno schermo video alle Nazioni Unite a settembre.

Il presidente cinese Xi Jinping è apparso su uno schermo video alle Nazioni Unite a settembre. a lui attribuito:AP

“L’orribile combinazione di alti tassi di attacco e breve incubazione è ciò che rende Delta un punto di svolta”, ha affermato Catherine Bennett, capo dell’epidemiologia presso la Deakin University. “Siamo ora attratti dall’esperienza globale più avvincente di trovare un approccio pratico, etico ed economicamente sostenibile al controllo delle malattie e all’ospedalizzazione”.

La Cina non è ancora pronta ad ascoltare il capo esperto di malattie infettive Zhang Wenhong. Ad agosto, Zhang ha suggerito che la Cina avesse bisogno di convivere con il virus, quindi è stato improvvisamente indagato per plagio dal suo datore di lavoro, la Fudan University. Invece, sta costruendo un centro di quarantena da 350 milioni di dollari con 5.000 stanze per gli arrivi internazionali, completo di tre pasti al giorno consegnati da robot. Le Olimpiadi invernali di Pechino, il loro grande evento internazionale di febbraio, si terranno in una bolla. Chi volesse partire dovrà trascorrere 21 giorni in quarantena.

READ  Più di 38.000 australiani bloccati all'estero a causa del COVID-19, con dozzine di voli previsti per agosto