Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Intesa, Head of Account di UniCredit alla scadenza delle vacanze di prestito Covid

Le banche dell’Europa meridionale a rischio stanno per scoprire la reale portata dei danni ai loro registri di prestito causati dallo sconvolgimento economico della pandemia.

Centinaia di migliaia di aziende e famiglie in paesi come Italia e Portogallo stanno riprendendo il pagamento degli interessi sui prestiti che erano stati congelati quando le chiusure minacciavano i loro mezzi di sussistenza. Secondo Fitch Ratings Inc. Tuttavia, molti mutuatari di settori duramente colpiti come il turismo sono maggiormente a rischio di insolvenza.

Gli istituti di credito italiani Intesa Sanpaolo SpA e UniCredit SpA hanno alcuni dei maggiori cumuli di prestiti con pagamenti in sospeso. Le autorità di regolamentazione hanno ripetutamente avvertito che le banche non hanno a che fare con un incombente aumento dei fallimenti Seriamente abbastanza In mezzo all’ottimismo diffuso su una ripresa guidata dai vaccini.

Forte congelamento

I finanziatori interrompono temporaneamente il pagamento dei prestiti ai clienti in difficoltà

Fonte: depositi aziendali

Bernhard Held, chief credit officer di Moody’s Investors Service, ha affermato nel rapporto dell’11 maggio che la qualità del credito è particolarmente incerta in paesi come Cipro, Italia e Portogallo. “I restanti prestiti che beneficeranno del differimento saranno le principali sacche di potenziale deterioramento del credito”.

I prestatori di tutto il continente hanno distribuito un’indagine quasi completa Gli utili sono superiori alle aspettative nel quarto trimestre, poiché i dirigenti hanno mostrato un tono più ottimista da parte delle autorità di regolamentazione sulla necessità di mettere da parte la liquidità per il credito in difficoltà in futuro. Questi accantonamenti inferiori hanno rafforzato i dati sugli utili e le aspettative di dividendi per gli investitori.

Leggi di più: Le banche europee non hanno più paura di un crollo economico

I mutuatari dalla Germania e dai paesi nordici hanno fatto meno ricorso alla sospensione dei prestiti e la maggior parte di essi è già scaduta. Ciò significa che mentre i paesi dell’Europa settentrionale hanno affrontato per lo più il rischio nascosto di dilazioni di prestito, il conto si sta ancora dirigendo verso sud.

“Mi aspetto un peggioramento dell’intero portafoglio crediti, anche se i prestiti non vanno necessariamente a male”, ha detto in un’intervista Marco Giorgino, docente di finanza e gestione del rischio al Mip Politecnico di Milano.

Uno sguardo più luminoso

I principali istituti di credito in Europa stanno destinando meno soldi a crediti inesigibili in futuro

Fonte: depositi aziendali

I risultati del secondo trimestre forniranno la prova di quanto sia buona la fornitura delle banche dell’Europa meridionale, con gran parte della moratoria rimanente in scadenza. UniCredit ha affermato che genererà 16,2 miliardi di euro (19,8 miliardi di dollari) su un totale di 18,9 miliardi di euro di pagamenti di prestiti congelati in quel periodo. Per Santander, restano circa 7 miliardi di euro su 16 miliardi di euro di prestiti differiti.

I mutuatari dei settori più colpiti dalla pandemia, come l’ospitalità, l’istruzione e l’intrattenimento, hanno utilizzato la maggior parte dei permessi di pagamento. Dipendente All’Autorità bancaria europea.

Un rinnovato aumento delle sofferenze potrebbe annullare anni di risanamento post-finanziario, quando le autorità di regolamentazione hanno spinto i prestatori a ristrutturare e scrollarsi di dosso i crediti inesigibili.

Prestiti inesigibili

La percentuale di banche in crediti deteriorati è crollata negli ultimi anni

Sono stati segnalati i dati raccolti da Bloomberg Intelligence

Tuttavia, la maggior parte delle banche indica di sentirsi a proprio agio riguardo al potenziale impatto sulla qualità degli attivi della graduale rimozione della protezione del credito. Molti dicono che i mutuatari che sono usciti dalla moratoria hanno generalmente tenuto il passo con i pagamenti.

“La situazione è completamente sotto controllo” sia per Intesa che per le altre banche italiane, ha detto Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa, la cui banca ha ancora prestiti per circa 30 miliardi di euro ancora sotto congelamento, in un’intervista televisiva a Bloomberg Channel lo scorso 11 maggio. Analisi del cliente per cliente su tutti i clienti sotto embargo, “e hanno molta liquidità nei loro conti”, ha detto.

READ  Ho bisogno di un nuovo editore Bum che vinca il primo premio alla prestigiosa Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna