Giugno 10, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Intel offre Aurora genAI, esperto scientifico di ChatGPT

Intel ha fatto molti annunci all’International Supercomputing Conference (ISC) 2023. In una conferenza ad Amburgo, il gigante dei microprocessori ha alzato il velo Progetto Aurora genAIil proprio modello di linguaggio simile a GPT di OpenAI, Llama di Meta o persino PaLM di Google.

L’iniziativa è guidata da Intel in collaborazione con Laboratorio Nazionale Argonneuno dei più grandi centri di ricerca negli Stati Uniti, e Hewlett-Packard Enterprise (HPE). Al progetto parteciperanno anche altri partner, come le università americane o il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Leggi anche: Dopo un attacco informatico, una funzione di sicurezza Intel è stata compromessa?

Intelligenza artificiale per aiutare la ricerca

Un modello linguistico si distingue per il tipo di dati su cui viene addestrato. Per addestrare l’IA generativa, Intel si affida in gran parte a un gruppo di componenti Testi e dati scientifici, che copre vari campi come la biologia, la chimica, la scienza dei materiali, la fisica e la medicina. Anche il codice informatico associato alla scienza è stato inserito nell’algoritmo. Quindi il modello è progettato per aiutare gli scienziati nella loro ricerca.

Tra i casi d’uso del modello AI, Intel cita in particolare la progettazione di nuove molecole, la sintesi di nuovi materiali o la realizzazione di nuovi esperimenti di biologia, chimica o climatologia. L’azienda ritiene inoltre che l’Aurora genAI possa essere d’aiuto La ricerca sul cancro o la lotta al riscaldamento globale.

Inoltre, il modello si distingue grazie a 1000 miliardi di parametri. Questo è molto di più dei modelli AI già sul mercato, tra cui Palm (540 miliardi), LaMDA (137 miliardi) o GPT-3 (175 miliardi). Per la cronaca, sono i parametri che determinano la capacità elaborativa del modello. Maggiore è il numero di parametri, migliore è il modello AI in grado di generare risposte accurate alle domande degli utenti. Sulla carta, Intel ha ideato il modello linguistico più grande del mondo.

READ  Salute. Determinare l'origine della polmonite fatale in Argentina

Supercalcolatore Aurora

Quindi il modello Intel non è in grado di funzionare su nessun dispositivo. Per guidare questo modello linguistico, Intel fa affidamento su di esso Supercomputer Da solo, l’aurora boreale. Dotato di elaborazione dedicata ad alte prestazioni e chipset IA, CPU e GPU Xeon, è in grado di fornire fino a due centrali elettriche. Sarebbe in teoria Il supercomputer più potente del mondo, davanti a Frontier, sviluppato dall’Oak Ridge National Laboratory (ORNL), che lo scorso anno ha superato la soglia dell’exaflop. Secondo Rick Stephens, direttore associato dell’Argonne National Laboratory, il modello è stato sviluppato appositamente per Sfruttare tutto il potenziale di un supercomputer.

L’arrivo del supercomputer, progettato esclusivamente per l’Argonne Research Center, è stato ritardato più volte in passato. Intel ha rivisto ampiamente la sua architettura hardware nell’ultimo anno. Alla fine, “Chipzilla” ha optato per un totale impressionante composto in parte da 21.248 processori Xeon, organizzati in 10.000 blade e 1.024 nodi Ethernet e storage ad alte prestazioni forniti da HPE.

Intel afferma che il lancio di Aurora è pianificato durante l’anno. Nel processo, il modello linguistico, che si basa sulle prestazioni della macchina, sarà messo a disposizione anche degli scienziati Argonne.