Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Inquinamenti e indicatori saltano in rosso

La diffusione del virus è in aumento in Borgogna-Franca Contea. Questa è la conclusione a cui siamo giunti esaminando i dati di vari indicatori sullo sviluppo del Covid-19 nella regione.

Nel suo aggiornamento settimanale, l’Azienda sanitaria regionale è stata molto chiara: “Il rischio di affrontare il virus è ora molto alto. La dinamica dell’epidemia è accelerata negli ultimi sette giorni e il tasso di infezione nella popolazione generale ha superato i 600 casi per 100.000 nella regione. Si tratta di un aumento di circa il 50%.

Côte d’Or, la sezione più popolare

In Côte d’Or, questa incidenza è di 729 casi positivi ogni 100.000 abitanti. Questo è il tasso più alto dell’intera regione. Dopo pochi punti troviamo Doubs (721/100.000).

In rosso anche i numeri per l’incidenza tra gli over 65, con una nuova tendenza al rialzo. Questo tasso è di 679 casi ogni 100.000 abitanti in Côte d’Or e 567 casi ogni 100.000 nella regione.

Più preoccupante, il tasso di positività, ovvero la percentuale di test positivi su tutti i test eseguiti, era del 31% in Cote d’Or. Ancora una volta, aumenta bruscamente: 5 punti.

aumento della pressione ospedaliera

Lo sviluppo rapido e brutale della pandemia di Covid-19 si osserva “in tutte le fasce d’età e nelle otto divisioni”, osserva l’ARS. Tanto che la pressione ospedaliera aumenta in un momento già delicato.

Sulla Cote d’Or sono ricoverate 190 persone, di cui 16 in terapia intensiva. I numeri sono alti per una settimana. A livello regionale i pazienti sono 663, di cui 34 in terapia intensiva.

“In queste circostanze, l’ARS Bourgogne-Franche-Comté trasmette i messaggi del Ministero della Salute e della Prevenzione, in particolare per rimobilitare il pubblico in generale sui gesti di barriera”, osserva l’ARS.

READ  Le persone con disabilità hanno lo stesso diritto di riceverlo come chiunque altro

Dall’inizio dell’epidemia, a marzo 2020, 6.517 persone sono morte nelle istituzioni sanitarie della regione e 2.499 nelle istituzioni mediche e sociali.