Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Innovo sviluppa progetti BESS agli ioni di litio della durata di sei ore in Italia e nel Regno Unito

Il gruppo Innovo di nuova concezione punta al portafoglio di sviluppo agli ioni di litio da 1,5 GW/9 GWh di BESS in Italia e nel Regno Unito, con il primo sistema nell’Italia centrale che sarà online nel primo trimestre del 2024.

Il CEO Rodolfo Bigolin ha annunciato l’inizio dello sviluppo di BESS da 72 MW/432 MWh nell’Italia centrale tramite Twitter la scorsa settimana (9 novembre), affermando che il sistema fornirà un supporto essenziale per la diffusione delle energie rinnovabili in Italia.

disse Begolin Energia – Stoccaggio Il progetto dovrebbe andare online nel primo trimestre del 2024. Ha aggiunto che la società prevede di portare altri tre progetti per un totale di 150 MW / 900 MWh attraverso l’applicazione degli studi di rete (STMD) entro la fine di quest’anno e altri 500 MW / 3.000 MWh entro la fine del 2023. STMD significa Soluzione Tecnica Minima di Dettaglio (Dettagli tecnici minimi della soluzione).

La società prevede di avere 1,5 GW/9 GWh – della durata di sei ore – in fase di sviluppo in tutte le aree geografiche, compreso il Regno Unito, entro il primo trimestre del prossimo anno.

“Innovo collabora con le principali società EPC, operatori e consulenti tecnici nel mercato italiano e globale per esplorare le criticità di oggi e definire nel modo più accurato possibile la futura roadmap del mercato”, ha affermato.

Discutendo dell’annunciato progetto italiano, il Direttore di Innovo Engineering, Stefano Girulami, ha dichiarato: “Il nostro progetto da 72 MW si trova in Abruzzo, un’area che prevediamo strategica dal punto di vista del sovraccarico di nodi e rete, con una forte generazione rinnovabile nell’Adriatico meridionale e Dispacciamento alle regioni del nord Italia, per questo motivo lo stoccaggio della batteria in queste regioni faciliterà il bilanciamento della rete”.

READ  Sette giorni di eventi importanti

“Come sopra descritto, abbiamo scelto la taglia media, per la presenza delle cabine di rete di medie dimensioni di importanza strategica”.

Girulami ha aggiunto che l’azienda ha scelto di passare a una durata di sei ore per i suoi progetti perché il mercato dell’accumulo di batterie sta diventando sempre più ad alta intensità energetica piuttosto che ad alta intensità energetica, riferendosi alla transizione nella maggior parte dei mercati sviluppati al commercio di energia piuttosto che alla semplice fornitura . Servizi di risposta in frequenza.

Nonostante la maggiore durata, l’azienda considera gli ioni di litio la chimica più praticabile sul mercato per i progetti, con Gerolami che cita modularità, alta efficienza e alta densità come le cose che lo rendono più attraente.

“Se e quando saranno disponibili nuove soluzioni con costi competitivi e disponibilità diffusa, le prenderemo sicuramente in considerazione. È possibile e necessario apportare miglioramenti per quanto riguarda i livelli di degrado e sostenibilità legati alle tecnologie agli ioni di litio”.

Ha aggiunto che il costo inferiore dell’implementazione di progetti di stoccaggio delle batterie consentirebbe di costruire modelli di business su flussi di entrate “mercantili” puri e privi di sussidi, piuttosto che accumulare servizi di rete con aste e mercati quotidiani. L’operatore di rete Terna richiede periodi di scarico fino a otto ore alle aste che coprono i prossimi tre-cinque anni.

Girulami ha affermato che la maggiore durata ha anche consentito all’azienda di massimizzare la propria impronta e proteggere il sistema in futuro.

“Tendiamo anche a massimizzare la potenza per aumentare l’impronta, il che ci dà maggiore flessibilità nella fase di autorizzazione e nella gestione futura del sistema (aumento di potenza, sostituzione della batteria, ecc., Per mantenere l’efficienza di BESS più alta possibile durante tutto il suo ciclo di vita). “

READ  La Lettonia non è alta motori / materiale

“Il mercato dello storage a batteria è in rapido sviluppo e i futuri volumi di energia rinnovabile (intermittente) alla RTN italiana (rete nazionale di trasporto) renderanno questo servizio indispensabile”.

L’Italia ha circa gigawatt di BESS installati – 1.200 megawatt entro il primo trimestre del 2022 Secondo l’Associazione Nazionale Energie Rinnovabili, ANIE Rinnovabili, e Circa 900 megawatt entro la fine del 2022 Secondo la società di ricerca Delta-EE.

La stragrande maggioranza di queste sono risorse energetiche residenziali/distribuite (DER), grazie in gran parte all’incentivo “super-bonus” per i proprietari di case, ma lo stato è pronto ad aumentare rapidamente la sua penetrazione su scala di utilità nei prossimi anni. Delta-EE prevede circa 800 MW di implementazioni future sia nel 2023 che nel 2024.

Sembra che siano passate più di un’ora o due, che ancora Prevale nel mercato del Regno Unito, il più grande d’Europa.

Le risorse di archiviazione della batteria lo sono Sempre più vincenti nelle aste del mercato della capacità produttiva italiana E il Le distribuzioni di energia rinnovabile stanno iniziando a riprendersi anno dopo annosecondo il sito gemello tecnologia fotovoltaica, Ciò aumenterà l’intermittenza e quindi le opportunità di arbitraggio per i progetti BESS.

Dimissione prolungata di quattro ore come si è visto nei recenti mega progetti di Engytime E il Gruppo NidecE ora a sei ore da Innovo, non dovrebbe sorprendere.

Bigolin ha annunciato la formazione del Gruppo Innovo all’inizio di quest’anno come consolidamento di vari progetti di energia rinnovabile lanciati nel Regno Unito e in Italia.