Settembre 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Indietro nel tempo • T Australia

Petros Protopapas è un uomo minuta con un’atmosfera professionale e appassionato di papillon e tweed. Non riusciva nemmeno a credere alla sua fortuna. “Sto vivendo il mio sogno”, ha insistito, parlando tramite Zoom dalla Svizzera e riflettendo sulla sua posizione di capo dell’eredità del marchio Omega. Dato che Protopapas ha lavorato per molti anni in un settore completamente diverso come pilota commerciale, potrebbe sembrare una scelta improbabile per questo ruolo altamente specializzato. Questo fino a quando la conversazione non si sposta sul marchio che adora. Chiedi a Protopapas qualcosa su Omega e non otterrai una risposta breve, ma una lezione di storia completa impartita con apparente autorità e gioia. Dieci minuti dopo, sicuramente conoscerai meglio, per esempio, il pensiero alla base dell’Alaska Project Speedmaster o la metallurgia pionieristica di PloProf. “È un mostro di conoscenza”, insiste il CEO di Omega Raynald Eichlemann con palpabile orgoglio. Petros è la nostra Wikipedia di Omega.

Il fascino di Protopapas per il marchio è stato alimentato quando ha ricevuto un Omega Seamaster da suo nonno nel 1964 come regalo di laurea. Divenne lentamente un collezionista e iniziò a cercare nei mercatini delle pulci e nelle vendite di garage per pezzi vintage. “A quel tempo, potevi davvero fare scoperte incredibili, trovando guglie da 18 carati per $ 5”, ricorda. Ma la sua vera educazione è venuta da un’amicizia che ha stretto con un importatore privato di orologi Omega in Grecia. Protopapas trascorreva ore nel seminterrato dell’uomo, spulciando i fogli dell’orologio che accompagnavano gli acquisti dell’uomo e specificando i riferimenti dei prodotti e le informazioni tecniche. “Ogni giorno libero che avevo, ero a casa loro, sfogliavo i giornali, imparavo cose e avevo accesso a informazioni davvero di prima mano che nessun collezionista era mai stato in grado di vedere”, dice. “Quindi ho iniziato abbastanza presto prima che Internet decollasse davvero”.

READ  Kobo Libra 2 - Recensione 2021

Forte di queste informazioni privilegiate, il fascino di Protopapas per Omega è cresciuto e la sua collezione è diventata più seria, fino a diventare una presenza regolare nella boutique tanto che il marchio lo ha invitato alle Olimpiadi di Pechino 2008 come ospite VIP greco. Fu lì che incontrò Eschlimann, che rimase scioccato dalla profondità della sua conoscenza enciclopedica. A Protopapas è stato immediatamente offerto un posto presso Swatch Group in Grecia, prima nel reparto di assistenza clienti grazie alla sua conoscenza dei pezzi di ricambio e poi come coach delle vendite, cosa che gli ha permesso di istruire il personale sull’approvvigionamento degli orologi. Infine, gli è stato offerto il suo attuale incarico, a capo dell’Omega Heritage Department e supervisore del Museo Omega.

Situato nella città svizzera di Bienne, quest’ultimo è un tesoro delle avventure orologiere di Omega, che risalgono al 1848. Passeggia nel museo e troverai di tutto, da un passeggino a grandezza naturale alla luna, che rappresenta il trionfo del marchio di diventare il primo orologio sulla luna, a una sezione della pista da corsa che presenta la tecnologia utilizzata da Omega per cronometrare gli eventi di atletica leggera delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Gli orologi indossati da molti James Bond sono esposti in teche di vetro , così come il prototipo dell’orologio che l’avventuriero collegò Viktor Veskovo al suo sottomarino quando andò più in profondità di chiunque altro, precipitando a 10.935 metri sul fondo della Fossa delle Marianne. “Per me, mi sento ancora come un bambino in un negozio di caramelle”, dice Protopapas.

Omega può vantare una storia particolarmente illustre, ma non è l’unica azienda decisa a celebrare il proprio passato. Altri che hanno investito in musei dedicati includono Audemars Piguet, Patek Philippe, Jaeger-LeCoultre, Vacheron Constantin, IWC e Tag Heuer. Nel frattempo, molti altri marchi hanno le proprie divisioni legacy che cercano di garantire che l’anniversario non passi inosservato e che tutto il suo antico splendore venga raccontato dai team di marketing nei dettagli della tecnologia del colore.

READ  GPU NVIDIA Ada Lovelace AD102 di nuova generazione: 24 GB GDDR6X a 21 Gbps, 600 W+