Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Incontro passato e presente “Last Night in Soho”

VENEZIA, Italia (AP) – Poche ore prima della prima mondiale di “Last Night in Soho” di Edgar Wright al Festival di Venezia, gli occhi di Wright hanno iniziato a piangere un po’. Racconta una storia su Lady Diana Rigg. È anche una buona idea, che include Campari e soda l’ultimo giorno che l’ha vista.

La maggior parte delle storie che coinvolgono Rigg hanno la parte di supporto di Campari e Soda.

che è Una storia raccontata da Ce lo dirà sicuramente ancora qualche settimana dopo quell’incontro È morta all’età di 82 anni. Ma è stata una giornata lunga e incompiuta, e Wright si è reso conto che era impossibile separare questo film, un suo progetto di passione per più di 10 anni, dall’esperienza surreale di lavorare non solo con una star che incarna il fascino di negli anni ’60, ma la fece anche amica e la perse.

Ma se c’è mai un film adatto a pensare al passato, al presente, alla fantasia e alla realtà, è Last Night in Soho. La storia fiorita immagina una giovane stilista, ossessionata dagli anni ’60, Eloise (Thomasin Mackenzie) che si reca a Londra per la scuola. Quando trova una stanza da affittare in una vecchia casa a Soho, inizia a realizzare sogni sempre più realistici su quell’epoca e sull’aspirante cantante, Sandy (Anya Taylor-Joy), che all’inizio è divertente e brillante, ma prende una piega sinistra . sono andato più a fondo. Il film esce nelle sale venerdì.

“Il film parla fondamentalmente dei pericoli della nostalgia”, ha detto Wright. “Non esiste un contratto magico in cui tutto sia stato fantastico. È solo un errore suggerire che ci sia. “

READ  Due mostre che mettono in luce i paesaggi dell'Italia e del Vietnam

È una partenza interessante per Wright, che è meglio conosciuto per un certo tipo di umorismo di riferimento, ed è qualcosa a cui stava pensando da un po’. Aveva scritto la storia e la colonna sonora e aveva un “elenco telefonico” pieno di interviste con persone che avevano vissuto, lavorato e bevuto in posti di Soho come Café De Paris nel corso degli anni. Ma quando finalmente si sedette per scriverlo, fissò una pagina bianca.

L’aiuto arriverà sotto forma della sceneggiatrice Kristi Wilson-Kearns, che ha incontrato abbastanza perfettamente la notte della Brexit, e che lavorava anche in un bar di Soho (il tucano, che appare in primo piano nel film). Hanno scritto per sei settimane in un ufficio in affitto a Soho.

“Originariamente immaginavo che tutte le scene degli anni ’60 fossero silenziose, come se fossero pezzi di musica”, ha detto Wright. “(Christy) ha detto che non credo che potremmo innamorarci di Sandy a meno che non l’avessimo sentita parlare. Ha cambiato la dinamica in un modo meraviglioso. “

Wright aveva originariamente concepito Taylor Joy come Eloise. Le ha anche detto lo stesso quando l’ha incontrata nel 2015 quando stava scoppiando dopo il suo ruolo nel film horror indipendente The Witch. Ma quando hanno iniziato a sviluppare Sandy in un personaggio più ricco, si è reso conto che era solo per lei.

“Era un po’ come vederla in altri film e anche solo vederla sul tappeto”, ha detto Wright. “È quasi come una star del cinema muto, vero?”

Ciò significa che ora era senza Eloise. Poi qualcuno ha suggerito Mackenzie di 18 anni.

READ  12 pianisti nella fase finale del prestigioso concorso Chopin

“Era sicuramente un progetto che ho inseguito. Non mi è stato mostrato”, ha detto MacKenzie durante una chiamata Zoom dal blocco in Nuova Zelanda. “Sono stato in una fase molto simile della mia vita… È una ragazza con grandi aspirazioni e grandi speranze, un po’ timida e incerta, ma è determinata a mettersi alla prova e farsi strada verso la grande città e poi un po’ sopraffatta da tutto ciò che è successo con quel viaggio”.

Parallels non si è fermato qui. Non solo lei e il suo personaggio sono venuti a Londra all’età di 18 anni, ma ha interpretato sua nonna, Rita Touchingham, che ha realizzato “Taste of Honey” quando aveva 18 anni nel 1961.

“Ho adorato il rapporto tra Ellie e sua nonna. Ho vissuto con mia nonna per tutta la mia vita. Ora ha 94 anni”, ha detto MacKenzie. “In un certo senso, ho realizzato questo film in onore della sua carriera”.

La nonna di MacKenzie è l’attrice Kate Harcourt, che è diventata famosa in Nuova Zelanda per i suoi contributi al teatro. Come nel film, il passato e il presente sono sempre in dialogo.

Wright ha anche scritto un ruolo solido per un altro importante nome dell’epoca, Terence Stamp. È un cenno non solo agli attori con cui siamo cresciuti amando, ma anche un riconoscimento che molte di queste star in passato sono ancora vive e vegete oggi. In “Soho” ha detto che Reg, Stamp e Tushingham non sono lì solo per “codici”. Sono parti fondamentali che tutti volevano interpretare. Le storie sul lavoro con Federico Fellini e William Wyler e sul pranzo con Tushingham e Richard Lester erano solo bonus.

READ  Non estranea alle epidemie, Venezia apre con cautela la Mostra del cinema | intrattenimento

Gli piaceva soprattutto l’opportunità di rendere omaggio ed esporre un’era che si trasformava sempre più in qualcosa di nuovo e falso.

“È qualcosa che sento nei sogni e che non ho davvero visto in un film che è l’idea di cosa succede se torni indietro e vivi indirettamente attraverso qualcun altro ma eri solo un testimone? Tipo, sei lì e vedi ma non puoi fare nulla”, ha detto. “Se fare un film è come sedersi sul divano di un terapista, è come, non puoi cambiare il passato, puoi solo affrontare il passato nel futuro. Questo è un po’ quello che dice il film. Non importa quello che fai, tu non puoi tornare indietro nel tempo e cambiare le cose. Devi affrontarlo ora.”

L’ultimo giorno che ha visto Reg tirare alcune righe, era costretta a letto. Hanno fatto il loro lavoro e hanno bevuto Campari e soda e poi hanno chiacchierato per un’ora.

Wright stava lavorando con il suo editore quando è arrivata la notizia della morte di Reg, circa un anno prima che il film cult fosse proiettato a Venezia.

Ha detto: “Quel giorno, abbiamo messo la dedica all’inizio del film”.

—-

Segui la scrittrice di film AB Lindsey Bahr su Twitter: www.twitter.com/ldbahr