Settembre 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In rassegna: La struttura sanitaria in Italia

Tutte le domande

Panoramica

L’articolo 32, comma 1, della Costituzione italiana riconosce il diritto alla salute come diritto fondamentale di ogni persona e interesse dell’intera società. Prevede inoltre che la Repubblica italiana garantirà cure gratuite agli indigenti. Pertanto, la legge 23 dicembre 1978 n. 833 Istituito il Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Lo Stato, le Regioni italiane e gli enti locali regionali coordinano la garanzia sanitaria per la popolazione su tutto il territorio italiano.

In particolare, il Titolo V della Costituzione italiana, Riforma costituzionale del 2001 n. 3 Di conseguenza, l’assistenza sanitaria è una questione di competenza condivisa tra lo Stato e le regioni italiane.2 Di conseguenza, lo Stato stabilisce i principi di base relativi all’assistenza sanitaria, mentre le regioni possono adottare leggi regionali e devono organizzare i servizi sanitari nel territorio di loro competenza e garantire l’erogazione di tali servizi.

D’altra parte, lo Stato ha competenza esclusiva per stabilire livelli di manutenzione essenziali (LEA).3 La copertura è garantita su tutto il territorio nazionale ed è definita dal Piano Sanitario Nazionale (PNS).

Come accennato, il SSN è organizzato su tre livelli: nazionale, regionale e locale.

I principali organismi che operano nel settore sanitario a livello nazionale sono: il Ministero della Salute, il suo Consiglio Superiore di Sanità Scientifico e Tecnico, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali ( AGENA).

Mentre a livello locale regionale, 30 dicembre 1992 (D.lgs. 502/1992) il D.lgs. n. Le ASL introdotte dal 502 svolgono un ruolo importante. Le ASL sono suddivise in istituzioni con statuto giuridico generale, distretti, dipartimenti di prevenzione e reparti ospedalieri.

Economia sanitaria

Sono pubblico

Il SSN si basa su tre principi: universalità, equità e uguaglianza. Ciò significa che il SSN fornisce servizi sanitari a tutti i cittadini senza distinzioni personali, sociali o economiche. Tutti i cittadini dovrebbero avere accesso ai servizi sanitari che includono livelli di assistenza essenziale.

Inoltre, l’articolo 32 della Costituzione italiana prevede il mantenimento gratuito per gli indigenti. A tal fine, l'”inaccessibile” non è considerato povero in termini assoluti, ma un individuo svantaggiato in termini di cure di cui ha bisogno, laddove è troppo costoso per la sua situazione economica individuale.

READ  Dall'Italia a New York: una laureata trova il concerto dei suoi sogni e un appartamento a Brooklyn

Il PNS è adottato a livello statale. Ha validità triennale e stabilisce obiettivi chiave di prevenzione, cura e riabilitazione nonché il finanziamento degli stessi. In particolare, il PNS contiene le LEA, che sono un livello minimo di assistenza garantito in modo uniforme su tutto il territorio italiano in ciascuna regione.

D’altra parte, ciascuna regione adotta un Piano sanitario regionale (PSR) con l’obiettivo di consentire alle LEA di pianificare e organizzare al meglio i servizi sanitari nella regione regionale competente. Il PSR ha una durata di tre anni.

Infine, ciascuna ASL approva il proprio Piano di Attuazione Locale (PAL).

Oltre alle prestazioni sanitarie erogate dal SSN, ogni cittadino può decidere di pagare le cure private al di fuori del SSN.

I cittadini di paesi extra UE legalmente presenti in Italia possono accedere al SSN a condizioni diverse a seconda del motivo della loro permanenza in Italia.

ii Ruolo dell’assicurazione sanitaria

Le persone non hanno bisogno di un’assicurazione per accedere ai servizi sanitari forniti dal SSN. In particolare, le prestazioni sanitarie comprese nei LEA sono erogate gratuitamente dal SSN o sono erogate tramite il cosiddetto ticketing (co-pagamento) al costo con la partecipazione dei pazienti.4

Pertanto, l’assicurazione sanitaria non è obbligatoria in Italia. Tuttavia, i cittadini possono decidere di stipulare una polizza assicurativa, anche se complementare o complementare al SSN. Una polizza assicurativa può essere acquistata dai datori di lavoro per sostenere i propri dipendenti (e talvolta le loro famiglie) o da individui per sostenere se stessi e le proprie famiglie (ad esempio attraverso l’appartenenza a determinati gruppi professionali).

Uno dei principali vantaggi dell’assicurazione sanitaria privata è che consente ai pazienti di evitare lunghe liste di attesa nella sanità pubblica.

iii Finanziamenti e compensi per servizi specifici

READ  È ora di consegnare lo stile dell'Irlanda contro l'Italia

Il SSN è finanziato dal gettito fiscale. L’assistenza sanitaria pubblica fornita dal SSN è generalmente gratuita. Tuttavia, alcuni servizi sanitari hanno un sistema di co-pagamento del paziente: ciò significa che il costo dell’attività sanitaria è ripartito tra la regione e il paziente. In genere, l’importo di tale partecipazione al pagamento è moderato, ma l’importo esatto dipende dalla regione e dall’assistenza sanitaria.

Nello specifico, le LEA specificano i servizi che richiedono la bigliettazione (es. trattamenti termici, visite specialistiche). Allo stesso modo, le LEA istituiscono servizi sanitari non co-pagati dai pazienti (ad esempio, servizi forniti da medici generici e pediatri, servizi di supporto specializzato che includono programmi di screening, diagnosi precoce e co-prevenzione promossi o approvati a livello regionale, come il Pap-screening per cancro cervicale. ).

Inoltre, (1) alcune categorie di persone sono esenti dall’emissione di biglietti — per alcuni o tutti i servizi sanitari — in determinate situazioni di reddito legate all’età o allo stato sociale; (2) presenza di patologia specifica (cronica o rara); (3) stato di disabilità; e (4) in altri casi specifici, come la gravidanza o la diagnosi precoce di alcuni tumori.

Se i pazienti scelgono un fornitore di assistenza sanitaria privata, devono pagare le tariffe di mercato per tali servizi sanitari.

Per quanto riguarda i medicinali, il SSN fornisce gratuitamente alcuni tipi di medicinali.

Medicina primaria/familiare, ospedali e assistenza comunitaria

Il primo punto di assistenza in un determinato territorio è solitamente fornito da medici generici (MMG) e pediatri in collaborazione con le istituzioni sanitarie regionali locali. Hanno il loro piccolo ambulatorio dove vedono i pazienti e i loro servizi sono gratuiti per i pazienti registrati con loro poiché i loro servizi sono pagati in base al numero di pazienti serviti dalle istituzioni sanitarie locali. Valutano le esigenze di salute del paziente e organizzano l’eventuale accesso a ulteriori servizi forniti dal SSN.

Il SSN fornisce assistenza domiciliare a persone non autosufficienti o in condizioni debilitanti fornendo adeguata assistenza (es. medica, riabilitativa, infermieristica) ai sensi della sezione 22 dell’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio 2017. L’attuazione dell’assistenza domiciliare deve essere affidata a un ufficio ASL competente e supportata da una prescrizione rilasciata da un MMG o da un pediatra o ospedaliero.

READ  Acquisizione di Poste Ice Payments in Italia

Per quanto riguarda il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), è un insieme di dati e documenti digitali relativi all’anamnesi di ciascun paziente ed è realizzato dalle strutture sanitarie pubbliche e private (art. 12 d.lgs. n. 179 del 18 ottobre 2012). L’articolo 12 del D.Lgs. 179/2012, modificato dall’articolo 11 del D.Lgs. 34/2020 e successivamente dal D.Lgs. 4/2022, disciplina principalmente il FSE. Ai sensi di tale regolamento, ogni operatore sanitario deve registrare nel FSE il servizio sanitario erogato al paziente entro cinque giorni dalla sua prestazione.

Tuttavia, i pazienti non utilizzano FSE, che è ancora poco implementato in Italia. In questo contesto, dovrebbe essere rafforzato sul territorio nazionale il Programma Nazionale di Recupero e Resilienza (PNRR), Missione 6, FSE. In particolare, entro il 2026, la FSE deve (1) continuare a ricevere i dati clinici; (2) l’esperienza FSE dovrebbe essere standardizzata nelle regioni italiane; (3) è possibile la portabilità dei dati; e (4) FSE diventa l’unico accesso all’e-health. A tal fine, in data 11 luglio 2022, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale italiana un decreto redatto dal Ministero della Salute contenente le “Linee guida per l’attuazione delle FSE”.

Dal punto di vista della protezione dei dati, il Garante per la protezione dei dati personali italiano ha pubblicato una FAQ sulla protezione dei dati personali relativa a FSE.

(1) Il paziente, (2) gli operatori sanitari (HCP) – pubblici e privati ​​– che hanno accesso al paziente (compreso l’MMG) e (3) le autorità sanitarie, solo per scopi amministrativi e di ricerca, hanno accesso all’FSE. Sono esclusi altri soggetti quali compagnie assicurative e datori di lavoro.