Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In Italia una marcia poetica sulle orme di Dante | Arte e spettacolo

La “Divina Commedia”, un’ode al viaggio di Dante Alighieri dalla disperazione alla rivelazione, è così radicata nella mente della maggior parte delle persone che anche chi non l’ha letta ha un’idea di cosa contiene. Maledetto per sempre dall’inferno. Demoni con un forcone. Papi ardenti. Lucifero congelato. Peccatori redenbili salgono attraverso il Purgatorio. Beatrice angelica. La felicità del paradiso

Quello che pochi sanno è che è stato ispirato in parte dalle peregrinazioni di quasi 20 anni di Dante nel nord Italia dopo il suo esilio da Firenze nel 1302. L’espulsione dei suoi rivali politici dalla città ha offerto al poeta, politico e aristocratico l’opportunità di fare marcia indietro riflessione. , che Dante potrebbe aver chiamato solvitur ambulando, assioma latino per “risolvere camminando”.

Oggi, in Toscana ed Emilia-Romagna, le filastrocche di Dante si trovano iscritte sui muri di caffè, vicoli e monasteri, e le sue poesie sulla gola e la malizia insieme a menu e orari degli autobus. Ma la gente per strada può fare rime senza guardare a questi impulsi; Le parole del poeta si sentono ancora come se fossero fatwa civili.

Come ogni grande viaggiatore, Dante sapeva che l’opera più importante della mente è vedere, e nessuno vede più dei pedoni. Ciò che vide Dante diede una fisicità cruda per la “Divina Commedia”, ponendo sullo sfondo l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso. Fu anche dove arrivò a considerare alcuni aspetti del comportamento – pensiero, umiltà e generosità – come misure di salvezza, insieme al camminare.

Dopo Il Cammino di Dante, il percorso di quasi 250 miglia che unisce Firenze, città natale di Dante, e Ravenna, dove morì ed è sepolto, è un viaggio tanto poetico quanto un’occasione per una passeggiata. campagna. E così, nei primi giorni d’autunno, io e la mia compagna, Francesca, diventammo Caminatores de Dante, sulle orme del sommo poeta per i campi e per le colline.

o ca. Dante iniziò il suo viaggio etereo negli inferi depresso e turbato dalle bestie feroci di Darkwood. In cambio, le cose sono andate decisamente meglio per noi; Il nostro primo giorno ho camminato lungo la sponda di un fiume e miglia e miglia di fitte orchidee. Né noi, nei nostri primi trent’anni, come Dante, eravamo “a metà del cammino della nostra vita” – almeno speravo di no. Mentre Dante aveva come guida il poeta Virgilio, toccava a noi ricercare i punti salienti del Cammino di Dante. Cerchi rossi, disegnati su cancelli e alberi, raffigurano l’uomo stesso, dall’aspetto entusiasta, snello e provocatorio, con il naso acquoso che ci indica la giusta direzione.

La distanza è una misura stabilita all’inizio della vita, pietre miliari dell’infanzia impresse nella nostra sensibilità geografica per sempre, anche se il mondo intorno a noi cresce di dimensioni e si restringe. Queste dimensioni degli eventi rendono il mondo più accessibile. La mia percezione della distanza è stata plasmata dalla vita nella fattoria di mio padre: due miglia dalla casa di mia nonna, cinque dal pascolo più lontano e dodici dalla città. E così, il nostro primo giorno, con severità, entusiasmo, siamo entrati in città, oltre a fare un giro a casa della nonna.

Ma perchè no? Il sole era alto e caldo, con una leggera brezza che trasportava i suoni dei raccoglitori di frutta attraverso frutteti pieni di uva, pere, melograni, pesche, kiwi e fichi. Ogni volta che incontravamo un cespuglio di more selvatiche, ci riempivamo di sciocchezze, le nostre dita coglievano con entusiasmo un frutto dopo l’altro, scurindosi di macchie di succo d’inchiostro. Le notti erano calde, lasciavamo le tende aperte mentre dormivamo e lasciavamo che la brezza ci rinfrescasse.

Ho subito capito che avrei raggiunto l’umiltà prima del previsto. Ho fatto il classico errore di comprare scarpe nuove da passeggio, che mi ha lasciato con i piedi doloranti per uno dei dannati Simone di Dante. Anche fermarsi non era un unguento per il dolore lancinante. Ogni giorno zoppicavo sempre di più mentre Francesca saltava in avanti. Almeno Dante era lì per trarne simpatia; Ha scritto che un corpo doloroso assomiglia a una mente turbata, “un selvaggio che non conosce pace”.

Ma mentre Dante camminava attraverso una pioggia di fuoco, schivando gli eretici, noi vagammo per i boschi macchiati di castagni e i sentieri sterrati segnati dai trattori, i campi abbracciati e le colline di montagna. Spesso eravamo gli unici spiriti della strada, passando contadini e pastori nei loro campi.

Mentre ci avvicinavamo a una casa di campagna, una donna ha aperto le persiane e ci ha salutato lungo la strada. “Camminatoris di Dante?” Ha urlato e ci ha chiesto di bere dal suo rubinetto. L’acqua era fredda e limpida e il sapore era mite. Ci mise in mano un grosso grappolo d’uva e, mentre masticavamo, il tempo secco era segnato. “Non piove da mesi”, ha detto, il suo toscano italiano traboccante di grana leggera e lussuosa. “Anche il tempo covid!”

I segni di un’epidemia erano ancora visibili nei pochi paesi che passammo: Brisighella, Marradi e San Godenzo, tutti aderenti alle loro valli come grappoli di funghi che germogliano nel tronco serpeggiante di un albero. A Brisighella abbiamo cercato il caffè dominato dai vecchi più chiacchieroni. Mentre lanciavano caffè espresso e giornali ruggenti, hanno alzato la voce per compensare la distanza sociale che si sono dati l’un l’altro. Il coronavirus ha colpito duramente questi piccoli raduni, ma incontrandosi di nuovo, questi habitué hanno incarnato il meglio della resistenza e della speranza dantesca. Un uomo si alzò per andarsene, gridando al pubblico mentre se ne andava: “Salva il diavolo!”

READ  Netflix annuncia una crescita degli abbonati migliore del previsto grazie a "Squid"

Fin dall’inizio, l’Appennino incombeva a occidente e dalla luminosa pianura si alzavano cime verdeazzurre, crescendo di dimensioni ad ogni passo. Non appena li abbiamo raggiunti sul serio, ho sentito le parole di Dante nel mio orecchio: “Perché non sali in cima a questa bella collina? / La causa della gioia e la sua origine brillano lì”. – Confermato suonando il campanello. A sud-est di Maradi, l’Eremo di Gamogna, l’Eremo di Gamogna, si trova sul morbido bordo ad “U” di una valle i cui pendii sono disseminati di ontani e frassini.

L’eremo è una tappa fissa al Cammino di Dante, e le sorelle Anna Emmanuel e Maria Paola hanno insistito per restare a cena, anche se suor Maria Paola ha fatto capire che non ci sarebbe stata conversazione: il mangiare doveva essere fatto in silenzio. Così ha avvertito, ci siamo diretti verso la sala da pranzo, aspettandoci al massimo un piccolo pasto, forse brodo semplice e pane secco. Invece, abbiamo avuto niente meno che una festa: spezzatino di campagna, melanzane arrosto, bayadine, formaggio e salsiccia, pesche, tè e caffè.

Dopo la preghiera di suor Maria Paula dedicata al nostro viaggio, abbiamo caricato i nostri piatti e masticato opere corali di Johann Adolf Haas. Poi, barcollammo nella notte, crollando nella nostra tenda, finendo una bottiglia di Chianti mentre guardavamo le stelle. Al mattino i miei piedi – sussurrai la parola – si sentivano miracolosamente meglio. È difficile stabilire se fosse una supplica o una zuppa, anche se ho ricevuto una preghiera e ho mangiato due ciotole.

L’indomani arriviamo al torrente Acquacheta e alla sua famosa cascata, che “tuona qui, più o meno una, sopra / San Benedetto nell’Alpe”. Nell’Inferno, la cascata sopra la grande scogliera si tuffa nell’ottavo cerchio dell’Inferno, separando i rematori e i seduttori. Ho cementato il mio futuro posto tra l’ex mentre scendo dalla collina, le mie dita dei piedi che urtano contro la parte anteriore delle mie scarpe. Quando siamo arrivati ​​in fondo, ci siamo tuffati nel fiume ghiacciato, abbiamo cenato su una roccia riscaldata dal sole e ci siamo accampati sulla riva rocciosa.

Ci siamo svegliati nella luce azzurra dell’alba, l’aria ammaccata e umida. Il viaggio di Dante attraverso l’Inferno fu un pendio in discesa, ma il Paradiso poteva essere raggiunto solo salendo sulle scogliere del Purgatorio. Man mano che la strada procedeva, decisi di incontrare il suolo, la mia testa che quasi toccava il suolo davanti a me. Con Beatrice davanti come sempre, ho iniziato a fare giochi mentali per motivarmi. Cammina verso quell’albero, poi puoi riposare. Vai a questa curva e puoi sederti. La bruma mattutina e il suo freddo avevano bruciato, e il sole splendeva dalle cime dei cipressi, che erano conficcati come punte di freccia ai piedi della montagna.

READ  Prost lascerà la F1 se verranno applicate le griglie inverse

Dopo un sacco di soffiate, abbiamo sfondato fino in cima. Come Dante e Virgilio sull’orlo del monte Purgatorio, “Qui ci siamo seduti / Ci siamo rivolti a oriente, da cui ci siamo levati / Perché guardare indietro ti incoraggerà tanto”. Sotto di noi, le montagne si posavano sotto la trapunta tessuta di verde bosco, la sua morbidezza solo occasionalmente toccata dal punto della casa che cadeva o da un piccolo salto verde pisello.

Da lì era in pendenza fino a Firenze, e presto la campagna lasciò il posto ai sobborghi industriali. Il nostro tempo stava volgendo al termine e, in ogni caso, non ero sicuro di quanto tempo sarei durato per la gita di un giorno da una fattoria all’altra.

Il caldo di Firenze era incredibile. Le strade odorano di cuoio e sapone, ma pullulano di gente. Abbiamo camminato fino alla Casa Museo di Dante e al Duomo di Firenze con la sua famosa cupola di tegole rosse e le nicchie turchesi piene di santi. La piazza era gremita di spettatori che si contendevano la vista perfetta della basilica proprio di fronte a loro. La sua bellezza era innegabile, ma la sua esperienza è stata a costo del soffocamento. Dante forse desiderava tornare nella sua città natale, ma io desideravo la quieta rettitudine dell’esilio in campagna.

Abbiamo deciso di tornare nella Ravenna più tranquilla per commemorare Dante. Dopotutto, è lì che riposa. Prendendo il treno, abbiamo passato in poche ore ciò che impiegavamo giorni a camminare: la bellezza slanciata di Maradi, la roccia di Priscilla, le linee parallele dei frutteti.

Ravenna era meravigliosamente calma e immobile. Nella sua umile tomba di fronte alla chiesa di San Francisco, il 14 settembre, un piccolo gruppo di curiosi si riunisce per ascoltare il sindaco recitare alcuni passaggi della “Divina Commedia”, proprio come ha fatto tutto l’anno. La forza vitale di Dante qui era densa. Sembra il paradiso, il paradiso di casa. Questo senso di rinnovamento e di rinnovamento si poteva vedere nei volti degli astanti mentre la voce del sindaco portava su di loro il ritmo di Dante: “Il suo spirito che ci ha lasciato ritorna”.