Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In Italia, il sostegno pubblico agli aiuti militari ucraini diminuisce in mezzo a problemi economici: NPR

Una donna tiene un cartello con la scritta “Pace = Stop Putin” durante una manifestazione a sostegno dell’Ucraina all’Arco della Pace a Milano, in Italia, sabato.

Piero Crocetti/Agenzia Anadolu/Getty Images


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Piero Crocetti/Agenzia Anadolu/Getty Images

Una donna tiene un cartello con la scritta “Pace = Stop Putin” durante una manifestazione a sostegno dell’Ucraina all’Arco della Pace a Milano, in Italia, sabato.

Piero Crocetti/Agenzia Anadolu/Getty Images

ROMA – Quando il mese scorso ha prestato giuramento il nuovo governo di coalizione di destra italiana, il premier Giorgia Meloni si è impegnata a continuare il forte sostegno e gli aiuti militari del suo Paese all’Ucraina.

La sua posizione non è cambiata, ma con l’Europa che si prepara al suo primo inverno senza forniture di gas russe e i termostati rifiutati mentre le famiglie lottano per pagare i prezzi elevati delle utenze, c’è la preoccupazione che gli italiani, stanchi della guerra, inviino quantità sempre maggiori. quantità di armi all’Ucraina e vogliono che l’Ucraina e la Russia risolvano le loro divergenze al tavolo dei negoziati piuttosto che sul campo di battaglia.

L’Ucraina dice che intende continuare a combattere fino a quando non riconquisterà tutto il territorio sequestrato dalla Russia dal 2014.

Il sostegno italiano rimane cruciale per il sostegno europeo e della NATO all’Ucraina, e qualsiasi oscillazione dalla terza economia più grande d’Europa potrebbe causare spaccature nel consenso per aiutare l’Ucraina attraverso questo conflitto, mentre il continente si dirige verso un inverno difficile e difficile.

“L’Italia, nel complesso, è il paese più scettico in Europa per il sostegno militare all’Ucraina”, afferma. Stefano FeltriRedattore quotidiano Domani. “Siamo aperti a immigrati e rifugiati ucraini, ma l’opzione militare non è molto popolare”. Questo è vero in tutto lo spettro politico, dice, “a destra ea sinistra”.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: i ricoveri ospedalieri COVID in Ohio hanno raggiunto livelli record | Affare

L’Italia ha ricevuto Più di 171.000 ucraini Dall’invasione russa di quest’anno, secondo i dati delle Nazioni Unite.

I sondaggi mostrano meno del 40% degli italiani concorda sul fatto che il loro paese fornisce armi all’Ucraina, un tasso inferiore rispetto agli altri paesi dell’UE intervistati.

Nel frattempo, molte aziende italiane sono sull’orlo del fallimento e della chiusura, a causa dell’aumento dei costi energetici e dei tassi di interesse. E il inflazione dell’11,9%.

numismaun think tank, riporta che il 62% delle famiglie italiane attualmente vive con meno di 2.000 dollari al mese – e molte incolpano la guerra in Ucraina per i loro problemi economici.

Lo scrittore e giornalista italiano Michele Santoro è stato uno dei critici più accesi degli aiuti militari all’Ucraina. “I più poveri e deboli qui in Italia stanno pagando il prezzo di questa guerra, quelli che non possono difendersi”, ha detto Ha detto in un popolare talk show televisivo la settimana scorsa. “La questione non è più se fornire assistenza militare all’Ucraina. Ora è diventata la priorità numero uno in Europa porre fine a questa guerra”, ha aggiunto.

Gli italiani vogliono che la guerra finisca

Lo scorso fine settimana a Roma, circa 100.000 persone hanno manifestato nella più grande manifestazione per la pace dall’inizio della guerra. La manifestazione è stata organizzata da sindacati e diverse associazioni cattoliche e gruppi pacifisti.

Gli striscioni recavano le parole “Pace”, “No War” e “Stop Sending Weapons”. Molti manifestanti hanno affermato che l’invio di armi in Ucraina stava alimentando il conflitto.

Sabato i manifestanti partecipano a una manifestazione contro la guerra a Roma. Secondo gli organizzatori, più di 100.000 persone hanno manifestato a Roma per chiedere la pace in Ucraina.

Ricardo De Luca/Agenzia Anadolu/Getty Images

Stefania Faziolo è venuta fin da Venezia per dichiarare la sua contrarietà all’aiuto all’Ucraina.

“L’Europa ora è molto debole e sotto l’autorità americana”, ha detto Faziolo, convinto che gli Stati Uniti abbiano interesse a prolungare la guerra in Ucraina.

Un altro pacificatore, Pietro Fergano, ha presentato la storia della sua famiglia durante la seconda guerra mondiale come motivo della sua opposizione a tutte le guerre. Nato in Sicilia, racconta che sua madre rimase senza casa quando gli Stati Uniti bombardarono Palermo nel 1943, e un padre che era un soldato dell’esercito italiano prima che i nazisti lo deportassero in Germania.

Crede anche che gli unici vincitori siano i giganti mondiali del petrolio e del gas. “Stanno diventando sempre più ricchi e stanno rovinando l’economia europea e italiana”, dice Fergano. Aggiunge che le sanzioni contro la Russia sono “molto dannose per noi, il costo della vita è in aumento, le aziende chiudono perché non possono gestire i prezzi dell’energia”.

La maggior parte dei manifestanti che hanno parlato con NPR ha riconosciuto che la Russia ha iniziato la guerra, ma ha affermato che era tempo di colloqui di pace. Tuttavia, la maggior parte era ambigua su come portare le parti in guerra al tavolo dei negoziati.

Tra i manifestanti, “Dobbiamo ottenere un cessate il fuoco”, ha detto Laura Boldrini, parlamentare del Pd di centrosinistra. Vuole una “conferenza internazionale con tutti i leader del mondo per imporre la pace” e fare pressione sul presidente russo Vladimir Putin in modo che non abbia scelta.

READ  L'Italia sostiene gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per promuovere un futuro sostenibile

Governo sotto pressione

Il presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni parla venerdì in una conferenza stampa di gabinetto a Palazzo Chigi a Roma.

Massimo de Vita / Portfolio Mondadori / Getty Images


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Massimo de Vita / Portfolio Mondadori / Getty Images

Il presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni parla venerdì in una conferenza stampa di gabinetto a Palazzo Chigi a Roma.

Massimo de Vita / Portfolio Mondadori / Getty Images

Il governo è stato nominato approvare Il sesto pacchetto di aiuti militari dell’Italia all’Ucraina. Durante la campagna, il Presidente del Consiglio ha detto Meloni Che “l’Italia non sarà l’anello più debole per l’Occidente”.

Ma alcuni analisti cominciano a interrogarsi.

“Penso di avere dei dubbi sul fatto che la sua posizione filo-ucraina possa essere mantenuta in futuro”, dice. Federico Fobinieditore presso Corriere della Sera Giornale.

Si ritiene che Meloni stia affrontando un’opposizione all’interno delle proprie fila.

«A dirla tutta, è un populista e riconosce che gran parte dell’opinione pubblica italiana», dice, «soprattutto tra gli elettori di centrodestra e di destra, si sa, non chiedono molto di sanzioni e non chiedono per molto sull’Ucraina”.