Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In Italia gli esperti del settore prevedono rese più basse, qualità più alta

Secondo Valutazioni L’Agenzia per i servizi per il mercato agricolo e alimentare (Ismia) prevede che la produzione italiana di olio d’oliva scenderà a 208.000 tonnellate per la campagna 2022/23. Ismia ha basato il proprio rapporto sui dati raccolti dalle associazioni di produttori Italia Olivicola e Unaprol all’inizio di novembre.

Le stime indicavano un calo della produzione del 37% rispetto all’anno precedente, che ha comportato la perdita di oltre 120.000 tonnellate di olio d’oliva. Forte siccità insieme ad A anno’ (l’anno meno produttivo nel ciclo alternato dell’olivo).

Questo accade quando i prezzi sono generalmente in aumento Fattori di produzione causato quello Grande sconvolgimento Nel mondo della piena produzione ”, ha detto l’analista di mercato Ismea, Tiziana Sarnari, Olive Oil Times. Aumentano così anche i prezzi alla produzione, spinti non solo dall’aumento dei costi e dalle minori rese nazionali, ma anche dalla situazione internazionale in cui la Spagna sta assistendo a un calo della produzione di olio d’oliva.

Guarda anche:Notizie economiche sull’olio d’oliva

Secondo Ismia, la produzione spagnola potrebbe diminuire dal 30 al 50 percento, influenzando la disponibilità di olio d’oliva in tutto il mondo. Tra i principali produttori, solo la Grecia dovrebbe superare i livelli di produzione dello scorso anno di 300.000 tonnellate, mentre la Tunisia, con la sua Fuori anno’, potrebbe subire un calo del 25%.

La raccolta sta per terminare in alcune parti del Paese e quindi non è ancora possibile fornire i dati definitivi perché viene pesata anche la resa dell’olio d’oliva “, ha osservato Sarnari. In generale, gli interventi sono stati condotti con tempi più serrati del solito per prevenire ulteriori danni da fitopatie che avevano iniziato a manifestarsi con costanza negli anni precedenti. Cambiamento climatico e umidità relativa di crescita. D’altra parte, periodi di siccità prolungati prevengono le epidemie di insetti Frutta d’olivaE ha permesso a molte parti del paese di raggiungere un livello superiore Qualità livelli”.

READ  Stazioni Hotel Champion in Italia per le telecomunicazioni della fame di viaggio

Lo scorso anno, durante la prima fase fenologica, gli olivi italiani hanno risentito della mancanza di piogge e del ritorno del freddo primaverile, che hanno condizionato la fioritura e l’allegagione, provocando anche cascola. Successivamente, la crescita delle piante negli oliveti è stata messa a dura prova dalla siccità prolungata e dalle elevate temperature estive, che hanno portato a un uso estensivo dell’irrigazione di emergenza. Infine, le piogge di fine agosto hanno portato sollievo alle piante, ma le operazioni di raccolta sono state accelerate per prevenire attacchi di agenti patogeni.

Quando viene Raccolto Negli ultimi anni le previsioni sui prodotti sono state una regola con molte eccezioni, perché anche in zone limitrofe si verificano situazioni molto diverse”, ha sottolineato Sarnari. In questo caso, se vogliamo creare un cluster estremo, possiamo identificare la regione con il calo produttivo più consistente nel Mezzogiorno, e in funzione del suo peso nella produzione nazionale.

Quanto alla Puglia, che rappresenta solo la metà della produzione nazionale italiana, l’Ismia ha dimezzato la produzione con un calo del 52 per cento. Anche la Sicilia e la Calabria registreranno perdite significative, con una produzione prevista in calo rispettivamente del 25 e del 42%. La produzione dovrebbe invece aumentare nel Centro Italia con valori in crescita nel Lazio (17 per cento), Toscana e Umbria (27 per cento). Dopo il drammatico calo dello scorso anno, le regioni settentrionali mostrano segnali di ripresa – in Liguria si stima una crescita del 27 per cento – ma non quanto previsto prima della grande siccità estiva.