Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In Italia arrivano oltre 2.500 immigrati

Nei primi otto giorni del 2023, più di 2.500 migranti dal Nord Africa sono sbarcati sulle coste italiane, rispetto ai 370 dello stesso periodo dello scorso anno, ha detto oggi il Viminale.

Secondo un servizio pubblicato sul quotidiano La Repubblica, questo lunedì si terrà un incontro nella città siciliana di Agrigento, vicino al porto di Empedocle, per valutare la situazione, considerata critica visto il continuo arrivo di migranti irregolari. zona, in particolare nell’isola meridionale di Lampedusa.

All’incontro previsto nel pomeriggio parteciperanno il ministro dell’Interno, Matteo Pantedosi, il sindaco di Lampedusa, Filippo Mannino, e il capo della Polizia locale, Lamberto Giannini, che decideranno le misure per fronteggiare la situazione.

«Siamo disperati, non possiamo sopportare niente», ha detto in questi giorni Mannino, nell’isola del sud sotto la sua giurisdizione, «ho già dovuto contare tre morti e più di duemila arrivi. Con questi ritmi, con questi numeri da capogiro anche in pieno inverno, non so per quanto tempo potrò sopportare tutto questo.

Questa mattina, secondo un portavoce della Guardia Costiera italiana, altri 56 migranti sono stati soccorsi dalla Tunisia e trasferiti a Lampedusa dopo che la loro pericolosa imbarcazione è affondata nel Mar Mediterraneo, senza carburante e con condizioni meteorologiche avverse.

Domenica scorsa sono sbarcate sull’isola 243 persone provenienti da sei navi, 1.086 persone erano al centro di accoglienza di Impriacola, che ne poteva contenere solo più di 300, e 202 persone sono state trasferite d’urgenza a Porto Empedocle in Sicilia. Il sovraffollamento esistente, ha aggiunto prove.

La situazione nell’area si è complicata negli ultimi giorni poiché la migrazione è aumentata lungo la rotta dalla costa tunisina all’isola italiana, tra condizioni meteorologiche sfavorevoli che hanno portato a diversi naufragi.

READ  Rhythmovi sostiene la start-up del movimento italiano finanziata dallo sviluppo

Questa domenica, secondo la fonte, il mare ha restituito il corpo di una migrante saponificata, senza braccia né gambe, indicando che era in acqua da diversi giorni, che andrà ad aggiungersi all’obitorio di Lampedusa per gli altri tre recuperati in un poche ore. In precedenza, dopo un naufragio a circa 30 miglia nautiche di distanza.

Ha aggiunto che tra i morti c’è anche una bambina di appena 18 mesi che viaggiava sulla barca di metallo di sette metri, partita giovedì scorso da Tunisi con 35 persone provenienti da Camerun, Costa d’Avorio, Guinea e Sierra. León e Burkina Faso.

L’articolo originale può essere trovato qui