Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In Francia, a partire da 5 mesi dalla seconda dose, è aperto il vaccino covid booster per le persone di età superiore ai 18 anni

Pubblicato in: la media :

Il ministro della Salute, Olivier Veran, ha annunciato giovedì a mezzogiorno che il vaccino contro il virus Covid aprirà le sue porte da sabato a tutti gli adulti di età superiore ai 18 anni in Francia 5 mesi dopo la seconda dose.

In accordo con le raccomandazioni dell’Alta Autorità per la Salute, il Ministro della Salute, Olivier Veran, ha annunciato, giovedì 25 novembre, che la terza dose del vaccino contro il Covid-19 sarà disponibile in Francia a partire da sabato per tutti gli anziani . 18 anni e oltre cinque mesi dopo la seconda dose.

“In pratica, si tratta di 25 milioni di francesi, di cui 6 milioni hanno già ricevuto una dose di richiamo, quindi ci sono ancora 19 milioni di francesi che possono beneficiare della vaccinazione di richiamo e che invitiamo a vaccinare nei prossimi due mesi” , ha spiegato Olivier Veran.

Questa vaccinazione di richiamo deve essere effettuata entro il 15 gennaio per mantenere una tessera sanitaria valida. Allo stesso modo, un test PCR negativo, che consente anche di usufruire della tessera sanitaria, sarà valido non per 72 ore, ma per 24 ore.

Il ministro della Salute ha inoltre annunciato che è tornato ad essere obbligatorio indossare la museruola al chiuso in tutti i luoghi pubblici, compresi quelli soggetti alla tessera sanitaria. I conservatori avranno anche la possibilità di imporlo all’estero per determinati eventi.

Giovedì 25 novembre, l’Autorità sanitaria suprema ha raccomandato di ritirare il vaccino contro l’emergente coronavirus (Covid-19) dall’età di 18 anni dopo cinque mesi di vaccinazione completa, in un parere emesso poco prima dell’annuncio della notizia del governo. .

READ  Crisi nella rete sanitaria: QS chiede piano di emergenza

Questa raccomandazione molto probabilmente fa presagire ciò che annuncerà il ministro della Salute, Olivier Veran, alle 12:30 del pomeriggio, mentre la Francia è colpita da una quinta ondata di epidemia, che il governo ha descritto come “abbagliante”.

In un parere rilasciato solo sei giorni fa, venerdì, l’HAS ha raccomandato di assumere una dose di richiamo dall’età di 40 anni, sei mesi dopo l’ultima iniezione. Ma ha deciso di abbassare quelle scadenze perché la “ripresa dell’epidemia” è stata “più forte del previsto”, ha spiegato nella sua nuova opinione.

>> Guarda: Antille: Martinica e Guadalupa entrano in crisi

Essi “ritengono che il preoccupante contesto epidemiologico giustifichi l’accelerazione della campagna vaccinale accorciando il tempo tra la vaccinazione iniziale e la dose di richiamo”, e giustifica l’HAS, il cui ruolo è quello di ispirare la politica del governo su questi temi.

Pertanto, “raccomanda che una dose di richiamo possa ora essere implementata non appena cinque mesi dopo la vaccinazione iniziale e che la campagna di richiamo possa ora essere estesa alle persone di età pari o superiore a 18 anni”.

Ridurre i picchi di ospedalizzazione

HAS in particolare si basa sulle proiezioni dell’Istituto Pasteur, che valutano la riduzione del picco di ospedalizzazione se viene somministrata una dose di richiamo dall’età di 18 anni.

Secondo HAS, questa riduzione è del 39% se il boost è stato eseguito sei mesi dopo l’ultima iniezione e fino al 50% se il boost è stato eseguito a cinque mesi.

L’Assemblea Mondiale della Sanità afferma che la validità di questa strategia è evidente dai “dati derivanti da studi nella vita reale in Israele”.

READ  La Guadalupa è stata invasa dal verme piatto della Nuova Guinea

Oltre a ricordare, “è essenziale continuare gli sforzi per vaccinare le persone che non sono state ancora vaccinate”, sottolinea HAS. Infine, insiste sulla “promozione dell’adesione ai gesti di barriera ad alto livello”, al fine di “mantenere il sistema sanitario ed evitare misure restrittive”.

>> Guarda: Covid-19 in Francia: emergenze in prima linea

Il ministro della Salute parla questo pomeriggio per introdurre nuove misure volte a far fronte alla crisi sanitaria, mentre il numero di casi è aumentato molto rapidamente in Francia diversi giorni fa, raggiungendo mercoledì 32.591 nuove infezioni, secondo Public Health in Francia. Il più alto dal 24 aprile.

Da una fonte governativa, l’autorità esecutiva ha deciso di dare seguito alle raccomandazioni dell’Autorità di sanità pubblica, nonché alle raccomandazioni emesse nei giorni scorsi dal Consiglio scientifico e dal Comitato direttivo della strategia sui vaccini, che sono due organi consultivi.

Nuove misure per combattere il covid

Secondo due fonti parlamentari, il divario tra l’ultimo vaccino e la dose di richiamo si ridurrà da sei a cinque mesi.

La validità del test anti-Covid per le persone non vaccinate che desiderano beneficiare del permesso sanitario dovrebbe essere ridotta da 72 ore a 24 ore.

“Sono stati menzionati i vaccini per i bambini dai 5 agli 11 anni, ma ci è stato detto che non sarebbero stati prima del 2022 e soggetti al parere dell’Agenzia europea per i medicinali”, ha detto all’AFP il deputato Bertrand Buncher (Freedoms and Lands).

Quanto all’uso della mascherina, può essere reso obbligatorio in tutti i luoghi al chiuso dove è richiesto un pass sanitario (ristoranti, centri commerciali, luoghi di spettacolo, musei, ecc.). Anche in pochi luoghi all’aperto con un’alta densità di persone come i mercatini di Natale, a discrezione dei conservatori.

READ  Val Dois. Il tennis è una risorsa salutare a Deuel Montmorency

Si prevede inoltre di rafforzare i sani controlli del traffico nei ristoranti, cinema e trasporti pubblici, oltre a rafforzare le campagne di screening nelle scuole.

con AFP