Novembre 30, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In che modo il sistema di indicazione geografica dell’UE contribuisce a promuovere lo sviluppo economico nelle zone rurali

I prodotti associati a località specifiche in Europa, come il Roquefort e il prosciutto di Parma, sono protetti dallo schema delle “Indicazioni geografiche” dell’Unione europea. Ciò garantisce che questi prodotti possano essere venduti legalmente solo se prodotti in regioni specifiche. come Riccardo Crescenzi, Fabrizio De Phillips, Mara Giwa e Christina Vaquero Pinheiro Scrivendo, le indicazioni geografiche svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo locale nelle aree rurali con una spesa pubblica limitata. Forniscono protezione contro la riproduzione altrove, facilitano l’impatto al rialzo sul prezzo e sulla reputazione della qualità e migliorano le tendenze demografiche e la riconfigurazione settoriale.

Le indicazioni geografiche (IG) concesse dall’Unione Europea per riconoscere e certificare prodotti legati a una particolare regione di origine ea tecniche di produzione tradizionali possono fornire opportunità concrete di sviluppo economico locale nelle aree rurali. Inviando segnali ai mercati globali e proteggendo i prodotti agroalimentari unici dalla concorrenza sleale, forniscono alle economie rurali l’opportunità di connettersi ai mercati globali pur mantenendo la loro unicità. La regione, con le sue caratteristiche, la sua storia e le sue tradizioni, diventa parte dello stesso prodotto, rendendo impossibile riprodurlo altrove.

Il vino è il prodotto agroalimentare più conosciuto che ha beneficiato di una Denominazione di Origine Protetta (DOP) o di un’Indicazione Geografica Protetta (IGP). in un Nuovo studio, studiamo il ruolo che il vino a IG può svolgere nello sviluppo delle aree rurali dove viene prodotto. Troviamo che le aree rurali dove la produzione di vino è protetta da una IG subiscono un minor declino demografico e una riorganizzazione dell’economia verso attività a più alto valore aggiunto rispetto ad altre aree rurali con caratteristiche simili, ma non possono contare sulla protezione e sul riconoscimento offerti da GI. In altre parole, le indicazioni geografiche svolgono un ruolo trainante per lo sviluppo locale nelle aree rurali con una spesa pubblica molto contenuta.

READ  Deliveroo raddoppia gli ordini nella prima metà del 2021

vino DOCG

La nostra testimonianza arriva dal caso dell’Italia, che è uno dei paesi con il maggior numero di indicazioni geografiche. Ci concentriamo sui vini a indicazione geografica, in cui l’Italia gioca un ruolo di primo piano nel mondo. In particolare, studiamo l’effetto della DOCG (Denominazione di Origine e Garantita) Vino, la categoria di primo livello dei vini di origine protetta nel paese, sull’andamento della popolazione e sulla diversità occupazionale nei settori agricolo rispetto a quello non agricolo.

Figura 1: Mappa dei comuni italiani con e senza vino DOCG

Fonte: Ripartizione degli autori in base ai dati raccolti dal Codice delle Indicazioni Geografiche (IG).

Per determinare l’effetto causale, utilizziamo modelli econometrici per confrontare i comuni con vini DOCG con un gruppo di comuni del mondo reale che sono simili sotto tutti gli aspetti, ma senza una certificazione DOCG riconosciuta. Ciò consente di controllare qualsiasi differenza temporale tra i comuni “trattati” (DOCG) e quelli “osservatori”, nonché qualsiasi aspetto variabile nel tempo che differisca in modo simile tra loro, isolando l’effetto delle indicazioni geografiche da qualsiasi altro fattore che potrebbero influenzare i risultati di interesse.

forza istituzionale

Un’altra intuizione pertinente nel nostro studio è che la partecipazione a uno schema di indice glicemico è un’indicazione di forti istituzioni locali. Per essere certificato nella carta GI, un prodotto deve superare una serie di test impegnativi per quanto riguarda la sua unicità e rilevanza per la regione di origine. Questo è approvato se produttori e attori locali ottengono insieme questo punteggio, riflettendo una rete di collaborazione altamente interconnessa radicata nella tradizione. A causa di queste caratteristiche, lo schema GI può essere visto come uno strumento politico che facilita e consente la traduzione di istituzioni locali informali in regolamenti formali sensibili allo spazio riconosciuti a livello globale.

READ  Perché le elezioni presidenziali in Italia sono importanti di Nouriel Roubini e Brunello Rosa

Il nostro studio dimostra il valore di uno schema formale riconosciuto a livello mondiale che certifica i collegamenti distinti alla regione di origine di un prodotto. Lo schema di indicazione geografica (IG) rende le aree con forti istituzioni locali in grado di mantenere e sfruttare modelli di produzione incorporati per diventare competitive nei mercati globali. Questo strumento di segnalazione può anche generare un effetto al rialzo sul prezzo del prodotto e sulla reputazione della qualità.

Questi effetti si traducono in entrate per i produttori e per un gran numero di attori locali. In definitiva, migliora anche l’attrattiva delle regioni per i produttori e per tutti gli altri attori economici coinvolti nella catena del prodotto. Ciò porta a effetti positivi in ​​termini di tendenze demografiche e riconfigurazione settoriale, che sono stati identificati come indicatori tradizionali dello sviluppo locale nelle aree rurali.

conclusione

Con spese di bilancio limitate, l’UE può offrire alle sue aree rurali l’opportunità di far parte e beneficiare della globalizzazione economica essendo (e rimanendo) locale. Le indicazioni geografiche stabiliscono nuovi legami globali, locali. La regione di origine del prodotto viene sfruttata per distinguerlo da altre derrate agroalimentari, molte delle quali stanno diventando sempre più standardizzate e omogenee.

Gli investimenti nella produzione locale integrata possono offrire opportunità uniche per promuovere lo sviluppo sociale ed economico sostenibile nelle aree rurali. È possibile ottenere risultati politici pertinenti sfruttando le caratteristiche economiche specifiche della regione e supportando le competenze guidate dalla comunità. Le capacità e le pratiche tradizionali dovrebbero essere preservate, costruendo nel contempo nuovi ponti istituzionali verso opportunità globali.

Per ulteriori informazioni, vedere il documento degli autori allegato su Studi regionali


Nota: questo articolo è apparso originariamente sul blog Global Investments & Local Development di LSE. Fornisce le opinioni degli autori, non la posizione di EUROPP – European Politics and Politics o della London School of Economics. Credito immagine in primo piano: johnny gored occupazione Unsplash