Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

In centinaia si radunano l’ultimo giorno del Southington Italo-American Festival

Il sole splendeva quando alcune centinaia di membri della comunità si sono riuniti domenica per celebrare l’ultimo giorno del 17° Festival annuale italo-americano.

Per alcune ore, una domenica mattina, Lower Center Street ha viaggiato indietro nel tempo e ha portato in città una tradizionale messa cattolica, facendo sentire i partecipanti come se fossero in un piccolo villaggio in Italia.

La messa si è svolta accanto al club Sons of Italy ai piedi di Wolf Hill. Il quartiere è conosciuto come il luogo in cui si stabilirono gli immigrati italiani tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Nel 1910 è stata fondata Sons of Italy, per fungere da faro per la comunità che aiuta gli immigrati a trovare lavoro.

La Messa si è aperta con i Riti Di Introduzione del reverendo Frederic Agnello, parroco della chiesa del Monte Carmelo a Waterbury, seguiti da una lettura dal Libro dell’Università.

Antonietta Barbato lesse un brano del Salmo 90, e poi cantò l’Ave Maria.

C’è stato anche un momento di silenzio in memoria di coloro che erano morti. Un gruppo è stato portato durante la messa che sarà distribuito alle chiese di Southington.

La Lettera di San Paolo ai Colossesi è stata letta da Joe Dellaporta, membro dei Figli d’Italia, seguita da letture di Angelina Della Porta.

Tina Barzilli, titolare di un’azienda in città, ha parlato del padre napoletano.

“Circa un mese fa sono andato a Napoli a visitare la mia famiglia e ho potuto vedere la processione dei santi”, ha detto Barziali. “Solo vedendolo qui a Southington, ho dovuto andarmene perché stavo piangendo e sopraffatto dall’emozione. È stato così bello”.

READ  James May Our Man in Italia: data di uscita, location delle riprese

Barziali ha parlato di come ha recentemente aperto il suo negozio, Fable, in fondo alla strada, e per iniziare il suo viaggio d’affari a Southington, ha sentito che questo era qualcosa di fuori dall’ordinario.

“Vederla in questa città è molto speciale”, Barzielli. “Penso che nessun’altra città del Connecticut faccia qualcosa del genere. Penso che sia importante mantenere vive le tradizioni”.

Centinaia di famiglie locali si sono unite ad Anillo dopo la Divina Liturgia in una processione in centro.

Aniello ha guidato la processione con i Figli d’Italia mentre portavano la statua della Beata Madre intorno all’edificio per celebrare la loro eredità italiana e continuare un pezzo di un’antica tradizione.

Carmela Salzillo, residente a Southington, ha assistito con orgoglio alla messa con suo nipote, che è stato felice di ostentare la sua eredità italiana parlando la lingua.

“Lo fanno ogni anno in questo periodo. Dall’emergere di COVID, non sono stati in grado di farlo per un anno o due”, ha detto Salzillo. “Quindi è così bello che sono stati in grado di riportarlo indietro.”

Salzillo ha detto che è venuta negli ultimi cinque anni con la sua famiglia e la sua parte preferita del fine settimana è la processione.

“La mia parte preferita è la processione e vedere l’antica tradizione italiana qui a Southington, dove gli uomini portano la legge sulle loro spalle”, ha detto Salzillo.

Dopo il rally è stato l’inizio dell’ultimo giorno di festeggiamenti del lungo weekend.

Dawn Miceli, un membro del comitato del festival che si occupa di marketing e comunicazione per il gruppo, ha detto che i soldi guadagnati dal festival vanno all’evento, che paga la polizia, l’intrattenimento e i vigili del fuoco.

READ  Come guardare il softball olimpico: programma, canale TV, orario, streaming live gratuito del Team USA e altro ancora

“I chioschi oggi sono organizzazioni senza scopo di lucro e raccolgono fondi per i loro gruppi”, ha detto Miceli.

[email protected]