Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“In 3 volte 40 giorni noteremo cose interessanti”

C’erano gli Argonauti. E ora ci saranno i pionieri del clima. Una ventina di volontari hanno scelto di seguire Christian Klute, un ricercatore avventuriero, in tre folli spedizioni in ambienti estremi, per permettere agli scienziati di studiare il modo senza precedenti in cui gli esseri umani si adattano ai cambiamenti climatici. Oggi Stéphane Besnard, direttore medico e co-direttore scientifico di Explorational Studies, ci svela il rovescio del progetto Deep Climate.

Giasone e gli Argonauti erano andati alla ricerca del vello d’oro. Cloto CristianoCloto Cristiano E i Climatonauti sono stati via per alcune settimane in cerca di risposte. Un compito che può sembrare meno pericoloso di quello degli eroi della mitologia greca, ma non sarà certo facile. Sono tornato dalla Guyana.qualche giorno fa, ce lo ha detto Stefan Besnard, direttore medico e co-direttore scientifico per Deep Climate Studies. “Posso dirti che nella giungla tropicale devi stare sempre all’erta. Il pericolo è ovunque. Ci sono regole che devono essere seguite rigorosamente se vuoi che tutto vada bene.”

Deep Climate: “Riimparare a vivere e lavorare in condizioni leggermente più difficili”

Chiaramente, i pionieri del clima di Christian Clout hanno seguito corsi e formazione. Sono pronti. Per quanto possibile. Le squadre che li seguono non lasciano nulla al caso. Tutto è pensato per garantire la sicurezza dei volontari, da un lato, e il successo della loro missione, dall’altro.

Ricorda, il progetto Deep Climate è composto da 10 uomini e 10 donne, alcuni dei quali facevano già parte dell’esperimento Deep Time guidato da Christian Klot e dal suo team a Istituto di adattamento umano (HAI) – Di solito vivono nella Francia continentale, in un clima temperato. Per l’occasione incontreranno ambienti “un po’ più estremo”. per la prima volta calore e umidità delle foreste tropicali della Guyana. In poche settimane il clima freddo e secco della Lapponia. E infine, le condizioni calde e secche che prevalgono nei deserti del Medio Oriente. Obiettivo: capire come gli esseri umani possono adattarsi ad esso cambiamenti climaticicambiamenti climatici che vengono.

La parte inferiore del clima profondo

Ogni spedizione durerà 40 giorni. Non c’entra niente, come potete ben immaginare, con questa figura che compare costantemente negli scritti religiosi. come simbolo di prova. “Abbiamo fatto spedizioni di 40 giorni perché gli studi scientifici sono stati fatti su gruppi [lors d’hivernage dans les bases polaires ou de missions dans la Station spatiale internationale (ISS), ndlr] Visualizza i cicli di sviluppo e organizzazione per 40 giorni. Tuttavia, abbiamo deciso di studiare gli individui, ma anche il modo in cui un gruppo può aiutare con l’adattamento.spiega Stéphane Besnard.

READ  Nasce DeepWell DTx, una società che pubblicherà giochi basati sulle scienze mediche

Anche il precedente esperimento, condotto da Christian Clot e dal suo team, è stato condotto per un periodo di 40 giorni. Deep Time ha addestrato una quindicina di persone a vivere in fondo alla caverna. Per testare il loro rapporto con il tempo. Era il 2021.

Tempo profondo: ritorno all’aperto dopo 40 giorni di reclusione

Ma dopo 40 giorni, non è un po’ poco per il monitoraggio dell’adattamento climatico? “Alcuni processi o regolamenti cambiano molto rapidamente. Fisiologicamente, entro 10-15 giorni, in un ambiente caldo, è meglio iniziare a evacuare il caloreil calore, Per esempio. A livello sensoriale bastano anche pochi giorni per abituarsi Suoni della giungla »Il direttore medico di Deep Climate ci assicura. Quindi, ovviamente, 40 giorni non sarebbero sufficienti per condizionare i pionieri del clima così come le persone che vivono nella giungla tropicale della Guyana. Tuttavia, i ricercatori si aspettano di vedere cambiamenti funzionali e rimodellamento dei muscoli e del cervello. “L’abbiamo notato su coloro che hanno partecipato alla prova a tempo profondo. Non c’è motivo per cui non dovrebbero presentarsi qui.”Commenti di Stéphane Besnard.

I ricercatori si aspettano di vedere cambiamenti funzionali e rimodellamento dei muscoli e del cervello

Tra le tre spedizioni di 40 giorni, il team ha pianificato dei periodi di riposo. 30 giorni questa volta. “Ci sarebbe piaciuto accorciarlo. Ma c’è un ritardo che non si può comprimere. Tempo di misurazione a pochi giorni, davvero. Poi è il momento di inoltrare il materiale. Non abbiamo il budget per noleggiare un jet privato e quindi ridurre questo ritardo.E, cosa più importante, ci permette anche di eseguire procedure di recupero sui volontari quando tornano dalla missione e prima che se ne vadano queste misurazioni di riadattamento saranno importanti quanto i dati ambientali che ci permetteranno di sapere se tutti si sono ripresi o no VelocitàVelocità e su qualsiasi parametro »Ce lo dice il direttore medico di Deep Climate.

READ  Come può questo ghepardo robot correre così velocemente?

E se i climatologi partono prima per il caldo, poi per il freddo e ancora per il caldo, non sta solo testando le loro reazioni agli sbalzi di temperatura. “Avevamo anche vincoli climatici puri. L’Amazzonia, dovevamo andarci a dicembre. Per trovare le condizioni calde e umide da assaggiare. La Lapponia doveva essere esplorata a febbraio, quando lì faceva freddo. Per il deserto, aprile o Maggio sembrava l’ideale.” Per noi. Per trovare condizioni vicine al più caldo »spiega Stéphane Besnard.

La sfida: misurare le persone sul campo

Soprattutto dal momento che è sul posto, non c’è modo di sfuggire ai pionieri del clima. Tranne in caso di emergenza ovviamente. Non c’è nemmeno bisogno di giocherellare con il pollice. “Non solo volevamo metterli in ambienti estremi, ma li abbiamo anche spinti a fare qualcosa fisicofisico, che è un obbligo di dirigere e spostare. Avviciniamoci a ciò che facciamo ogni giorno. e misurare per quanto tempo i loro posti di lavoro rimarranno operativi. » Nel programma non c’è dunque una super-pista, ma un rafting a piedi nella giungla della Guyana, con sciate in Lapponia e traino di carrelli nel deserto. Più di diverse centinaia di chilometri sono gli stessi. Senza mezzi automatizzati o assistenza esterna. Al fine di consentire agli studiosi di valutare entrambienergiaenergia E come i volontari esiteranno, commetteranno errori e alla fine arriveranno Orientamento nello spazioper seguire la loro strada. Individualmente e in gruppo, sempre. “Queste funzioni sono essenziali. Possono degradarsi molto rapidamente a causa della temperatura esterna”.

Queste funzioni sono essenziali. Può degradarsi molto rapidamente a causa della temperatura esterna.

Per i ricercatori, la difficoltà sarà misurare con successo questi parametri sul campo. “In laboratorio, possiamo usare grandi camere climatiche e sistemi di calibro pesante. Ma non volevamo e non potevamo farlo nei boschi”.spiega Stéphane Besnard. Abbiamo lavorato molto a monte per trovare sistemi portatili in grado di raccogliere dati che ci saranno utili. registratori addormentatoaddormentato per me elettrodoelettrodo uno per esempio. Siamo sempre alla ricerca di nuove tecnologie. Continuiamo a testarlo. Il dottore qui non sta parlando di quelli applicazioniapplicazioni che fioriva da diversi mesi. “Non sono scientificamente affidabili. Non sono standardizzati. Difficilmente funzionano per il 10% della popolazione”.

Christian Klute, direttore scientifico della missione, non ha esitato a sviluppare lui stesso sistemi specifici. Come un sociometro che dovrebbe registrare dati importanti sui pionieri del clima. Una scatola non più grande di una grande scatolapartitepartite che si infila in una tasca della giacca. di BluetoothBluetoothrileva ogni interazione. “Il sociometro non permette di sapere cosa si dice o di registrare gli sguardi scambiati, ma dà una misura quantitativa di chi è con chi e a che distanza, di chi sta con chi e di chi si raggruppa con chi. È il unico sistema del suo genere che esiste oggi.Stéphane Besnard si rallegra prima di fidarsi di noi. “Per completare tutto ciò, stiamo anche sviluppando un sistema di misurazione che consenta il monitoraggio di persona. Non un espediente. Un vero strumento scientifico sviluppato con qualcosa che il team sta facendo”. Il GoogleIl Google E i suoi concorrenti non hanno ancora: competenze mediche e scientifiche su terreni difficili. »

Per scoprire i primi risultati dell’esperimento Deep Climate, sarà necessario armarsi ancora di un po’ di pazienza. “Entro la fine del 2023 dovremmo essere in grado di pubblicare cose interessanti”., come crede Stéphane Besnard. È lontano. Ma per la scienza, rimane relativamente veloce. “Non volevamo fonderci con il tempo della ricerca. Non volevamo impiegare 5 anni per pubblicare i primi risultati. Ne abbiamo bisogno più velocemente per poterlo applicare sul campo”. Per risultati completi, combina l’epigenetica con la biologia conoscenzaconoscenzae psicologia, psichiatria e fisiologia, microbiotamicrobiota Intestinale, ecologia e geografia, biodiversità, influenza climatica, etnologia e sociologia, eppure dovremo aspettare un altro buon anno. È tempo che gli scienziati analizzino le migliaia, persino centinaia di migliaia di dati riportati dai pionieri del clima. Siamo tutti in attesa…

READ  Salute: l'uso di cannabis terapeutica a Mauritius sta prendendo forma