Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Vietnam blocca la capitale, Hanoi, mentre aumentano i casi di COVID-19 | Notizie sulla pandemia del virus corona

L’ordine di chiusura di 15 giorni vieta un raduno pubblico di più di due persone nella città di otto milioni di persone.

Il Vietnam ha imposto un blocco di 15 giorni nella capitale, Hanoi, nel tentativo di arginare l’aumento delle infezioni da coronavirus.

L’ordinanza di blocco, emessa venerdì sera tardi, vieta gli assembramenti di più di due persone nei luoghi pubblici. Solo gli uffici governativi, gli ospedali e le attività essenziali possono rimanere aperti.

Il centro della città, di solito otto milioni di persone, era vuoto e i negozi hanno chiuso quando la chiusura è entrata in vigore sabato, anche se le persone hanno continuato a essere viste per le strade dei sobborghi della capitale.

“Penso che la gente di Hanoi e io siamo d’accordo con l’improvvisa decisione della città di bloccare la città”, ha detto all’AFP il residente locale Nguyen Van Chien.

“Dobbiamo correre rischi economici per combattere l’epidemia”, ha aggiunto.

All’inizio della settimana, le autorità hanno sospeso tutte le attività all’aperto ad Hanoi e ordinato la chiusura delle attività non essenziali dopo un aumento dei casi.

Venerdì, Hanoi ha riportato 70 infezioni confermate, il più alto in città, e parte dei 7.295 casi nel Paese nelle ultime 24 ore.

Quasi 5.000 di loro provengono dalla più grande città del Vietnam, a sud di Ho Chi Minh City, che ha anche esteso il suo blocco fino al 1 agosto.

“Sono dentro da un mese. La situazione nella nostra città è spaventosa”, ha detto all’AFP Bech Thanh, un residente della nostra città.

Circa un terzo dei 100 milioni di persone in Vietnam sono già sotto ordine di blocco.

READ  Una coppia americana trova 18 serpenti marroni DeKay sotto il letto

Nell’ultima ondata di COVID-19 da aprile, il Vietnam ha registrato oltre 83.000 infezioni e 335 decessi.

La riunione dell’Assemblea nazionale, che si è aperta martedì ad Hanoi con 499 delegati, procede, anche se è stata ridotta a 12 dei 17 giorni originari.

Secondo l’Assemblea nazionale, i delegati sono stati vaccinati, testati regolarmente per il coronavirus, viaggiano in una bolla e sono isolati negli hotel.

Il Vietnam è stata una delle poche economie che si è espansa lo scorso anno grazie al suo successo nel contenere il virus durante la prima ondata dell’epidemia.

Ma l’approvvigionamento e la somministrazione del vaccino sono stati lenti, con quasi 4,5 milioni di dosi somministrate finora. Sta anche sviluppando i propri vaccini e le autorità affermano di sperare di raggiungere l’immunità di gregge entro l’inizio del 2022.

Il Vietnam ha una politica di ospedalizzazione di tutti i portatori di virus, che mette sotto forte pressione gli operatori sanitari e gli ospedali, sebbene la regola sia stata sollevata in alcune regioni.