Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris è in visita nelle Filippine come parte degli sforzi degli Stati Uniti per espandere la propria presenza militare

Gli Stati Uniti stanno cercando di espandere la propria presenza militare nelle Filippine mentre il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris visita il paese sullo sfondo delle vaste rivendicazioni territoriali della Cina nella regione.

La signora Harris terrà colloqui con il presidente Ferdinand Jr. e altri funzionari durante una visita di due giorni che includerà un viaggio nella provincia occidentale di Palawan di fronte al conteso Mar Cinese Meridionale, quasi tutto rivendicato da Pechino.

Si prevede di riaffermare l’impegno degli Stati Uniti a difendere le Filippine ai sensi del Trattato di mutua difesa del 1951 nel caso in cui truppe, navi e aerei filippini vengano attaccati nelle acque contese.

“Gli Stati Uniti e le Filippine stanno insieme come amici, partner e alleati”, ha affermato una dichiarazione dei suoi collaboratori.

“Ora e sempre, l’impegno degli Stati Uniti per la difesa delle Filippine è fermo”.

La signora Harris lancerà anche una serie di aiuti e progetti statunitensi per aiutare le Filippine ad affrontare il cambiamento climatico e l’incombente carenza di energia e cibo.

Ex colonia degli Stati Uniti, le Filippine hanno ospitato una delle più grandi basi della Marina e dell’Aeronautica degli Stati Uniti al di fuori della terraferma degli Stati Uniti.

Le basi sono state chiuse all’inizio degli anni ’90, dopo che il Senato filippino ha rifiutato una proroga, ma le forze statunitensi sono tornate per esercitazioni di combattimento su larga scala con le forze filippine ai sensi dell’accordo sulle forze in visita del 1999.

cooperazione difensiva

Nel 2014, alleati di lunga data hanno firmato l’Accordo di cooperazione per la difesa rafforzata, che consente a un numero maggiore di truppe statunitensi di rimanere in lotti rotanti all’interno dei campi militari filippini, dove possono costruire bunker, alloggi, strutture di addestramento congiunte e immagazzinare attrezzature da combattimento, ad eccezione del nucleare Armi.

Ufficiali di polizia in piedi davanti a una folla di persone con striscioni e bandiere.
I manifestanti hanno organizzato una manifestazione contro la visita del vicepresidente americano Kamala Harris a Manila. (AP Immagine: Gerard V. Carreon)

Le Filippine possono rilevare quegli edifici e strutture quando gli americani se ne andranno.

Dopo aver firmato l’accordo, gli americani hanno avviato progetti di costruzione in cinque campi e regioni filippine, compreso il sud del paese, dove le forze antiterrorismo statunitensi hanno aiutato per anni ad addestrare le loro controparti filippine e fornire loro informazioni.

I funzionari filippini hanno dichiarato che molti progetti sono stati ritardati a causa di problemi legali e altri problemi.

Un gran numero di forze statunitensi è rimasto nei campi locali nella città meridionale di Zamboanga e nelle province periferiche al culmine della minaccia rappresentata dai musulmani musulmani, che si è attenuata negli ultimi anni.

Un funzionario militare filippino ha affermato che più di 100 militari statunitensi sono ancora presenti a Zamboanga e in tre province meridionali.

Un funzionario statunitense ha detto ai giornalisti che nuove aree sono state identificate e saranno sviluppate per espandere la cooperazione e la formazione congiunta in materia di sicurezza.

Non ha fornito dettagli, incluso il tipo di installazioni e siti militari e il numero di personale militare statunitense che sarebbe stato dispiegato in quei luoghi, affermando che i progetti dovrebbero essere finalizzati con le Filippine.

Il capo di stato maggiore dell’esercito filippino, il tenente generale Bartolome Baccaro, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana che gli Stati Uniti vogliono costruire strutture militari in altre cinque regioni nelle Filippine settentrionali.

Bacaro ha detto che due delle nuove aree proposte dagli americani si trovano nella provincia settentrionale di Cagayan.

Cagayan si trova al di là di uno stretto da Taiwan e potrebbe fungere da avamposto cruciale in caso di escalation delle tensioni tra la Cina e l’isola autogovernata che Pechino rivendica come propria.

Ha detto che altri siti proposti includono le province di Palawan e Zambales.

Entrambi si affacciano sul Mar Cinese Meridionale e consentirebbero a una presenza militare statunitense vicino alle acque contese di sostenere le forze filippine.

La Costituzione filippina vieta la presenza di forze straniere nel Paese, a meno che non siano coperte da trattati o accordi. Alle forze straniere è inoltre vietato partecipare a combattimenti locali.

READ  Un nuovo tipo di virus Deltacron COVID-19 rilevato in Australia, ecco cosa sappiamo