Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Trere italiano invita i compagni di squadra per il regalo di Natale ‘attaccante’

Un giocatore di rugby italiano di colore ha accusato i suoi compagni di squadra di razzismo mercoledì dopo che un “Babbo Natale Segreto” gli ha regalato una “banana marcia” durante uno scambio di regali anonimo.

Lo sceriffo Traer ha scritto su Instagram di aver trovato un regalo indesiderato in un sacco della spazzatura durante una festa di Natale con i compagni giocatori della Benetton Treviso.

“A parte il fatto che è stato un gesto umiliante, quello che mi ha ferito di più è stato vedere sorridere la maggior parte dei miei compagni di squadra presenti. Come se tutto fosse normale”, ha detto.

“Non ho dormito tutta la notte”, ha aggiunto il 28enne.

Drare è nato in Guinea, ma vive in Italia dall’età di sette anni. Gioca come pilone nel Treviso Nord e nella Nazionale Italiana.

Ha detto che di solito non reagisce alle “battute razziste” per non farsi dei nemici.

“Ho deciso di non tacere in questo momento per garantire che tali episodi non si ripetano”, ha detto, aggiungendo che tale comportamento sarebbe “fortemente condannato fuori dall’Italia”.

Il Benetton Rugby ha affermato in un comunicato di aver “sempre condannato con la massima fermezza qualsiasi espressione di razzismo e/o discriminazione” e che l’incidente che ha coinvolto Traer “non ha nulla a che fare con il gioco”.

Ha anche affermato che sarà sempre sinonimo di “rispettare le persone, la loro cultura, la loro razza, la loro fede e la loro dignità”.

Successivamente, il club ha detto che l’intera squadra è stata convocata a una riunione in cui i giocatori si sono scusati con Dreyer, che li ha accettati.

READ  Al via in Italia il Global Farm Machinery Show

Traer ha dichiarato in una dichiarazione del club che il regalo è stato un atto “stupido” di un compagno di squadra.

“Apprezzo e accetto le sue scuse e quelle dell’intero team”.

Ci sono stati numerosi episodi di abusi razzisti contro atleti neri in Italia.

Nel calcio, i giocatori di colore vengono regolarmente presi in giro dai tifosi, e in ottobre Paola Econu, una giocatrice di pallavolo nera, ha annunciato il suo ritiro dalla nazionale italiana in seguito a commenti che mettevano in dubbio la sua nazionalità.