Ottobre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Tesoro degli Stati Uniti impone restrizioni alle società cinesi per presunte violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri in Cina

il Stati Uniti d’America Ha aggiunto il produttore di droni DJI e altre sette società cinesi alla sua lista nera di investimenti, aggiungendo pressione alle aziende della seconda economia più grande del mondo.

Di conseguenza, agli investitori statunitensi sarà impedito di acquistare o vendere azioni di società.

DJI e le altre sette società sono già nell’elenco delle entità statunitensi. (Bloomberg)

“L’azione di oggi evidenzia come le aziende private nei settori della tecnologia di difesa e sorveglianza della Cina stiano cooperando attivamente con gli sforzi del governo per reprimere i membri delle minoranze etniche e religiose”, ha affermato Brian Nelson, sottosegretario al terrorismo e all’intelligence finanziaria.

Il Tesoro resta impegnato a garantire che il sistema finanziario statunitense e gli investitori statunitensi non supportino queste attività.

La notizia era ampiamente attesa dopo essere stata riportata per la prima volta dal Financial Times all’inizio di questa settimana.

DJI e le altre sette società sono già nell’elenco delle entità statunitensi, il che significa che è loro vietato acquistare prodotti statunitensi o importare tecnologia statunitense senza una licenza speciale.

Dozzine di aziende e organizzazioni cinesi sono state aggiunte giovedì alla lista nera delle esportazioni dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, nel tentativo di frenare l’uso da parte della Cina delle tecnologie statunitensi per scopi militari e per presunte violazioni dei diritti umani.

Gli annunci gemelli di giovedì sono arrivati ​​una settimana dopo che il Tesoro ha imposto sanzioni economiche simili ai politici cinesi e alla società di intelligenza artificiale cinese SenseTime.

L'amministrazione Biden ha annunciato giovedì che imporrà nuove sanzioni a diverse società cinesi di biotecnologia e sorveglianza.
L’amministrazione Biden ha annunciato giovedì che imporrà nuove sanzioni a diverse società cinesi di biotecnologia e sorveglianza. (AFP)

Il produttore di droni ha rifiutato di commentare mercoledì prima dell’annuncio del Tesoro degli Stati Uniti.

Invece, CNN Business ha fatto riferimento a una precedente dichiarazione rilasciata in risposta alle precedenti restrizioni lo scorso dicembre, quando affermava di “non aver fatto nulla per giustificare il suo posizionamento nell’elenco delle entità”.

DJI ha aggiunto all’epoca che stava anche “valutando le opzioni per garantire che i nostri clienti, partner e fornitori siano trattati in modo equo”, senza elaborare. Ha rifiutato di fornire un aggiornamento o un commento su tali piani questa settimana.

L’ultima repressione di Washington potrebbe causare problemi di finanziamento per il produttore di droni di proprietà privata con sede a Shenzhen.

DJI sta attualmente contando pesi massimi della Silicon Valley come Sequoia Capital China e Kleiner Perkins come investitori. Sequoia Capital China ha rifiutato di commentare e Kleiner Perkins non ha risposto a una richiesta di commento sul fatto che la restrizione avrebbe complicato il loro investimento.

Ma secondo una persona che ha familiarità con la questione, l’investimento di Sequoia in DJI è gestito da Sequoia Capital China, che opera come entità legale separata dalla società statunitense.

Ciò significa che probabilmente non sarà interessato da alcuna restrizione che impedisca gli investimenti statunitensi in DJI, ha affermato la persona.

Il riscaldamento ultimamente, Washington ha messo sotto pressione le aziende cinesi.

Il produttore cinese di droni DJI viene aggiunto a una lista nera di investimenti.
Il produttore cinese di droni DJI viene aggiunto a una lista nera di investimenti. (Bloomberg)

Venerdì scorso, la startup di intelligenza artificiale SenseTime è stata inserita nella stessa lista nera del Tesoro degli Stati Uniti di DJI, due anni dopo che una delle sue affiliate è stata inclusa nell’elenco delle entità nel 2019.

Allo stesso modo, il Tesoro ha affermato che la decisione di vietare SenseTime è dovuta al ruolo che la sua tecnologia avrebbe svolto nel consentire violazioni dei diritti umani contro gli uiguri e altre minoranze musulmane nello Xinjiang.

SenseTime ha negato con forza le accuse. Ma lunedì la società ha posticipato il suo debutto sul mercato azionario di Hong Kong, che avrebbe dovuto iniziare a negoziare questa settimana.

La società ha affermato che il ritardo era “proteggere gli interessi dei potenziali investitori nella società” e consentire loro di “considerare il potenziale impatto” della mossa degli Stati Uniti su eventuali investimenti.

Separatamente, giovedì i funzionari statunitensi hanno anche discusso se rafforzare le regole sulle vendite a uno dei più grandi produttori di chip della Cina.

Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC) è stato inserito nell’elenco delle entità statunitensi dallo scorso anno. Ma “la decisione includeva una disposizione che secondo i critici ha creato una scappatoia che alcune aziende hanno sfruttato”, secondo il Financial Times.

SMIC non ha risposto a una richiesta di commento.

Tuttavia, da quando è stata inserita nell’elenco delle entità, “la società ha dovuto affrontare enormi sfide nella produzione e nelle operazioni”, ha dichiarato il mese scorso il presidente ad interim di SMIC e direttore finanziario Gao Yonggang.

Separatamente, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti lo scorso anno ha anche aggiunto la società a un elenco di società che secondo l’agenzia sono di proprietà o controllate dall’esercito cinese. Questa decisione significa impedire agli americani di investire in SMIC.

Il Tesoro ha posto restrizioni agli investimenti su società cinesi selezionate a causa del loro ruolo nel facilitare le violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri in Cina.
Il Tesoro ha posto restrizioni agli investimenti su società cinesi selezionate a causa del loro ruolo nel facilitare le violazioni dei diritti umani contro i musulmani uiguri in Cina. (AFP)

Mercoledì il ministero degli Esteri cinese ha criticato gli Stati Uniti dopo le notizie sulla prevista repressione di Washington.

In un briefing, il portavoce Zhao Lijian ha invitato l’amministrazione Biden a smettere di “politicizzare” le questioni tecnologiche ed economiche “integrando il concetto di sicurezza nazionale”.

“Smettila di abusare del potere statale per sopprimere irragionevolmente determinati settori e imprese in Cina”, ha affermato Zhao, avvertendo che le sanzioni contro aziende come SMIC e DJI minaccerebbero l’industria globale e le catene di approvvigionamento e minerebbero le regole del commercio internazionale.

“La Cina, come sempre, difenderà risolutamente i diritti e gli interessi legittimi delle imprese cinesi”, ha aggiunto.

READ  L'Australia impone sanzioni alle figlie del presidente russo Vladimir Putin