Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il tempo a Sydney peggiora, la guerra Russia-Ucraina continua, i casi di coronavirus aumentano nel NSW, i casi di coronavirus aumentano nel Victoria, le elezioni si avvicinano al 2022, Volodymyr Zelensky si rivolge alle Nazioni Unite, missili ipersonici da costruire in Australia

Più di 2,1 milioni di australiani sono in ritardo per il loro richiamo per il COVID-19, con il capo del lancio del vaccino federale che incolpa “confusione e compiacimento” tra le persone di età inferiore ai 40 anni.

Il coordinatore dell’operazione COVID Shield, il tenente generale John Froen, ha detto mercoledì in un’audizione al Senato che circa l’11% dei residenti idonei non ha ancora richiesto l’aumento.

Governo Campagna pubblicitaria potenziata Mira a ricordare ai giovani australiani che la loro vita sociale, il lavoro e i modelli di fitness “sono stati supportati dalla massima assunzione possibile di vaccini, compresi i booster”, ha affermato.

Il tenente generale Frewin ha affermato che le ragioni della bassa affluenza alle urne tra i bambini sotto i 40 anni includono confusione e “compiacimento nell’avviare un’impresa”.

Leader della squadra COVID-19, tenente generale John Frewin.credito:Alex Ellinghausen

“Le persone non hanno più paura di Omicron come lo erano con le varianti precedenti”, ha detto.

Le persone l’hanno sperimentato e hanno continuato a pensare e pensare: ‘Non è un grosso problema. Perché preoccuparsi di ottenere una dose di richiamo? “

Ha detto che alcuni erano ancora confusi su quando avrebbero dovuto prenotare un’iniezione di richiamo se avessero recentemente contratto il COVID-19.

L’Australian Technical Advisory Group on Immunization raccomanda che le persone che hanno contratto il COVID-19 dopo aver ricevuto un ciclo iniziale di vaccinazione dovrebbero ricevere una dose di richiamo una volta che si sono completamente riprese, di solito 4-6 settimane dopo l’infezione.

L’idoneità per la vaccinazione di richiamo comprende le persone di età pari o superiore a 16 anni che hanno ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19 almeno 3 mesi fa.

READ  Boris Johnson per ora sta evitando un bagno di sangue

Si consiglia alle persone con grave immunodeficienza di assumere una terza dose da due a sei mesi dopo la seconda dose per completare il ciclo primario, con una quarta dose di richiamo tre mesi dopo.

Il tenente generale Frouen ha difeso il rilascio del booster nonostante il 22° posto dell’Australia nell’OCSE, affermando che la nazione “ha iniziato a lanciare il booster subito dopo che molti dei paesi attualmente classificati sopra di noi”.

“Crediamo che saliremo in quelle classifiche”, ha detto.

Ha detto che quasi il 90 per cento delle persone con più di 70 anni nelle case di cura residenziali, “le nostre più vulnerabili”, hanno ricevuto una dose di richiamo.