Agosto 15, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il soprano americano che insultava la faccia nera si ritira dall’opera italiana | intrattenimento

ROMA (AFP) – I soprano Angel Blue hanno detto che non si esibirà in un’opera in Italia questo mese perché la faccia nera è stata usata in un’altra performance quest’estate sullo stesso palco.

La cantante americana ha pubblicato una nota sulla sua pagina Instagram angeljoyblue in cui afferma che questo mese si ritirerà da “La Traviata” all’Arena di Verona perché il teatro ha recentemente messo in scena un’altra opera di Giuseppe Verdi, “Aida”, i cui interpreti indossavano una faccia nera.

Ha criticato tale uso di “vecchie” pratiche teatrali definendole “offensive, degradanti e apertamente razziste”.

Tuttavia, Angel Blue è ancora elencato sabato sul sito web dell’Arena per aver cantato il ruolo di Violetta ne “La Traviata” dal 22 al 30 luglio.

Il teatro ha detto che sperava che Blue, che è nero, avrebbe accettato un invito a incontrare i funzionari dell’Arena per un “dialogo” sulla questione. Arena, in una dichiarazione di venerdì, ha affermato che “non ha assolutamente alcun motivo e nessuna intenzione di offendere e infastidire nessuno”.

Per decenni, le organizzazioni americane per i diritti civili hanno condannato pubblicamente Blackface – dove gli artisti bianchi si scaldano il viso – come disumanizzante i neri introducendo e rafforzando gli stereotipi razziali.

Quest’estate l’arena ha tenuto spettacoli della serie “Aida” basata su una rappresentazione teatrale dell’opera classica del 2002 del regista italiano Franco Zeffirelli, scomparso nel 2019. Questo spettacolo utilizza una faccia nera.

I Soprano hanno iniziato a postare su Instagram “I miei amici, la mia famiglia e i miei fan dell’opera”. “Sono giunto alla sfortunata conclusione che quest’estate non canterò La Traviata all’Arena di Verona come previsto”.

READ  Sky Studios promuove il produttore di "Devils" e "Gomorra" Nils Hartmann per supervisionare la Germania e l'Italia

Riferendosi alla decisione di Arina di usare il trucco del viso nero nel film “Aida”, la cantante ha scritto: “Lasciatemi essere assolutamente chiaro: usare il viso nero in qualsiasi circostanza, artistica e non, è una pratica molto fuorviante basata sulla tradizione teatrale. non ha posto nella società moderna, è degradante, offensivo e apertamente razzista”.

Ha scritto che non poteva “in buona coscienza associarmi a un’istituzione che continua questa pratica”.

La dichiarazione del teatro affermava che “Angel Blue si è impegnata intenzionalmente a cantare sul ring” anche se le “caratteristiche” dell’opera di Zeffirelli del 2002 erano “ben note”.

Tuttavia, il teatro ha sottolineato la speranza che la sua protesta alla fine avrebbe migliorato la comprensione interculturale e istruito il pubblico italiano.

“Ogni Paese ha radici diverse e le sue strutture culturali e sociali si sono sviluppate lungo percorsi storici e culturali diversi. Solo dopo anni di dialogo e comprensione reciproca sono state raggiunte convinzioni comuni”, si legge nel comunicato della Fondazione Arena di Verona.

La dichiarazione di Arena ha sottolineato il dialogo, “nel tentativo di comprendere consapevolmente la prospettiva degli altri, riguardo agli impegni artistici assunti”.

“Contradizioni, giudizi, etichette e assenza di dialogo alimentano solo la cultura delle contraddizioni che respingiamo completamente”, si legge nel comunicato, chiedendo la cooperazione “per evitare divisioni”.

Stampa canadese. Tutti i diritti riservati.