Ottobre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il sindacato di rugby all’incrocio poiché la necessità di intrattenimento minaccia la sicurezza | gli sport

eQualcuno a cui piace il rugby si sarà spaventato a un certo punto durante il fine settimana. Per molti è stato questo il momento in cui il brillante capitano dell’Italia, Michele Lamaro, ha scoperto che la sua squadra, sotto la retorica frustrata della legge, avrebbe dovuto giocare per un’ora con 13 uomini contro una delle migliori squadre del mondo. In alternativa, potrebbe essere stata una splendida ripresa di Thomas Francis che si è unito nuovamente alla mischia a Twickenham dopo aver mostrato esattamente il tipo di sintomi di atassia che i giocatori avrebbero dovuto rimuovere in modo permanente.

O forse sono state le frequenti lunghe pause in entrambi i giochi. O un ripristino che richiede tempo. O il costante cinguettio del fischio dell’arbitro Mike Adamson durante la partita dell’Inghilterra contro il Galles. O le maree fastidiose delle autocisterne che entrano nel campo di gioco? O l’incoerenza quando l’attaccante irlandese Ryan Bird ha afferrato il suo avversario italiano Marco Zanon con lo stesso tipo di contrasto diretto che ha portato a AzzurroIl sostituto di una prostituta, Hame Faiva, riceve un cartellino rosso.

Ripartizione: Iscriviti e ricevi la tua e-mail settimanale di rugby union.

Come è successo, lo sviluppo più oscuro di tutti, ad eccezione dell’Ucraina, doveva ancora arrivare. Ed è stato anche scioccante. Sono stati pubblicati i risultati preliminari di uno studio dell’Australian Sports Brain Bank sulle ramificazioni a lungo termine della commozione cerebrale nello sport, con l’encefalopatia traumatica cronica rilevata nel cervello di più della metà degli atleti deceduti esaminati, di cui tre di età inferiore ai 35 anni Tra i 21 cervelli donati postumi dal 2018, persone che si esercitavano con il rischio di lesioni alla testa ricorrenti, 12 cervelli presentavano lesioni CTE, mentre tutti tranne uno mostravano una qualche forma di neurodegenerazione.

Il che ci lascia con una chiara testimonianza dell’ex edizione irlandese David Corkery in un gioco solido, Intervista scritta con delicatezza Con Gary Doyle su RugbyPass la scorsa settimana. “Ho la pelle d’oca quando vedo i successi nel gioco moderno”, ha rivelato Corkeri. “Ho avuto così tante commozioni cerebrali, ho perso il conto. Soffro di depressione da anni. Il cane nero è sempre nell’angolo, pronto ad abbaiare. La mia depressione, ha qualcosa a che fare con quelle ferite alla testa? Non lo so, non lo so”.

Ovviamente, anche il rugby ha molti elogi per questo. Dove saremmo senza le Sei Nazioni? Ma solo una persona con gli occhi e le orecchie chiusi può non apprezzare lo stretto margine su cui lo sport ora galleggia. Non prendere abbastanza sul serio la possibilità di lesioni cerebrali e lo sport è destinato a fallire. Andare troppo oltre nella direzione opposta in termini di leggi misteriose e comprovate e punizioni infinite e quante persone vogliono ancora guardarlo? È una situazione rischiosa e le prossime mosse per il rugby saranno molto importanti.

Perché tutto ciò che vediamo è intrecciato per quanto riguarda il quadro generale del rugby. La partita dell’Irlanda contro l’Italia di domenica è sfociata in una farsa che difficilmente poteva essere vista, in parte perché la salute e la sicurezza hanno portato le leggi che regolano i sostituti di prima divisione a diventare propriamente bizantine. Anche gli impressionanti Capitani Nazionali multilingue faticano a capire. Ma come, esattamente, salvaguardare il benessere dei giocatori e preservare l’integrità del credito di gioco costringendo una squadra inferiore ad assorbire più penalità dopo aver già perso la prima scelta nella cagna a causa di un vero infortunio alla fine del torneo?

Dan Sheehan è gestito da Hame Faiva. Fotografia: Dan Sheridan/INFO/Rex/Shutterstock

Se l’Italia avesse sbagliato nel foglio di squadra, lo avrebbe dovuto presentare 48 ore prima del calcio d’inizio e nominato ufficialmente una terza prostituta, avrebbe potuto trattenere 14 uomini. Invece, sono stati effettivamente puniti per essere stati onesti e, senza alcun modo per evitare graffi indiscussi, hanno dovuto concedere a un altro giocatore. Di conseguenza, l’intero tavolo del torneo potrebbe essere compromesso. E se l’Irlanda vincesse il titolo ora con una differenza di punti? Le reti dell’Italia potrebbero comunque aver ceduto 50 punti, ma nei prossimi anni il risultato di domenica dovrebbe portare l’asterisco permanente.

L’intero episodio sembrava sbagliato. Proprio come i recenti fallimenti di valutazione dei capi che hanno causato anche l’ira di alcuni degli alti funzionari dello sport. Insieme all’episodio di Francis, che il gruppo di pressione del Progressive Rugby ha giustamente definito una “chiara e palese violazione” dei protocolli di valutazione del trauma cranico, stiamo ancora tutti aspettando l’esito di un’indagine indipendente sull’incidente alla fine della partita dell’Italia contro l’Inghilterra’s Wonder. 20 partite in cui il medico di gara in visita sembrava cercare di persuadere Wisdom a consentire a un giocatore inglese potenzialmente infortunato di rimanere in campo piuttosto che andare all’aeroporto internazionale di Hamad.

Più dura il silenzio spiacevole, maggiore è il sospetto che ci sia qualcosa da nascondere. Le percezioni sono importanti e c’è un onere crescente per gli organi di governo e le gilde di essere puliti come i giocatori che guidano. Nel frattempo, si è già capito che molti di loro concordano sul fatto che le continue interruzioni delle partite possono “uccidere la scena”. Aspettatevi che le normative sui vettori d’acqua, in particolare, saranno notevolmente inasprite a maggio.

Thomas Francis nella battaglia del Galles contro l'Inghilterra.
Thomas Francis nella battaglia del Galles contro l’Inghilterra. Foto: David Rogers/Getty Images

Tuttavia, il caos di Dublino è visto come un insieme estremo di circostanze che difficilmente si ripetono. Il che, per il momento, non suggerisce di riscrivere alcuna legge. Hmmm. Quanti spettatori casuali avevano un’idea di cosa stesse succedendo, non importa quali fossero i presunti esperti? Il che solleva la questione se un libro di legge sul rugby gonfio e gonfio sia del tutto adatto allo scopo.

In verità, World Rugby e Sei Nazioni sono stati fortunati su due questioni durante il fine settimana: primo, che l’Italia ha fatto un pugno così coraggioso per condizioni impossibili; E secondo, che Francis non ha ricevuto un altro duro colpo al suo ritorno. Ma che dire di tutti quei successi in bundle che non riusciamo a vedere? L’ultima cosa di cui il rugby ha bisogno in questo momento sono i suoi gol.

Questo è un estratto dall’e-mail settimanale del rugby union, The Breakdown. Per iscriversi è sufficiente visitare questa pagina e seguire le istruzioni.

READ  Il regista Paul Haggis è stato arrestato in Italia per violenza sessuale