Dicembre 8, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il settore della moda e del tessile italiano è sulla buona strada per una piena ripresa

Milano – Il settore della moda italiano si sta riprendendo più velocemente del previsto e questo dovrebbe aiutare l’industria a uscire dal pantano associato alla pandemia a meno che l’aumento dei casi globali di COVID-19 e la nuova variabile Omicron non impongano nuove restrizioni.

Queste le previsioni formulate giovedì da Cirillo Marcolin, presidente di Confindustria Moda. Secondo i dati forniti dall’organizzazione, il settore dovrebbe chiudere nel 2021 con un fatturato in aumento del 20,6 percento rispetto al 2020 a 90,4 miliardi di euro, equivalente a un calo del 7,7 percento rispetto alle vendite del 2019. Nel 2020, l’industria ha perso 23 miliardi euro, ovvero il 23,5 per cento delle sue entrate.

Altro da WWD

“C’è un cambiamento positivo nel lavoro in tutte le aziende, ma è ancora irregolare”, ha detto Marcolin durante una teleconferenza Zoom. “Mi aspetto che la ripresa avvenga più velocemente e prima del 2023, ma ciò deve ancora essere completamente definito”, ha affermato.

Nei primi otto mesi del 2021, terminati il ​​31 agosto, le esportazioni sono aumentate del 26,2% rispetto allo stesso periodo del 2020 a 42,7 miliardi di euro. Questo è ancora del 5,1% al di sotto dei livelli pre-pandemia, nonostante l’aumento delle esportazioni verso la maggior parte dei paesi internazionali nella regione a doppia cifra.

Ad esempio, le esportazioni del 2021 verso Stati Uniti e Cina sono in aumento, rispettivamente del 46,5% e del 64,6% rispetto al 2020. Dopo mesi di perdita di quote di mercato a Hong Kong, la regione è cresciuta del 19,6%, ma non è tornata alla quota del 2019.

“Anche se stiamo assistendo a un revival con grande interesse per il Made in Italia Prodotti in tutti i mercati, siamo ancora chiamati a essere vigili, poiché la pandemia continua a dilagare in tutta Europa”.

READ  Fiore Depolito 1928-2021 | Notizie, sport, lavoro

Nei tre mesi terminati il ​​30 settembre, secondo le stime basate sull’intervista, le vendite di moda sono aumentate del 18,1% rispetto allo stesso periodo del 2020, mentre gli ordini sono aumentati del 21,3%.

“Le aziende di moda devono affrontare molteplici sfide”, ha affermato Marcolin. “Anche se ci stiamo lasciando alle spalle la pandemia, salvo prossime brutte notizie, l’emergenza sanitaria ha lasciato il segno nel settore della moda”, ha affermato.

L’aumento dei costi delle materie prime e dell’energia sta causando problemi alla filiera e secondo Confindustria Moda intervista 300 dei suoi partner, il 70 per cento dei ItaliaLe filiali dell’azienda di moda hanno lamentato i costi aggiuntivi e l’esposizione a sorpresa, e il 78% ritiene che ciò influenzerà la ripresa.

A tal fine, Marcolin si è unito agli altri suoi colleghi nel sostenere che le dimensioni contano più che mai.

“Piccolo e bello non sono più sostenibili e la giusta dimensione è fondamentale per mantenere viva la pressione”, ha affermato.

L’AD non ha fatto necessariamente riferimento ad attività di fusione e acquisizione – catturate ai vertici della filiera della moda italiana – ma ad associazioni e raggruppamenti volti a fornire alle aziende i mezzi per affrontare al meglio le sfide future e predisporre una volta fondi del Piano Nazionale di Risanamento e Resilienza sono sbloccati.

Ha spiegato: “Non daremo i soldi a caso, ma piuttosto saranno indirizzati a progetti e iniziative che mirano a guidare la trasformazione digitale e sostenibile del settore”.

Interrogato sul rapporto dell’associazione con il governo italiano guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, ha affermato che Confindustria Moda ha chiarito le sue recenti richieste intorno a tre pilastri principali, tra cui digitalizzazione, sostenibilità ed educazione. Quest’ultimo è al centro di un dibattito in corso tra istituzioni e rappresentanti del settore, i quali sentono che il sistema educativo italiano non sta facendo abbastanza per preparare gli artigiani di domani, mettendo a rischio il Made in Italy.

READ  L'hype torna in campo nel 2021: le Twin Cities

Queste richieste sono in linea con le note di questa settimana della Camera della Moda, che ha chiesto al governo italiano di stanziare fondi e misure di sostegno per formare il personale e ridurre la pressione finanziaria sulle aziende di moda del Paese impegnate a sostenere i propri lavoratori attraverso iniziative di assistenza sociale. .

registrare per WWD Newsletter. Per le ultime novità, seguici su Twittere Sito di social network Facebook, E Instagram.