Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite esorta le società di combustibili fossili a “nutrirsi” di profitti mentre “brucia il pianeta” e le bollette dell’elettricità salgono alle stelle

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che le economie ricche dovrebbero colpire le compagnie petrolifere e del gas con nuove tasse inaspettate per fornire aiuti ai paesi che lottano con il cambiamento climatico e alle persone che lottano con l’aumento delle bollette energetiche e alimentari.

Martedì, il capo delle Nazioni Unite ha accusato i giganti dell’energia di “godere di centinaia di miliardi di dollari in sussidi e profitti inaspettati mentre i bilanci delle famiglie si riducono e il nostro pianeta brucia”.

I commenti di Guterres, all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, sono arrivati ​​sulla scia della proposta dell’Unione Europea di imporre una tassa inaspettata alle compagnie petrolifere, del gas e del carbone, molte delle quali hanno riportato profitti record come la guerra della Russia in Ucraina e una crisi energetica che ha fatto salire i prezzi.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres si rivolge alla 77a sessione dell’Assemblea Generale presso la sede delle Nazioni Unite. (AFP)

La Commissione europea propone che i paesi dell’UE prendano una quota del 33% dell’eccedenza degli utili aziendali. Il Regno Unito ha introdotto una tassa inaspettata del 25% all’inizio di quest’anno per fornire sollievo alle persone che lottano con le bollette energetiche, ma il primo ministro neoinsediato Liz Truss ha affermato che non l’avrebbe estesa per pagare un programma di sostegno molto più ampio questo inverno e il prossimo. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha discusso l’idea in estate, ma ha ottenuto poca presa.

“Oggi, chiedo a tutte le economie avanzate di tassare i profitti inaspettati delle compagnie di combustibili fossili”, ha detto Guterres all’assemblea. “Questo denaro dovrebbe essere reindirizzato in due modi: verso i paesi che subiscono perdite e danni a causa della crisi climatica e verso le persone che soffrono per l’aumento dei prezzi del cibo e dell’energia”.

I suoi commenti arrivano anche quando parti del mondo sono colpite da eventi meteorologici estremi causati dalla crisi climatica causata dall’uomo. Più di 1.500 persone sono morte in Pakistan durante tre mesi di intense piogge monsoniche che gli scienziati hanno collegato al cambiamento climatico. Le autorità di gestione dei disastri affermano che più di 300 persone sono morte a causa delle inondazioni in Nigeria quest’anno.

Un’immagine della nave Brave Commander che trasporta grano dall’Ucraina viene proiettata sugli schermi mentre il Segretario generale António Guterres si rivolge alla 77a sessione dell’Assemblea generale presso la sede delle Nazioni Unite. (AFP)

Questa settimana uragani e uragani hanno causato inondazioni a Porto Rico, Repubblica Dominicana e Giappone. La siccità colpisce vaste aree degli Stati Uniti, della Cina e dell’Europa.

Registra profitti, aumentando la disuguaglianza

Guterres ha avvertito che “un inverno di malcontento globale incombe” mentre la disuguaglianza “esplode” e la crisi del costo della vita “si intensifica” mentre il pianeta brucia.

“Dobbiamo tenere conto delle società di combustibili fossili e dei loro abilitanti”, ha aggiunto. Ciò include banche, private equity, gestori patrimoniali e altre istituzioni finanziarie che continuano a investire e garantire l’inquinamento da carbonio.

Nel secondo trimestre di quest’anno, il gigante del petrolio e del gas Shell ha registrato un profitto record di 11,5 miliardi di dollari (17,2 miliardi di dollari), battendo il record precedente stabilito solo tre mesi fa. Anche ExxonMobil ha battuto il proprio record nello stesso periodo, raggiungendo $ 17,9 miliardi ($ 26,77 miliardi), quasi il doppio di quanto realizzato nel primo trimestre molto redditizio. L’utile di BP ha raggiunto il massimo in 14 anni di $ 8,45 miliardi ($ 12,64 miliardi).

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio ha accusato i giganti dell’energia di “godere di centinaia di miliardi di dollari in sussidi e profitti inaspettati mentre i bilanci delle famiglie si riducono e il nostro pianeta brucia”. (AFP)

È probabile che la guerra russa in Ucraina dominerà l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Tuttavia, la crisi climatica sarà inevitabile, intersecandosi con molti temi all’ordine del giorno, tra cui l’energia e la sicurezza alimentare.

Digger avanza alla scoperta “una volta nella vita”.

“La crisi climatica è la questione determinante del nostro tempo”, ha detto Guterres. “E dovrebbe essere la priorità numero uno per ogni governo e organizzazione multilaterale. Eppure l’azione per il clima viene messa indietro, nonostante lo schiacciante sostegno pubblico in tutto il mondo”.

READ  "È stata una bella pausa da tutto": due uomini salvati dopo 29 giorni dispersi in mare | Isole Salomone