Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il ritorno del dominio del dollaro all’ordine del giorno nella Repubblica Democratica del Congo

La Repubblica Democratica del Congo ha rilanciato il sogno di vecchia data di promuovere la moneta nazionale ed emarginare il dollaro per riprendere il controllo delle principali leve economiche.

L’economia della RDC è stata “dollarizzata” in modo informale diversi decenni fa sotto la dittatura del maresciallo Mobutu Sese Seko, il cui governo caotico ha portato all’inflazione a quattro cifre.

Oggi il franco congolese e il dollaro USA coesistono, ma il dollaro è ancora ampiamente utilizzato.

I dollari vengono utilizzati nei principali contratti, transazioni commerciali, conti bancari dei ricchi e persino dai negozianti e dagli sportelli automatici.

“Il dollaro USA è la valuta comune, proprio come l’inglese è la lingua comune”, ha detto un venditore di Le Chateau, il soprannome di una piccola strada nel quartiere degli affari di Kinshasa costellata di tendoni di cambiavalute.

L’uso del dollaro ha domato l’iperinflazione, ma ha anche esaurito lo spazio del governo per plasmare la politica fiscale e la spesa, che sono gli strumenti primari della gestione economica.

Si ritiene che le valute estere rappresentino oltre il 90% dell’offerta di moneta in questo vasto paese di oltre 2,3 milioni di chilometri quadrati (888.000 miglia quadrate).

Ora le autorità stanno ancora una volta pensando a come rafforzare la posizione del franco congolese, anche se il pensiero è ancora in una fase iniziale.

Il presidente Felix Tshisekedi ha invitato il governo a “pensare profondamente a rendere il franco congolese una valuta forte e stabile”, secondo il verbale di una riunione del gabinetto del 6 agosto.

READ  I villaggi del sud Italia ti pagheranno $ 33.000 per trasferirti e avviare un'impresa

Il rapporto afferma che un rafforzamento del franco migliorerebbe il potere d’acquisto del pubblico e aiuterebbe ad “accelerare il processo di de-dollarizzazione”.

Il modo per raggiungere questo obiettivo sarebbe attraverso “una serie di misure volte a utilizzare il franco congolese come unità di conto per tutte le transazioni”, afferma il rapporto.

Le misure imposte alla fine degli anni ’90 sono fallite a causa della stagnazione associata alla guerra nell’est del paese e al boom del mercato nero dei cambi.

Il conflitto nell’est, tra gruppi armati ed esercito l’uno contro l’altro, continua fino ad oggi, e un altro tentativo è stato lanciato nel 2012, quando il governo nutriva grandi speranze di crescita e nuove leggi dalle alte denominazioni del franco congolese.

Ma anche questo è fallito, poiché dopo quasi 10 anni il governo e il nuovo capo della banca centrale del paese, Malango Kabede Mbwe – un ex funzionario del Fondo Monetario Internazionale (FMI) – sono stati incaricati di trovare una nuova soluzione.

Non sono stati rilasciati dettagli su come intendono andare avanti, ma consigli e avvertimenti non sono disponibili.

Il quotidiano Le Potentiel ha avvertito questa settimana che “parlare della de-dollarizzazione della vita nazionale … non dovrebbe essere uno slogan o un appello per intenzioni fugaci”.

Ha esortato lo stato a “predicare con l’esempio attraverso i suoi vari servizi dal basso verso l’alto.

L’economista Michel Nsomo ha detto che un problema fondamentale stava trattenendo il governo.

“Le istituzioni finanziarie internazionali chiedono un giro di vite sull’inflazione, e questo è stato usato come scusa per limitare l’emissione del franco congolese”, ha detto.

Il risultato, ha detto, è stato quello di aprire le porte a un afflusso “massiccio e non regolamentato” di valuta estera.

READ  Ikon Pass si espande in Europa con l'aggiunta di Dolomiti Superski in Italia e Kitzbühel in Austria per l'inverno 21/22

Ha detto che tali priorità erano sbagliate.

In un paese ricco di minerali di ogni tipo, ma in cui più di due terzi dei suoi 80 milioni di persone vivono in povertà, ha affermato, “la lotta alla disoccupazione (e) lo sviluppo delle risorse” dovrebbe avere la precedenza sulla lotta all’aumento dei prezzi. .

“Non importi lo sviluppo, lo fai dall’interno”, ha detto Nsumu.

Il governo ha ricevuto un aiuto con gli ultimi dati sull’inflazione, con l’inflazione mensile alla fine di luglio allo 0,42 percento, rispetto al 2,95 percento dell’anno prima.

La valuta congolese ha recentemente goduto di una stabilità molto relativa, attestandosi a circa 2.000 franchi per dollaro.

Ma molti congolesi sono scettici.

Avevano conosciuto così tante difficoltà e delusioni che non potevano credere che la situazione sarebbe cambiata con l’onda di qualche bacchetta magica.

“Che sciocchezza!” disse il cassiere a “Le Chateau”.