Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il ritiro e il downgrade del FMI confermano un rating economico negativo

Mentre la delegazione russa si preparava a parlare alla riunione del G-20 di mercoledì, i ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali di Stati Uniti, Unione europea, Regno Unito e Canada si sono alzati e se ne sono andati.

Non sono rimasti ad ascoltare ciò che il ministro delle finanze russo Anton Siluanov, che si è effettivamente unito, o il suo vice, Timur Maksimov, che era nella stanza, né Elvira Nabiulina, capo della Banca centrale russa, hanno detto sull’economia globale.

Cristina Lagarde twittare una foto Uno di questi manifestanti inaspettati si trova nel cavernoso corridoio della seconda sede del Fondo Monetario Internazionale. “Siamo con l’Ucraina e contro la guerra aggressiva della Russia”, ha affermato il presidente della Banca centrale europea.

Il linguaggio al vetriolo di funzionari finanziari tipicamente moderati come il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen, che ha condannato la “guerra illegale e ingiustificata” della Russia contro l’Ucraina, sottolinea come l’invasione abbia dominato le riunioni di primavera del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale di questa settimana a Washington.

Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, ha affermato in diverse occasioni che l’invasione è stata una “massiccia battuta d’arresto” per l’economia globale, con il fondo che ha abbassato le sue previsioni per il 2022 dal 4,4% stimato di recente a gennaio al 3,6%.

Il presidente della Banca mondiale David Malpass ha affermato che l’impatto della guerra in Ucraina sull’aumento dei prezzi di cibo ed energia creerebbe una “catastrofe umanitaria” in molti paesi poveri, mentre i dipartimenti finanziari e di stabilità del Fondo monetario internazionale hanno avvertito della crisi del debito tra i paesi poveri. Affrontano una tempesta perfetta di inflazione in aumento, crescita inferiore e tassi di interesse statunitensi più elevati.

READ  La normativa italiana sull'uso gratuito è stata aggiornata ai sensi della Direttiva sul diritto d'autore

L’Ucraina è destinata a perdere il 35% della sua produzione quest’anno e ha chiesto maggiore aiuto nella sua crisi di bilancio. Avrai bisogno di 5 miliardi di dollari al mese per i prossimi tre mesi solo per far funzionare lo stato.

Georgieva ha esortato i paesi ricchi ad accelerare e fornire i finanziamenti necessari. Accumulare più debiti del debito che già porti in questo ambiente di entrate in forte calo e spese in aumento esponenziale [is] Semplicemente non saggio”, ha detto.

Grafico a linee degli emittenti sovrani dei mercati emergenti di valuta forte che mostra che più di un quinto degli emittenti obbligazionari dei mercati emergenti negozia titoli di debito in un territorio in difficoltà

Sebbene la Russia rappresenti solo il 2,7% dell’economia globale, questa settimana è diventato chiaro che il suo riemergere come stato paria avrebbe minato la cooperazione globale.

Il G-20, che ha poche regole formali e funge da prezioso negozio di discussione tra le maggiori economie del mondo, è stato completamente ostacolato dal continuo coinvolgimento della Russia e dal ritiro dei paesi occidentali.

Non è stata in grado di pubblicare una dichiarazione in cui si discutesse di lei, lasciando l’Indonesia – che quest’anno presiede il gruppo – nella sinistra posizione di cercare di parlare dei risultati conseguiti dalla sua presidenza in un momento di tensione e sciopero.

Ciò è culminato nel momento più surreale durante le conferenze stampa post-incontro, quando Sri Mulyani Indrawati, ministro delle finanze indonesiano, ha ammesso che le discussioni si erano svolte “in circostanze difficili”, ma è stato contraddetto da Virio Kakaribo, capo della politica fiscale del Paese agenzia. “Lo spirito di cooperazione e pluralismo era già evidente durante l’incontro”, ha affermato.

Pochi crederebbero che il G-20 sia ora all’altezza della sua definizione di “forum principale per la cooperazione economica internazionale”.

READ  Bruxelles rilancia la riforma finanziaria dell'UE, puntando a rilanciare gli investimenti verdi - EURACTIV.com

Il G7 vorrebbe espellere la Russia da queste discussioni e ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Canada “si rammaricano[ted] La partecipazione della Russia ai forum internazionali, compresi gli incontri del Gruppo dei Venti, il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale questa settimana”.

Anche il rifiuto della Russia di sminuire il consiglio di amministrazione del FMI, il Comitato monetario e finanziario internazionale, non è stato in grado di concordare una dichiarazione ufficiale.

Kristalina Georgieva
L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha affermato che l’invasione russa ha aumentato, piuttosto che diminuito, la necessità di cooperazione internazionale negli affari economici. © José Luis Magana / AP

L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale ha fatto pochi progressi nelle discussioni e nei negoziati di questa settimana. Alla conferenza stampa di chiusura di Georgieva, ha parlato dei “risultati molto tangibili del nostro incontro” e ha evidenziato un accordo per creare il Fondo per la resilienza e la sostenibilità del Fondo monetario internazionale per aiutare i paesi poveri a finanziare sfide a lungo termine, come la transizione verso l’energia pulita . L’unico problema è accettare di istituire questo meccanismo di finanziamento Era già stato colpito lo scorso ottobre.

Invece di vantarsi dell’accordo fiscale globale dell’OCSE del 2021 in Dichiarazione del Fondo Monetario InternazionaleL’organizzazione internazionale lo ha appena accennato perché le scadenze sono già in ritardo.

Il “quadro comune” della comunità internazionale per affrontare la crisi del debito riunendo tutti i creditori pubblici e privati ​​funziona a malapena perché, come ha affermato Georgieva, “non ci sono processi e calendari chiari e ben stabiliti”.

Tuttavia, Georgieva ha parlato a nome di molti affermando che sebbene il FMI non potesse pubblicare dati che richiedessero un accordo unanime, l’invasione russa ha aumentato, piuttosto che diminuito, la necessità di cooperazione internazionale in materia economica. “La stragrande maggioranza dei membri vede questa crisi come una prova che dovremmo cooperare e confrontare le note sulle politiche [and] Trova modi in cui possiamo lavorare in solidarietà”, ha detto.

READ  La Francia ha ottenuto un risultato indesiderato, con oltre 100.000 morti a causa del Coronavirus

Il futuro dell’elaborazione delle politiche economiche potrebbe risiedere in raggruppamenti regionali di cooperazione piuttosto che in forum globali.

Pierre-Olivier Gorenchas, capo economista del Fondo monetario internazionale, ha evidenziato le conseguenze di una tale mossa, affermando in un’intervista al Financial Times: “Se diventiamo un mondo con molti conglomerati diversi, dovremo fare un passo indietro da molto delle economie integrate per le quali abbiamo creato filiere, che abbiamo costruito… e costruiamo qualcos’altro di più stretto [and] di portata minore.

Ci saranno costi di modifica [and] Ci saranno perdite di efficienza e questo potrebbe portare a un aumento dei costi unitari perché le cose non stanno andando così efficientemente come prima”.

“Se siamo in un mondo in cui abbiamo masse diverse, non so esattamente come [IMF] può funzionare. Diventi un’impresa che opera per un blocco senza l’altro? Come funziona in diverse parti del mondo? Non è sicuramente qualcosa che è desiderabile su molti fronti”.