Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il Regno Unito è solo uno dei paesi del G7 con un’economia più piccola rispetto a prima del Covid-19 | Crescita economica (PIL)

Una ripresa più debole del previsto dalla pandemia di coronavirus ha lasciato il Regno Unito l’unico paese del G7 con un’economia più piccola rispetto all’inizio del 2020, secondo i dati ufficiali che potrebbero minare le misure di taglio delle tasse del governo.

In vista dell’incontro del primo ministro e del cancelliere con il capo dell’organismo di previsione del governo indipendente venerdì mattina, l’Office for National Statistics (ONS) ha pubblicato dati che mostrano che invece dell’economia più grande dello 0,6% rispetto a febbraio 2020, una combinazione di una recessione più profonda. Durante la pandemia e la debole ripresa l’hanno ridotta dello 0,2%.

Una performance migliore del previsto nel secondo trimestre di quest’anno, invertendo la precedente stima di un calo dello 0,1% in un aumento dello 0,2% e ribaltando la valutazione secondo cui il Regno Unito era in recessione entro giugno, non è stato sufficiente per stimolare la crescita del PIL a sufficienza riprendersi. Uno dei primi blocchi nel 2020 ha portato a una battuta d’arresto gran parte dell’economia.

A causa delle nuove cifre, gli analisti hanno affermato che Richard Hughes, capo dell’Office of Budget Responsibility indipendente del Tesoro, dovrà adottare una linea dura nel valutare l’impatto fiscale di ulteriori prestiti.

Tutte le altre principali economie del G7, comprese Francia e Italia, si sono riprese abbastanza forte da essere più grandi di quanto non fossero a febbraio 2020.

“Nonostante le buone notizie sull’andamento dell’economia nel secondo trimestre, il quadro generale è che l’economia è in condizioni peggiori di quanto pensassimo in precedenza”, ha affermato Paul Dills, economista di Capital Economics.

“E questo prima che ci sia un impatto significativo su una maggiore inflazione e un aumento degli oneri finanziari”.

READ  L'Italia può aiutare il Bangladesh a diversificare i suoi panieri di esportazione

Commissione del PIL

La Banca d’Inghilterra ha dichiarato all’inizio di questo mese di aver capito che l’economia britannica era già in recessione dopo aver previsto un calo dello 0,1% del prodotto interno lordo nel terzo trimestre, che ha portato a due trimestri consecutivi di crescita negativa, ma l’Office for National Le statistiche stimano la crescita nel secondo trimestre mostra che mentre l’economia è in recessione, è improbabile che entri in una recessione fino alla fine dell’anno.

Dati separati hanno mostrato che i prezzi delle case non sono aumentati su base mensile per la prima volta da luglio 2021, nell’ultimo segnale di rallentamento del mercato causato dalla pressione sul costo della vita e dall’aumento dei tassi di interesse.

Venerdì scorso Kwasi Kwarteng ha pubblicato un piano economico che, secondo lui, stimolerebbe la crescita attraverso tagli alle tasse.

Tuttavia, gli investitori hanno risposto al mini-budget vendendo la sterlina e scaricando i titoli di stato del Regno Unito, aumentando il conto degli interessi del Tesoro.

Samuel Tombs, capo economista del Regno Unito presso Pantheon Macroeconomics, ha affermato che i numeri suggeriscono che il danno che Covid-19 e Brexit hanno arrecato alla capacità di crescita dell’economia è stato maggiore di quanto si pensasse in precedenza.

“Queste revisioni costringeranno l’Office of Budget Responsibility ad abbassare la sua stima del potenziale PIL futuro”, ha affermato.

Le recenti turbolenze sui mercati finanziari britannici hanno anche messo in luce l’ampio disavanzo delle partite correnti nel Regno Unito. Il volume delle importazioni che supera il valore delle esportazioni è peggiorato dalla crisi finanziaria del 2008 e dal voto sulla Brexit, nonostante il forte calo del valore della sterlina ha reso le esportazioni più economiche.

I dati dell’Office for National Statistics hanno mostrato che il divario delle partite correnti in aprile-giugno si è ridotto a 33,8 miliardi di sterline, o il 5,5% da un disavanzo di 43,9 miliardi di sterline nel primo trimestre, che è stato rivisto al ribasso rispetto alle stime precedenti.

Tuttavia, il deficit di gennaio-marzo è rimasto il più grande mai registrato, ha affermato l’Office for National Statistics, rivelando le difficoltà che gli esportatori britannici stanno affrontando nel trovare mercati per i loro prodotti e servizi.