Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il rapporto IPCC mostra “potenziale perdita di interi paesi durante il secolo” | isole del Pacifico

Gli esperti hanno avvertito che il riscaldamento globale superiore a 1,5 gradi Celsius sarebbe “catastrofico” per le nazioni insulari del Pacifico e potrebbe costare a intere nazioni l’innalzamento del livello del mare nel corso del secolo.

Pacifico È stato a lungo visto come il “canarino nella miniera di carbone” della crisi climatica, poiché la regione ha lottato con le maree, uragani catastrofici, aumento della salinità nella falda freatica che rende impossibile la coltivazione delle colture, siccità persistente e perdita di isole basse a causa dell’innalzamento del livello del mare. Si prevede che la frequenza e la gravità di queste crisi aumenteranno con il riscaldamento del mondo.

Gli avvertimenti arrivano quando il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha pubblicato lunedì il suo rapporto di riferimento sul riscaldamento globale, che ha mostrato che le emissioni di gas serra devono essere dimezzate per limitare il riscaldamento a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali – è incluso un obiettivo. Nell’accordo di Parigi solo dopo la costante pressione dei leader delle isole del Pacifico.

“il [IPCC] Satyendra Prasad, ambasciatore delle Figi e rappresentante permanente presso le Nazioni Unite, ha affermato che il rapporto è profondamente preoccupante. “È andato oltre il punto in cui tutti pensavamo che le stime fossero … presentando alcuni degli scenari catastrofici che stavamo considerando nel Pacifico: aumento del livello del mare, perdita di pianure, potenziale perdita di interi paesi entro un decennio. Le scadenze per queste cose saranno sicuramente molto più vicino».

Il rapporto IPCC ha presentato cinque scenari basati su diversi livelli di anidride carbonica e altre emissioni di gas serra. Negli scenari di emissioni elevate e ultraelevate descritti nel rapporto, la temperatura globale dovrebbe raggiungere rispettivamente 3,6°C e 4,4°C rispetto ai livelli preindustriali entro la fine del secolo. Anche nello scenario medio, è molto probabile che il riscaldamento globale venga superato di 2°C.

Il rapporto ha rilevato che ogni 0,5°C in più di riscaldamento globale provoca un marcato aumento dell’intensità e della frequenza di ondate di calore, forti piogge, siccità ed eventi meteorologici estremi.

L’impatto del riscaldamento globale è stato avvertito per anni in tutto l’Oceano Pacifico, ha affermato Prasad.

“Inondazioni e tempeste catastrofiche si sono verificate con grande frequenza: una volta ogni 50-100 anni gli eventi si sono verificati ogni 10. Immediatamente si può intuire che uragani catastrofici, super cicloni, siccità prolungate, diventeranno più frequenti e più intensi attraverso il piccolo Pacifico. isole», disse.

un Nuovo rapporto di Greenpeace Australia Pacific Ha evidenziato la forte ingiustizia climatica affrontata dalla regione del Pacifico, che è una delle regioni a più basse emissioni di carbonio al mondo ed è responsabile solo dello 0,23% delle emissioni globali, ma ha subito alcuni dei primi e più gravi impatti dell’aumento delle temperature globali .

“Se guardiamo a quali sono questi impatti, forse più che altrove, il Pacifico è il più colpito”, ha affermato il dottor Nicola Cassol, capo della ricerca e delle indagini di Greenpeace Australia Pacific.

“Vedremo più salinità, vedremo innalzarsi il livello del mare… [that] Potrebbe significare che gran parte di luoghi come Kiribati, Vanuatu e le Isole Salomone sono diventati inabitabili”.

Iscriviti per ricevere le notizie più interessanti da Guardian Australia ogni mattina

Giuseppe Sekulow, Amministratore delegato, Pacifico, Gruppo attivisti per il clima 350.orgHa detto che il rapporto dell’IPCC è “molto cauto e preoccupante, ma inaspettato. Si può già dire dalla mancanza di leadership e ambizione che c’era a livello globale sul cambiamento climatico, quella era la direzione che stavamo prendendo”.

Sekulow ha affermato che l’allarmante verità di cui il rapporto dell’IPCC ha messo in guardia, i devastanti esempi reali della crisi climatica che si sta verificando in tutto il mondo: incendi negli Stati Uniti, ondate di calore in Canada, incendi in Siberia, Turchia, Grecia e inondazioni in Cina. – Queste sono le cose su cui l’Oceano Pacifico ha messo in guardia da anni.

“Questo è ciò di cui abbiamo parlato per decenni, perché la crisi climatica era alle porte molto prima che colpisse tutti”, ha detto.

L’Oceano Pacifico è stato a lungo visto come il canarino della miniera di carbone, segnale di questa crisi. La nostra realtà è stata usata per decenni per evidenziare la crisi climatica… La conversazione sta cambiando e tutti ora comprendono la realtà della crisi climatica, motivo per cui è più importante che mai mettere in prima linea le comunità. “

READ  La ricerca soffocante di un paziente COVID's Zero