Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il rapporto condanna le forti disuguaglianze sociali nell’accesso alle cure

Malattie croniche e tumori

Nel corso della vita, il rischio di sviluppare una malattia cronica, ad eccezione di alcuni tipi di cancro, è più alto tra i più poveri che tra i ricchi.

Pertanto, il 10% più povero dei francesi sviluppa il diabete 2,8 volte più spesso del 10% più ricco. Anche l’aumento del rischio di malattie croniche del fegato o del pancreas è di 2,4 punti per i più poveri rispetto ai più ricchi ed è di 2 punti per le malattie mentali.

Spicca solo il caso dei tumori: possono manifestarsi “in misura leggermente inferiore nelle persone con standard di vita più modesti”. Drees osserva che le persone benestanti sono “spesso curate dal cancro alla prostata e al seno” e le persone umili con cancro ai polmoni. Ma questo potrebbe essere spiegato dal minor ricorso ai test di screening: nel 2019, le donne di età compresa tra 50 e 74 anni che non si erano mai sottoposte a mammografia erano il 24% tra le più ricche contro il 39% tra le più rischiose.

L’abbandono delle cure colpisce anche le persone più umili, il che esacerba i deserti medicinali in alcune zone.

Per DREES, queste differenze possono essere spiegate in parte da “stili di vita diversi in base al background sociale”. Tra i più modesti, la dieta prevede meno frutta e verdura, con più obesità, rileva il Servizio Statistico.

READ  Il sistema sanitario: un ruolo maggiore per le istituzioni Sheikh Zayed e Sheikh Khalifa