Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il prossimo leader di Samoa afferma che il piano dei porti cinesi non è realistico e continuerà a esercitare pressioni sull’Australia sul cambiamento climatico

L’atteso nuovo primo ministro delle Samoa ha affermato che lo sviluppo dei porti sostenuti dalla Cina nel paese non è realistico e che il suo approccio all’economia sarà basato su decisioni sostenibili.

In un’intervista ad ampio raggio con ABC, Fyami Naomi Matafa ha affermato che il suo governo continuerà a fare pressioni sull’Australia sul cambiamento climatico.

Dovevano iniziare i lavori per un nuovo molo nella baia di Fausu, che il primo ministro Tuilaipa Sailile Maligoy aveva da tempo definito “un progetto finanziato dalla Cina”.

Ma Viam, che dovrebbe formare il governo lunedì quando si riunirà il parlamento, ha detto che le sue priorità saranno altrove.

Caricamento in corso

“Siamo un piccolo paese. In questo momento, il nostro aeroporto soddisfa le esigenze di un piccolo paese”, ha detto Viamy al programma Pacific Beat della ABC.

“Occorre lavorare per migliorare i nostri porti e punti di ingresso. Ma non sono del tutto sicuro che i mega progetti infrastrutturali siano necessariamente la strada giusta”.

Fiame per continuare a premere l’Australia sul cambiamento climatico

Samoa si trova in una situazione di stallo politico dalle elezioni del 9 aprile che inizialmente hanno portato a 25 seggi per ciascuno dei due principali partiti.

Il Partito per la protezione dei diritti umani ha dominato la politica nel paese per quasi 40 anni e il suo leader, Twilaypa, 76 anni, ha ricoperto la carica per più di 22 anni, rendendolo uno dei leader più longevi al mondo.

Il primo ministro delle Samoa Twilaypa Sailelli
Tuilaepa Sailele Malielegaoi ha contestato in tribunale il risultato delle elezioni del mese scorso.

Ma mentre spera che la sentenza odierna del tribunale le spianerà la strada per formare un governo, ha detto che si concentrerà sul convincere più cittadini del suo paese a svolgere un ruolo nella crescita economica.

Caricamento in corso

“Non vediamo l’ora di lavorare con il settore privato e la popolazione in generale, per fare investimenti in cui le persone possono iniziare a costruire e raggiungere i propri mezzi di sussistenza”, ha detto.

Twilipa ha criticato apertamente l’approccio dell’Australia al cambiamento climatico e Famei ha affermato che la posizione di Samoa non cambierà sotto la sua guida.

“È una regione che è gravemente colpita dagli effetti del cambiamento climatico”.

Se Fiam diventa primo ministro come previsto, diventerà solo la seconda leader donna nelle Isole del Pacifico, dopo la dottoressa Hilda Heine delle Isole Marshall.

“È importante in termini di genere”, ha detto il politico di lunga data.

“Sono abituato al business, anche se l’interesse sarà probabilmente un’esperienza molto più recente perché praticamente sono stato sotto il radar per la maggior parte del tempo”.

Più prestiti è l’ultima risorsa

La famosa Naomi, con i capelli grigi corti, indossa un vestito rosso e i suoi capelli hanno una rosa rossa.
Fiame Naomi Mata’afa dice che Samoa rivedrà le sue relazioni con molti paesi.(

Agence France-Presse: Faith / Fast

)

Un certo numero di paesi del Pacifico si sono trovati coinvolti in una battaglia tra l’Occidente e la Cina per l’influenza nella regione.

La Cina è il più grande creditore singolo delle Samoa, un paese di 200.000 persone che rappresenta circa il 40%, o circa 200 milioni di dollari, del suo debito estero.

“Siamo molto preoccupati di trasferirci a [more] Prestiti. “Questa sarà la nostra ultima risorsa”, ha detto Fame riguardo alla ripresa economica del paese dopo il Covid-19.

“Il nostro approccio generale all’economia, soprattutto quando iniziamo, è quello di avere un approccio sostenibile all’economia”.

Nonostante i piani per annullare lo sviluppo del molo di Vaiosu Bay, Famei ha affermato che i forti legami del suo paese con Pechino continueranno.

“L’unica cosa che penso [is] Noi, come nuova amministrazione, abbiamo tutte le opportunità per rivedere le attività di tale relazione in futuro.

“La Cina non è l’unico partner o donatore dei nostri sforzi di sviluppo e credo che abbiamo bisogno di una revisione realistica, non solo della Cina ma di tutti i nostri partner di sviluppo”.

READ  La Nuova Zelanda sospende il viaggio dall'India dopo il salto nei casi di Covid-19 | Nuova Zelanda