Gennaio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il proprietario Del Vecchio gestisce l’attività nella stessa casa della Vandergrift in cui è cresciuto

Fin da piccolo Tommy Skanga si è sentito a casa in cucina.

“Io cucino”, ha detto Skanja, 62 anni, residente a Vandergrift da tutta la vita.

Mentre cucinava insieme a sua madre, Mary Ann Skanga, Tommy Skanga ha imparato in tenera età come preparare piatti italiani come il chutney fatto in casa con polpette, braiseol e costine di maiale.

Scanga, un macellaio di terza generazione, possiede e gestisce la sua azienda, Del Vecchio’s Sausage & Fries, un food truck e commissioner al 328 di Lowell St. In Vandergrift.

È la stessa casa dove è nata e cresciuta sua madre. È la stessa casa qui dove i suoi genitori hanno aperto un’attività Vandergrift chiamata Del Vecchio Market nel 1925 dopo che suo padre Louie emigrò in America dall’Italia negli anni ’40.

In questi giorni, Skanga possiede l’edificio.

Ha detto che non ha mai pensato di andarsene dalla città.

“Devo restare qui”, ha detto. “Amo quello che faccio.”

Diplomato alla Kiski District High School, Skanja ha lavorato nell’azienda di famiglia fino alla sua chiusura nel 1993.

È un ex volontario Vandergrift Volunteer Fire Department #2 e anche un volontario per l’annuale Vandergrift Holiday Festival. Dona dal 10% al 20% delle sue vendite di camion di cibo a tutti i vigili del fuoco che frequenta durante i festival gastronomici stagionali.

Quando era un ragazzino, dopo la scuola Skanja lavorava con la sua famiglia nel negozio all’angolo.

Ha iniziato creando piccole ossessioni e in seguito ha continuato a prelevare i clienti con le monete nella tazza fino a quando non si è dimostrato abbastanza affidabile e preciso da gestire un registratore di cassa.

READ  OverIT collabora con Pluralsight per supportare la sua espansione globale attraverso lo sviluppo delle competenze tecnologiche

“I miei genitori lavoravano 12 ore al giorno, sei giorni alla settimana gestendo il mercato”, ha detto Skanga. “La domenica era l’unico giorno libero. Era il giorno della famiglia e della chiesa”.

Skanga va in giro facendo volontariato e cucinando durante alcune ore di sonno ogni notte.

“I giovani non vogliono fare quello che faccio io, ha detto.

La caratteristica, autentica salsiccia italiana risale alla ricetta di suo padre nel 1925. È fatta con condimenti, budello tutto naturale e spalle di maiale al 100%.

Menziona il nome Scanga di Vandergrift e sarai sicuramente riconosciuto.

“I miei figli hanno sempre scherzato sul fatto che saremmo andati al negozio e che ci sarebbe voluto un’eternità perché conoscevo tutti”, ha detto Skanja. “Siamo stati una parte della città per sempre.”

Fred Speaks, 61 anni, è amico di Scange dalle scuole medie.

“Ha sicuramente ottenuto l’etica del lavoro dei suoi genitori e dello zio”, ha detto Speaks. “La salsiccia non esiste. La mangio da 40 anni”.

Spix ha detto che la dedizione e la lealtà di Scanga alla sua città vanno ben oltre.

“Se un Vandergrift avesse un colore, Tommy lo sanguinerebbe”, ha detto Speaks.

La cliente di lunga data Lisa Schrader ha affermato che Skanga ha un “cuore d’oro” e adora le uova fritte, le patatine fritte fresche e le polpette.

“Sta continuando la sua tradizione di famiglia e tutto sta diventando nuovo”, ha detto Schrader.

Ha detto che Skanja è conosciuto in tutta la città per i suoi instancabili sforzi per aiutare gli altri.

“È premuroso e generoso e aiuta molte persone in molti modi, come dare ai suoi amici un passaggio per lavorare”, ha detto Schrader. “Non ha mai esitato ad aiutare ed è il primo a farsi avanti per raccogliere fondi”.

READ  Il marchio che non morirà mai - Politico

Per Skanga, aiutare le persone della sua città natale è sempre stata una priorità.

“Ho dato a qualcuno (non identificato) la scorsa settimana in modo che potesse riparare il serbatoio dell’acqua calda, ma non si tratta di me”, ha detto. “Lo faccio perché voglio aiutare qualcuno, non perché voglio un favore”.

Joyce Hans è una scrittrice per la Tribune Review. Puoi contattare Joyce al 724-226-7725, [email protected] o tramite Twitter .