Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il programma italiano per i rifugiati in Ucraina complicato – ActionAid

ActionAid Italia ha annunciato che il governo italiano sta organizzando un programma di accoglienza per i rifugiati ucraini. Il panel ha condannato la “mancanza di trasparenza e problematiche” relative alla Rete dei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) per richiedenti asilo.

ActionAid Italia ha affermato giovedì 10 marzo che il programma di ospitalità attualmente organizzato dal governo italiano per i rifugiati ucraini “ha ancora molti punti che devono essere chiariti sulla sua gestione”.

La sezione italiana dell’organizzazione Right to Fight Poverty and Injustice, in collaborazione con il sito OpenPolice, presidia i centri di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo in tutto il Paese.

Da anni ActionAid condanna la “rara trasparenza e i problemi della rete straordinaria del CAS”, soprattutto a seguito dei cosiddetti Ordini di Sicurezza approvati tra il 2018 e il 2020 quando il leader leghista Matteo Salvini era ministro dell’Interno italiano.

Meno centri CAS e servizi di integrazione a seguito di ordini di sicurezza

Secondo un rapporto di monitoraggio condotto in questo periodo, gli ordini di sicurezza sono stati ridotti in media del 25% al ​​giorno per persona nel sistema di hosting CAS, fornendo meno servizi di coordinamento agli ospiti, tra cui mediazione linguistica e culturale, assistenza legale e psicologica. ha detto ActionAid.

Secondo il gruppo per i diritti, gli incentivi concessi alle organizzazioni senza scopo di lucro per gestire i centri hanno portato a un livello di competenza inferiore.

Inoltre, la chiusura di diverse strutture ha portato a centri più grandi abitati da un gran numero di persone, osserva il rapporto.

La chiusura ha infatti interessato centri molto piccoli, principalmente appartamenti e strutture abitate da meno di 50 persone. Tra il 2018 e il 2020, 21.000 seggi sono andati persi in piccoli centri, afferma il rapporto.

READ  Bazari si prepara alla WRC2 Fabia in Italia

In provincia di Milano il costo di un day guest con tre grandi centri (fino a 300 ospiti) in Italia è stato ridotto del 45%.

Dei 220 centri CAS operanti nel 2018, solo 37 sono rimasti a Milano entro la fine del 2020.

In provincia di Napoli, invece, le spese giornaliere sono state ridotte del 22% e al 31 dicembre 2020 sono state aperte 2.060 strutture CAS, rispetto alle 3.759 del 2018.

Tentativi su comuni, piccoli centri – Rete CAS non basta

Fabrizio Coresi, esperto di migrazione di ActionAid Italia, ha dichiarato: “Nonostante la necessità di implementare strutture straordinarie durante le emergenze, è importante rivedere la creazione di centri SAI (sistema di accoglienza per l’integrazione) sotto la responsabilità dei comuni. La permanenza dovrebbe essere “temporanei” come i centri, ha detto.

Corezi ha chiesto “un’espansione del sistema SAI e dei moduli di micro-accoglienza” o che i piccoli nuclei familiari in un’area “proteggano i diritti e la dignità degli ospiti con servizi e standard adeguati”, nonché CAS adeguati. centri.