Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il programma di perdono del prestito studentesco del presidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe aiutare oltre 40 milioni

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato un piano che ridurrà – e in molti casi cancellerà il debito del prestito studentesco – di oltre 40 milioni di americani, una mossa storica ma politicamente divisiva in vista delle elezioni di medio termine.

Mantenendo la sua promessa elettorale, Biden ha cancellato $ 10.000 ($ 14.500) di debiti per prestiti studenteschi federali per coloro che guadagnano meno di $ 125.000 ($ 181.000) all’anno o famiglie che guadagnano meno di $ 250.000 ($ 362.000) dollari americani).

Rinuncia a $ 10.000 aggiuntivi per coloro a cui sono state assegnate le borse di studio federali Pell per frequentare il college.

È visto come un tentativo senza precedenti di arginare la marea del debito studentesco statunitense in rapido aumento, ma non affronta la questione più ampia: l’alto costo dell’università.

I repubblicani hanno subito denunciato il piano come un affronto agli americani che avevano pagato i loro debiti ea coloro che non erano andati al college.

C’erano anche timori che il piano potesse peggiorare l’inflazione.

I critici di tutto lo spettro politico si sono anche chiesti se Biden abbia l’autorità per fare la mossa. Le sfide legali sono quasi certe.

Biden ha anche esteso una pausa sui pagamenti dei prestiti studenteschi federali per quella che ha definito “un’ultima volta”. La moratoria durerà fino alla fine dell’anno, con rimborsi a gennaio.

“Entrambe le misure mirate sono per le famiglie che ne hanno più bisogno: i lavoratori e la classe media sono stati duramente colpiti durante la pandemia”, ha detto Biden mercoledì alla Casa Bianca.

La cancellazione si applica ai prestiti studenteschi federali utilizzati per l’iscrizione a scuole universitarie e post-laurea, insieme ai prestiti Parent Plus.

Il presidente Joe Biden alza un dito mentre parla dal podio dietro la bandiera americana.
La mossa storica ma politicamente divisiva di Biden arriva in vista delle elezioni di medio termine.(Foto AFP: Susan Walsh)

Gli studenti universitari esistenti si qualificano se i loro prestiti sono stati emessi prima del 1 luglio. Per gli studenti a carico, il reddito familiare dei genitori deve essere inferiore a $ 250.000.

La maggior parte delle persone dovrà richiedere l’agevolazione. Il Dipartimento dell’Istruzione ha dichiarazioni di reddito per una piccola quota di mutuatari, ma la stragrande maggioranza dovrà dimostrare il proprio reddito attraverso il processo di richiesta.

I funzionari hanno detto che le domande saranno disponibili entro la fine dell’anno.

Il piano di Biden rende 43 milioni di mutuatari idonei alla remissione del debito, con 20 milioni i cui debiti potrebbero essere cancellati completamente, secondo l’amministrazione.

Circa il 60 percento dei mutuatari riceve borse di studio Pell federali, destinate a studenti universitari con le esigenze finanziarie più significative, il che significa che più della metà di loro potrebbe ricevere $ 20.000 di sgravio.

Troppo o non abbastanza?

Coriandoli colorati sui laureati mentre festeggiano durante la cerimonia di laurea.
Il piano non si applica ai futuri studenti universitari.(AFP: Seth Wing)

Sabrina Kartan, un’analista dei media di 29 anni a New York City, prevede di eliminare completamente il suo debito federale. Quando ho controllato il saldo mercoledì, era di $ 9.940.

Come studentessa universitaria di prima generazione, lo ha descritto come un “momento di insediamento”.

“So che ci sono persone che pensano che questo non sia abbastanza, ed è vero per molte persone”, ha detto la signora Kartan, che ha già pagato circa $ 10.000 dei suoi prestiti.

“Posso dire che per me personalmente e per molte persone sono un sacco di soldi”.

Per Braxton Simpson, che ha più di $ 40.000 in prestiti studenteschi, il piano di Biden è un ottimo primo passo, ma non è sufficiente.

Da donna di colore, ha affermato che l’istruzione superiore è una condizione per un futuro finanziario più stabile, anche se ciò significa assumere grandi quantità di debiti.

“Per uscire da molte situazioni che erano una parte sistematica della nostra vita, dobbiamo andare a scuola, ed è così che finiamo per indebitarsi”, ha detto la signora Simpson.

Il piano non si applica in futuro agli studenti universitari, ma Biden propone una regola separata che ridurrebbe i pagamenti mensili sul debito degli studenti federali.

La proposta creerebbe un nuovo piano di pagamento che richiederebbe ai mutuatari di pagare non più del 5% dei loro guadagni, in calo rispetto al 10% in piani esistenti simili.

Aumenterebbe anche il pagamento minimo, il che significa che nessuno che guadagna meno del 225% del livello di povertà federale dovrebbe effettuare pagamenti mensili.

Come legge, non richiederebbe l’approvazione del Congresso. Ma potrebbe volerci più di un anno per finirlo.

Il piano di Biden arriva dopo più di un anno di deliberazioni, con il presidente che deve affrontare forti pressioni da parte dei liberali che volevano una riduzione completa del debito e di moderati e conservatori che ne mettevano in dubbio l’equità fondamentale.

Una volta promessa la campagna popolare durante le primarie presidenziali, la questione ha creato una situazione quasi invincibile.

Alcuni democratici hanno criticato il piano mercoledì, dicendo che era troppo costoso e fa poco per risolvere la crisi del debito.

La cancellazione del debito, un nuovo piano di pagamento e il blocco dei pagamenti costeranno da $ 400 miliardi a $ 600 miliardi, secondo il Committee on Responsible Federal Budget, un’organizzazione no profit che sostiene la riduzione del disavanzo.

Il Job Creators Network, che promuove politiche economiche conservatrici, ha affermato che sta esaminando le opzioni legali, con il presidente e CEO Alfredo Ortiz che definisce gli sforzi del presidente “fondamentalmente ingiusti” nei confronti di coloro che non hanno mai preso in prestito per l’istruzione.

AP

READ  Il comitato dell'Organizzazione mondiale della sanità avverte che al mondo manca la capacità di porre fine alla pandemia e affrontare nuove epidemie