Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il progetto di risoluzione esorta i paesi a tornare il prossimo anno con obiettivi migliori per il 2030

Prima del suo ritorno al vertice, il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato: “Le squadre negoziali stanno facendo il duro lavoro in questi ultimi giorni della COP26 per trasformare le promesse in azioni sul cambiamento climatico. C’è ancora molto da fare”.

Il primo ministro ha detto che si incontrerà con ministri e negoziatori per conoscere i progressi e dove devono essere colmate le lacune.

“Questo è più grande di qualsiasi singolo paese ed è tempo che i paesi mettano da parte le differenze e si uniscano per il bene del nostro pianeta e della nostra gente”, ha affermato.

“Dobbiamo fare tutto il possibile se vogliamo mantenere 1,5 gradi Celsius alla nostra portata”.

Bill Hare, un eminente scienziato del clima e fondatore di Climate Analytics, ha affermato che la bozza di risoluzione non si concentra abbastanza sull’urgente necessità di colmare l’enorme divario di emissioni del 2030 e stabilire un processo politico di alto livello nel 2020 per farlo.

“A questo punto, la bozza esorta solo le parti che non hanno ancora assunto impegni nuovi o aggiornati a farlo prima del 2022”, ha affermato Hare. Tuttavia, molti hanno dato i loro contributi determinati a livello nazionale [nationally determined contributions] che non sono migliorati o migliorati affatto, e non sono affatto sufficienti per il limite di 1,5 gradi dell’accordo di Parigi. “

Ha esortato la presidenza britannica della COP a invocarlo e a non portare avanti la questione fino al 2023, cosa implicita nel testo.

Scarica

“Questo dovrebbe andare oltre il semplice ricordare ai paesi gli articoli pertinenti dell’accordo di Parigi che molti paesi hanno finora ignorato”.

READ  Una delle famose strade di Melbourne è stata definita la strada più cool del mondo

Il climatologo dell’Università di Melbourne, Malte Meinshausen, ha affermato che i progetti di decisione sulla mitigazione del clima contengono una serie di clausole che rafforzerebbero in modo significativo le decisioni precedenti, comprese le richieste delle parti per accelerare l’eliminazione graduale dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili.

Ha affermato che ci sono anche chiare indicazioni per paesi come l’Australia di andare avanti con misure più forti, “non manuali vuoti”, riferendosi a una clausola che esorta le parti a tornare entro il 2022 per tornare con strategie di sviluppo a lungo termine e a basso contenuto di gas serra.

“C’è una spinta, dato quello che sappiamo sugli impatti, affinché la comunità internazionale adotti un obiettivo di 1,5 gradi anche se è molto difficile e potremmo andare oltre”, ha affermato il professore associato Meinshausen. “Il testo finale potrebbe essere notevolmente migliorato se fissasse 1,5 gradi come obiettivo concordato”.

Un’analisi aggiornata delle Nazioni Unite pubblicata mercoledì ha mostrato che il mondo era ancora sulla buona strada per aumentare di 2,7 gradi sopra le temperature preindustriali entro il 2100, nonostante le nuove promesse di riduzione delle emissioni già fatte nell’ambito dei colloqui sul clima a Glasgow.

La proiezione è molto peggiore delle precedenti stime pubblicate alla fine della scorsa settimana perché non tiene conto di alcune delle promesse fatte al di fuori del processo formale della COP, come le promesse di accelerare rinunciare al carbone e ridurre emissioni di metano.

Il punteggio di 2,7 del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente si basa sugli obiettivi per il 2030, piuttosto che sugli impegni più ambiziosi per il 2050, che sono considerati più credibili.

READ  Una nave passeggeri del Bangladesh è affondata dopo essersi scontrata con una nave da carico, uccidendo almeno 21 persone

Se le temperature aumentano di 2,7 gradi, si prevedono le conseguenze per il clima terrestre Panel intergovernativo sui cambiamenti climatici essere disastroso.

Il capo della COP26 Alok Sharma ha avvertito prima del vertice di Glasgow che qualsiasi aumento della temperatura superiore a 2 gradi ucciderebbe tutte le barriere coralline del mondo ed esporrebbe 2 miliardi di persone a ondate di calore estreme.

“Se le temperature continuano ad aumentare, attraverseremo una serie di porte a senso unico, la cui destinazione finale è la catastrofe climatica”.

Taryn Fransen, specialista in politica internazionale sui cambiamenti climatici presso il World Resources Institute, ha affermato che l’ampia variazione nelle previsioni riflette le diverse metodologie utilizzate.

“Tutti questi studi utilizzano ipotesi leggermente diverse su quali impegni dovrebbero includere”, ha detto.

Quando esamina i rapporti e “confronta le mele con le mele”, ha detto, emerge un quadro più chiaro.

Le analisi che citano un numero medio di riscaldamento basato su obiettivi per il 2030 porterebbero il riscaldamento a un intervallo compreso tra 2,4° e 2,5°. Quelli con 2.050 obiettivi mostrano un aumento della temperatura di poco meno di due gradi.

L’obiettivo della COP26, secondo i padroni di casa del Regno Unito, è mantenere “1.5 in vita”.

A tre giorni dalla fine dell’incontro, quell’obiettivo non è alla portata.

Ricevi aggiornamenti quotidiani sul Summit sul clima che plasmerà il nostro futuro. Iscriviti alla newsletter della COP26 Qui.