Ottobre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il principe Carlo dice ai giovani agricoltori familiari di unirsi

Il principe Carlo ha esortato i piccoli agricoltori a conduzione familiare in tutto il mondo a “lavorare insieme in una cooperativa globale” e creare una “forza per numero” per affrontare le future interruzioni nel settore agricolo.

Il re di 72 anni ha chiesto che la difficile situazione degli agricoltori sia al centro del lavoro ambientale mentre l’industria sta subendo una “massiccia trasformazione”.

I suoi commenti sono arrivati ​​tra le accuse secondo cui l’accordo commerciale della Gran Bretagna con l’Australia post-Brexit, che aprirà i mercati britannici agli agricoltori del Down Under, ce la farà. Tutto tranne che per una “fattoria familiare” è impossibile competere con enormi quantità di importazioni dall’estero.

In un pezzo coniato da L. custodeIl Principe di Galles ha affermato che le aziende agricole a conduzione familiare devono essere “ una parte fondamentale di qualsiasi transizione giusta, inclusiva, equa e giusta verso un futuro sostenibile ”, sottolineando che negli ultimi 30 anni sono andate perse più di 100.000 aziende agricole a conduzione familiare.

Ha scritto: “Ci sono piccole aziende agricole in tutto il mondo che possono riunirsi in una cooperativa globale impegnata nella produzione di alimenti secondo standard ambientali elevati”.

Il principe Carlo, 72 anni, ha chiesto che la difficile situazione degli agricoltori sia al centro dell’azione ambientale ed esorta i piccoli agricoltori familiari a trovare “forza nel numero”

Il principe ha detto di aver precedentemente sollevato la questione delle cooperative e che lo avrebbe fatto di nuovo perché “la nuova era richiede un nuovo pensiero”.

Ha aggiunto: “ Credo nella forza dei numeri e spesso ho pensato che il modo migliore per garantire un futuro sostenibile a queste piccole aziende agricole familiari fosse che si unissero in una sorta di collaborazione.

READ  Il piano radicale di Singapore per far fronte al COVID-19

“Anche se sembra esserci una profonda avversione per le cooperative di agricoltori in questo paese (ho fatto del mio meglio nel corso degli anni per incoraggiarle e crearle, ma con scarso effetto), stanno andando bene in molte parti d’Europa.

Le cifre mostrano che 3,4 milioni di allevamenti di bestiame nell’Unione europea sono stati persi tra il 2005-2006 e nel Regno Unito 45.500 aziende sono andate perse in 12 anni dal 2005 al 2016, secondo The Guardian.

All’inizio di quest’anno, Charles ha lanciato la Terra Carta Initiative, incoraggiando il settore privato a proteggere il pianeta adottando la sostenibilità e investendo 7,3 miliardi di sterline in “capitale naturale”.

A febbraio, il re ha anche chiesto di “prepararsi a fare le cose in modo diverso” poiché l’industria agricola ha affrontato un cambiamento importante.

Il Principe di Galles ha detto che dovrebbero esserlo le fattorie familiari

Il Principe di Galles ha affermato che le aziende agricole a conduzione familiare devono essere “una parte fondamentale di qualsiasi transizione giusta, inclusiva, equa e giusta verso un futuro sostenibile”

In un articolo pubblicato su Farmers Weekly, ha scritto: “In questo nuovo mondo, il rapporto tra agricoltori, carbonio, acqua e biodiversità sarà di fondamentale importanza, con maggiori sfide e nuove opportunità.

Quindi è spesso controintuitivo, forse, che gran parte del linguaggio utilizzato per descrivere la situazione e le potenziali cure sia troppo vago, a volte appare come scelto per mascherare il vero messaggio e alienare coloro che hanno più bisogno di ascoltarlo. “.

Le recenti telefonate del principe arrivano dopo che Boris Johnson è stato accusato di “scambiare Bruxelles con Brisbane”, firmando un accordo commerciale con l’Australia che avrebbe aperto i mercati britannici agli agricoltori del Down Under.

READ  La NASA pubblica un'immagine dallo spazio che mostra un grosso problema

Minnette Butters, presidente della National Farmers ‘Union, ha detto di essere “preoccupata” per il fatto che il segretario al commercio internazionale Lise Truss stesse negoziando un accordo che renderebbe “impossibile” per le fattorie familiari britanniche competere con enormi quantità di importazioni dall’emisfero meridionale.

Scavando nel guado, il primo ministro ha indicato il suo sostegno alla signora Truss, che vuole dare ai produttori australiani un accesso esente da dazi al mercato britannico entro un decennio, dicendo che ridurrà i costi per i consumatori.

La scorsa settimana, il leader dell’SNP Westminster Ian Blackford lo ha interrogato sulle domande del primo ministro, con lo scozzese che lo ha accusato di “progettare di scaricare i nostri agricoltori e le stampelle sotto l’autobus della Brexit”.

Ciò avviene dopo che Boris Johnson è apparso in testa firmando un accordo commerciale con l'Australia che avrebbe aperto i mercati britannici agli agricoltori dal basso.

Ciò avviene dopo che Boris Johnson è apparso in testa firmando un accordo commerciale con l’Australia che avrebbe aperto i mercati britannici agli agricoltori dal basso.

Il segretario al commercio internazionale Lise Truss ha detto che gli agricoltori sono nel Regno Unito

Il segretario al commercio internazionale Lise Truss ha detto che gli agricoltori britannici “non saranno minati” da alcun futuro accordo commerciale con l’Australia.

Ma Johnson ha risposto: “ Sottovaluta grossolanamente la capacità delle persone in questo paese, delle comunità agricole di questo paese e dell’industria agricola di ottenere il massimo dal libero scambio.

Questo è un paese che è cresciuto di successo e prospero grazie al libero scambio di esportazioni in tutte le parti del mondo.

Le nostre esportazioni di prodotti alimentari non sono seconde a nessuno, dovrebbe esserne orgoglioso, dovremmo festeggiarlo e tutto ciò che fa è il nostro appello a ritirare il ponte levatoio e tornare nell’Unione europea per essere gestito da Bruxelles, e questa è la sua dichiarazione ufficiale e io credo che la gente di questo paese l’abbia rifiutato categoricamente.

READ  La Cina critica il "capro espiatorio" degli Stati Uniti prima del rilascio del rapporto sull'origine del COVID | Notizie sulla pandemia del virus corona

Nel frattempo, la signora Truss ha sottolineato che gli agricoltori britannici “non saranno minati” da alcun futuro accordo commerciale con l’Australia.

Parlando ai membri del Parlamento della Commissione per il commercio internazionale alla Camera dei Comuni, ha detto: “Ho avuto discussioni con la National Farmers Union, sono stata molto chiara con loro. Naturalmente, non vedo l’ora di assicurarmi – come mi sono impegnato – che gli agricoltori britannici non saranno indeboliti da pratiche ingiuste e giuste che altrove.

“Faremo in modo che in tutti gli accordi che facciamo l’agricoltura britannica sia fiorente e sono assolutamente fiducioso che sarà soddisfatta attraverso l’accordo con l’Australia”.