Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il primo presidente dello Zambia, Kenneth Kaunda, muore all’età di 97 anni

Kenneth Kaunda, il presidente fondatore dello Zambia e un campione del nazionalismo africano che ha guidato le battaglie per porre fine al governo della minoranza bianca in tutto il Sudafrica, è morto all’età di 97 anni.

Il presidente dello Zambia Edgar Lungu ha annunciato la morte di Kaunda giovedì sera sulla sua pagina Facebook. Longo ha detto che lo Zambia terrà 21 giorni di lutto nazionale.

“A nome dell’intera nazione e per conto mio, prego che l’intera famiglia Kaunda possa riposare mentre piangiamo il nostro primo presidente e una vera icona africana”, ha scritto Longo.

Anche Kamarang, il figlio di Kaunda, ha postato su Facebook la notizia della morte del padre.

“Mi rattrista riferire che abbiamo perso Mzee”, ha scritto, usando un termine swahili rispettoso di un anziano. “Preghiamo per lui”.

Kaunda è stato ricoverato in ospedale lunedì e in seguito i funzionari hanno detto che era in cura per la polmonite.

Il paese sudafricano sta attualmente combattendo un picco di casi COVID-19

Il signor Kaunda è stato ricoverato al Maina Soko Medical Centre, un ospedale militare che è un centro di cura per il COVID-19 nella capitale, Lusaka.

È emerso come leader nella campagna per porre fine al dominio coloniale per il suo paese, allora noto come Rhodesia del Nord, ed è stato eletto primo presidente dello Zambia nel 1964.

Durante i suoi 27 anni di governo, ha fornito un sostegno cruciale ai gruppi armati nazionalisti africani che hanno ottenuto l’indipendenza dei paesi vicini tra cui Angola, Mozambico, Namibia e Zimbabwe.

Il sig. Kaunda ha anche permesso all’ANC, che è vietato in Sudafrica, di stabilire la propria sede a Lusaka mentre l’organizzazione stava conducendo una lotta spesso violenta all’interno del Sudafrica contro l’apartheid.

Kaunda, l’uscente, ha esercitato pressioni sui leader occidentali per sostenere il governo della maggioranza in Sudafrica. Ha ballato con l’allora primo ministro britannico Margaret Thatcher al vertice del Commonwealth in Zambia nel 1979.

Sebbene la supplicasse di imporre sanzioni al regime dell’apartheid in Sudafrica, la signora Thatcher rimase una strenua oppositrice di tali restrizioni.

Kaunda si è guadagnato il rispetto come negoziatore

Il signor Kaunda alla fine ha condotto negoziati con il governo sudafricano, nonostante l’opposizione interna, a cui è attribuito l’aiuto nel costringere il regime dell’apartheid a rilasciare Nelson Mandela e consentire all’ANC di operare legalmente.

Nelson Mandela e Kenneth Kaunda posano insieme, sorridenti.
Kenneth Kaunda ha condotto negoziati che hanno contribuito a garantire il rilascio di Nelson Mandela. Sono rimasti amici per la vita dopo il suo rilascio. (

Afp: John Barkin

)

È rimasto amico per tutta la vita di Mandela dopo che il leader anti-apartheid è stato rilasciato dal carcere, ironizzando sul fatto che hanno condiviso lo stesso legame per 27 anni: è il presidente dello Zambia e il signor Mandela è un prigioniero.

Sebbene lo Zambia non sia stato risparmiato di tanto in tanto da violente lotte politiche, il sig. Kaunda è stato in grado di promuovere la pacifica convivenza di 73 gruppi etnici.

Nonostante la sua lotta contro il colonialismo, il signor Kaunda era lui stesso un fan della regina Elisabetta II e della famiglia reale britannica. Era anche un appassionato ballerino da sala e amava suonare la chitarra.

La regina Elisabetta stringe la mano a Kenneth Kaunda in una foto in bianco e nero
Kenneth Kaunda era un grande fan della regina Elisabetta. L’ha accolta a Lusaka, in Zambia, nel 1979. (

Immagine del file AP

)

È stato colpito dalle forze governative durante una manifestazione del 1997 ed è sopravvissuto a un tentativo di omicidio nel 1999. Ha incolpato gli alleati del rivale politico Frederick Chiluba per l’uccisione di suo figlio, il principe ereditario Wezzie, nel novembre 1999. Ha perso l’altro figlio Mazio a causa dell’AIDS nel 1986.

Dopo essersi ritirato dalla politica, Kaunda ha fatto una campagna contro l’AIDS ed è diventato uno dei pochi leader africani a parlare apertamente in un continente dove questo è spesso un tabù. Ha fondato la Kenneth Kaunda Foundation for Children in Africa nel 2000 ed è stato attivamente coinvolto in attività filantropiche contro l’AIDS. Ha fatto un test per l’AIDS all’età di 78 anni nel tentativo di convincere gli altri a fare lo stesso in un paese devastato dal virus.

AP

READ  Le vecchie politiche di inganno metteranno sotto accusa il Primo Ministro e Berejiklian