Gennaio 27, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il primo ministro svedese Ulf Kristersson è sotto accusa dopo che uno dei suoi collaboratori ha ammesso di aver catturato anguille senza licenza e ha mentito alla polizia.

Tra la nuova incertezza sulla candidatura della Svezia ad aderire alla NATO e un’ondata di crimini violenti in corso a Stoccolma, il primo ministro svedese Ulf Kristersson è stato coinvolto in uno scandalo sulla pesca dell’anguilla.

Il principale partito di opposizione ha detto a Christerson lunedì davanti a una commissione parlamentare dopo aver ammesso di sapere che un aiutante anziano era stato sorpreso a catturare anguille senza licenza e poi ha mentito alle autorità al riguardo quando ha nominato l’aiutante ministro degli Esteri.

L’aiutante, l’ex giornalista primo ministro Nilsson, stava pescando al largo della città meridionale di Karlskrona nel settembre 2021 quando ha detto che due uomini su un’altra barca gli si sono avvicinati ad alta velocità.

Secondo un rapporto ufficiale, Nelson aveva appena tirato quattro trappole contenenti 15 pitoni per un peso totale di 11 chilogrammi.

“Non avevo idea di chi [the men] Lei era. “Non avevano alcun segno sulla loro barca o sui vestiti per indicare che provenivano da un’autorità”, ha scritto Nelson in un post su Facebook scusandosi per le sue azioni.

“che essi [pulled up] accanto alla mia piccola barca a remi e ho chiesto se erano le mie trappole… ho interpretato come reclamare le trappole, era molto offensivo, e per evitare conflitti ho detto che le avevo trovate qui e le trappole non erano mie.”

Giovane dai capelli biondi che indossa un microfono vivavoce che parla sul palco.
Il primo ministro Nelson afferma di aver avuto “due giorni stimolanti”.(Wikimedia Commons: Frankie Vaughanthin)

Il signor Nilsson ha scritto che, dopo aver parlato con lui per alcuni minuti, gli uomini si sono presentati come dipendenti dell’Agenzia svedese per la gestione marittima e idrica.

“Allora avrei dovuto dire che erano ceramisti, ma la situazione era così imbarazzante e travolgente che ho continuato a negarlo”, ha detto.

Passò più di un anno prima che Nelson venisse nuovamente contattato per le trappole, questa volta ricevendo una chiamata dalla polizia di Karlskrona poco prima di Natale dell’anno scorso, due mesi dopo essere stato nominato ministro di stato di Kristerson.

“Sono rimasto sorpreso e non ho avuto il tempo di pensare chiaramente e ho mantenuto la mia negazione”, ha detto.

“Non avrei dovuto farlo, è meglio che dica le cose come stanno. Quando le vacanze di Natale sono finite, ho chiamato [the police] E ho cambiato le mie informazioni.

“Paccio anguille fin dall’infanzia e appartengo alla cultura della pesca della Svezia meridionale”, ha aggiunto.

I pitoni europei sono una specie in grave pericolo di estinzione e cacciarli senza licenza è un reato penale in Svezia.

Il signor Nilsson è stato multato di 38.800 SEK (circa $ 5.400).

In un post separato, ha scritto: “È stata una giornata impegnativa e stimolante per me. Non dovresti pescare anguille senza licenza”.

Quattro o cinque serpenti grigi europei nuotano sott'acqua in un piccolo gruppo.
I serpenti europei sono una specie in via di estinzione.(Wikimedia Commons: Dmitry Konstantinov)

Il primo ministro ha ammesso lunedì che Nelson gli aveva parlato dell’incidente prima della sua nomina lo scorso ottobre, dicendo all’emittente statale STV che pensava che le azioni del suo ministro degli Esteri fossero “stupide” ma che non doveva essere escluso dall’assunzione dell’incarico.

Più tardi quel giorno, i socialdemocratici dell’opposizione hanno deferito Kristersson alla commissione costituzionale del parlamento svedese, affermando di voler esaminare come è stato nominato Nilsson e se fosse opportuno che avesse un nulla osta di sicurezza dato che aveva mentito alle autorità.

“Dati i problemi che abbiamo con la criminalità grave in Svezia, è inaccettabile che il ministro di stato di un primo ministro menta alla polizia”, ​​ha detto il portavoce della giustizia del partito Ardalan Şakrabi.

READ  Jacinda Ardern si scusa per i raid "razzisti" all'alba nella comunità del Pacifico della Nuova Zelanda