Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il primo ministro malese Muhyiddin Yassin si dimette per “avidità”

“Non si preoccupano della salute delle persone”, ha detto. Non mi schiererò mai con i corrotti né sacrificherò la magistratura e la costituzione.

Ho fatto del mio meglio in questa crisi che stiamo affrontando. Spero che si formi presto il nuovo governo per continuare a lavorare”.

La domanda ora si sposta su chi gli succederà e se qualcuno può convincere il re che può comandare la maggioranza nella Camera dei rappresentanti da 222 seggi. Il vice primo ministro Ismail Sabri della United Malays National Organization, che è stato nominato alla carica solo il mese scorso, è visto come il favorito, ma altri candidati includono il leader dell’opposizione Anwar Ibrahim e il deputato senior dell’UMNO Tunku Razali Hamza.

Dopo il suo insediamento nel marzo 2020, dopo il crollo dello storico governo multietnico guidato dal dottor Mahathir Mohamad, Muhyiddin è diventato il primo ministro in carica più breve nella storia della Malesia.

Alla fine, il re stesso fu un attore importante nella scomparsa di Muhyiddin.

È stato un rimprovero pubblico senza precedenti al governo alla fine del mese scorso da parte di Yang Di-Pertuan Agung, come è noto il re, che ha spinto l’UMNO a muoversi contro di lui. I leader del partito, che ha dominato la politica malese per decenni, hanno accusato Muhyiddin e i suoi ministri di mancare di rispetto al re non ottenendo la sua approvazione per abrogare una serie di leggi che aveva introdotto durante lo stato di emergenza che andava da gennaio al 1 agosto.

Dopo che più di una dozzina dei suoi deputati hanno ritirato il loro sostegno, Muhyiddin ha indicato che un voto di fiducia si sarebbe tenuto in Parlamento il 7 settembre, aprendo la strada a settimane di contrattazione sui cavalli.

READ  Il primo ministro del Nepal affronta un voto di sfiducia nella nazione che "guarda nell'abisso di Covid"

Ma la richiesta del re della scorsa settimana di rinviare il voto alla fine ha spinto il caso.

L’instabilità politica arriva mentre il paese è coinvolto nel bel mezzo dell’epidemia di COVID-19, che è stata la peggiore nel sud-est asiatico su base pro capite.

Il numero di nuovi casi è passato da meno di 5.000 al giorno a maggio a più di 20.000 al giorno, con un totale di contagi che ha superato 1,4 milioni e un numero di decessi superiore a 12.500.

Il lato positivo della Malesia è stato l’approvvigionamento e la somministrazione di vaccini. Ha avuto uno dei programmi nazionali di immunizzazione in più rapida crescita nelle ultime sei settimane, con il 53 percento della sua popolazione di 32 milioni che ha ricevuto almeno un’iniezione e il 33 percento ora completamente vaccinato.

Il programma di vaccinazione è stato guidato dal ministro della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione Khairy Jamaluddin, educato a Oxford, che lunedì ha rivelato le dimissioni del governo.

“Grazie per l’opportunità ancora una volta di servire il Paese”, ha detto Khairy su Instagram.

Ricevi una nota diretta dal nostro straniero corrispondenti Su ciò che sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.