Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, ha salutato uno scambio “franco e positivo” con i leader dell’UE durante il suo primo viaggio a Bruxelles.

Il primo ministro italiano di estrema destra Giorgia Meloni ha accolto con favore uno scambio “molto franco e positivo” con i leader dell’Unione europea a Bruxelles giovedì dopo aver fatto una serie di osservazioni in qualche modo rassicuranti sul blocco dopo la sua elezione.

“Sono felice dell’atmosfera che ho trovato a Bruxelles”, ha detto il 45enne ai giornalisti dopo l’incontro con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, la presidente del Parlamento europeo Roberta Mezzola e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

“Da un punto di vista umanitario e personale c’è stato uno scambio molto franco e positivo”, ha aggiunto il leader, che dal dopoguerra ha guidato il governo più di destra in Italia.

Meloni si è recata a Bruxelles per i suoi primi incontri con i leader delle istituzioni dell’Unione europea da quando è entrata in carica.

Il capo della terza economia più grande dell’eurozona era determinato a concentrarsi sulla delicata questione dell’aumento dei prezzi dell’energia sullo sfondo della guerra russa in Ucraina. Il dibattito è stato in realtà avviato dal suo predecessore Mario Draghi, che ha chiesto una soluzione alla 27a Unione Europea e ha criticato l’approccio unilaterale di Berlino.

La Meloni ha affermato di aver “impostato il punto di vista italiano” e ha insistito sul fatto che “una soluzione europea dovrebbe essere trovata il prima possibile”, difendendo l’idea di un tetto massimo ai prezzi del gas.

poi lei Ha detto su Twitter Ha voluto lanciare un segnale che l’Italia “vuole partecipare, cooperare e difendere il proprio interesse nazionale nella dimensione europea e offrire le migliori soluzioni insieme ad altri Paesi alle grandi sfide”.

READ  Il ristorante dove le vere mamme italiane dominano la cucina

Ursula von der Leyen ha toccato lo stesso tono conciliante, notando in un tweet su Twitter il “segnale forte” inviato da questa visita. “E’ stata una buona occasione per uno scambio di opinioni su questioni critiche”, ha aggiunto, riferendosi in particolare all’Ucraina, all’energia e alla questione dei migranti.

L’incontro di Meloni con von der Leyen era particolarmente atteso dopo che il capo della commissione aveva avvertito in vista delle elezioni delle conseguenze che l’Italia avrebbe dovuto affrontare se si fosse allontanata dai principi democratici.

Al termine dei tre incontri a Bruxelles non è stata organizzata alcuna dichiarazione congiunta. Tutti, invece, si sono sforzati di chiarire i punti di convergenza.

“Siamo completamente alleati con l’Ucraina”, ha detto Roberta Mitsola al termine dell’incontro. “Continueremo a sostenere le sanzioni. Siamo uniti nel riaffermare il nostro sostegno all’Ucraina.

‘Una chiara volontà di mettersi in gioco’

disse Meloni prima del volo Sui social Che “la voce dell’Italia in Europa sarà forte: siamo pronti ad affrontare i grandi temi, a partire dalla crisi energetica, ea collaborare per una soluzione a sostegno delle famiglie e delle imprese e per ridurre la speculazione”.

“Da tutto ciò che abbiamo visto finora, Meloni cercherà di sottolineare che sarà assertivo ma non dirompente e può costruire un rapporto costruttivo con le istituzioni dell’UE”, Luigi Scatteri, ricercatore senior presso il Center for European Reform (CER) ha detto a Euronews prima della visita.

“La sua principale richiesta è un maggiore sforzo congiunto da parte dell’Unione Europea per far fronte ai costi energetici – continua [former Italian Prime Minister Mario] Le orme di Draghi. A tal fine, probabilmente cercherà di spingere per piccoli cambiamenti al piano di ripresa dell’UE dell’Italia, per dedicarne di più alla gestione dell’aumento dei costi energetici”.

READ  La Banca Europea per gli Investimenti concede un prestito di 15 milioni di euro alla piccola e media azienda italiana Eggtronic Engineering

Pochi giorni dopo è arrivata la visita del nuovo premier nella capitale europea Rinviata l’attuazione della riforma della giustizia Che è necessario affinché il Paese riceva i fondi dell’UE per la ripresa post-pandemia.

Roma riceverà circa 200 miliardi di euro, diventando così il maggiore beneficiario del pacchetto post-coronavirus dell’UE da 806,9 miliardi di euro.

L’erogazione dei fondi è però condizionata da alcuni traguardi che sono stati negoziati con il predecessore di Meloni, Mario Draghi. Altre riforme concordate riguardano la concorrenza e la gestione del paese.

La nomina di Giancarlo Giorgetti da parte di Meloni a nuovo ministro dell’Economia è stata in gran parte vista come un segnale ai mercati e all’UE che l’Italia avrebbe rispettato la loro partecipazione. Il politico, del partito populista di destra Laiga, era nel governo Draghi come ministro dello Sviluppo economico.

“Il rumore che sentiamo dalla Roma è molto positivo”, ha detto giovedì un funzionario dell’Ue, rilevando “una chiara volontà di partecipare e giocare secondo le regole del gioco, il che ovviamente è molto positivo”.

“Quello che sta accadendo in Italia è molto in linea con quanto sta accadendo nel contesto delle elezioni nazionali, c’è la campagna e c’è il governo, e poi c’è il coinvolgimento con l’Europa, e sono sicuro che la partecipazione (Italia) sarà avvenga di buon umore”.

Meloni ‘disposto a incolpare l’Ue’ per i fallimenti del governo

Ma Meloni ha anche adottato un atteggiamento ostile nei confronti di Bruxelles, chiedendo modifiche all’accordo da 200 miliardi di euro, sostenendo che la situazione attuale è molto diversa da quando è stato concluso per la prima volta, cosa che la Commissione ha ritenuto improbabile che consentisse.

READ  I casi globali di COVID-19 superano i 500,3 milioni, il bilancio delle vittime sale a 6,18 milioni

In patria ha accusato il blocco di alcuni dei problemi del Paese, come l’inflazione e l’immigrazione clandestina, e una volta ha definito Bruxelles una “monoro”.

“Il suo tentativo di compiacere Bruxelles – abbracciando improvvisamente uno spirito europeo costruttivo – nasconde un nuovo credo europeo, più profondo e potenzialmente dannoso. Meloni vede già l’UE come il (primo) responsabile ultimo della risoluzione di tutti i problemi italiani – dall’inflazione all’immigrazione – fino a quando non sarai pronto a dare la colpa a ciò che la sua coalizione potrebbe non essere in grado di offrire”, ha detto a Euronews Alberto Alemanno, professore di diritto dell’Unione europea all’HEC di Parigi.

“Nel mondo di Meloni, l’Ue bashing è la massima garanzia contro il fallimento politico”.

“Sebbene seguendo questa dottrina, Giorgia Meloni non esiterà a sostenere il suo ‘migliore amico’ seduto al Consiglio dell’UE: l’ungherese Viktor Orban e il polacco Mateusz Morawiecki per ottenere maggiore influenza al tavolo dell’EUCO”, ha aggiunto.